Immobili
Veicoli
Facebook/Embassy of Switzerland in Lebanon
LIBANO / SVIZZERA
05.08.20 - 23:000
Aggiornamento : 06.08.20 - 08:28

«Sono stata scaraventata attraverso l'ufficio»

La testimonianza di Monika Schmutz Kirgöz, ambasciatrice elvetica in Libano

Gli uffici della rappresentanza svizzera si trovano a Beirut, a seicento metri dal luogo della violenta esplosione

BEIRUT - Quando ieri pomeriggio una violentissima esplosione ha devastato l'area portuale di Beirut, in Libano, lei si trovava a soli seicento metri di distanza, negli uffici dell'ambasciata elvetica. «Nessuno potrà mai dimenticare quello che è successo» afferma l'ambasciatrice Monika Schmutz Kirgöz, citata in un'intervista pubblicata sul sito del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). «L'onda d'urto mi ha colpita con tutta la sua forza, scaraventandomi letteralmente attraverso il locale».

Sangue e detriti - Con il passare delle ore, il bilancio della tragedia continua ad aggravarsi: attualmente si parla di almeno 135 morti e più di 5'000 feriti. Tra questi ultimi, come reso noto già nella serata di ieri dal DFAE, si conta anche l'ambasciatrice Schmutz Kigöz. Per lei si tratta, fortunatamente, soltanto di ferite lievi. «Date le circostanze, sto bene» assicura, ricordando il suo tragitto dal posto di lavoro all'ospedale più vicino: «Ci sono andata a piedi, accompagnata da colleghi di lavoro, tutta la strada era ricoperta di sangue e detriti».

Il personale sanitario - L'ambasciatrice rivolge inoltre un pensiero particolare a tutte le persone impegnate per aiutare i numerosi feriti: «Le scene negli ospedali e per le strade sono indescrivibili e l'impegno di tutte le persone che lavorano nel settore sanitario è impressionante - dice - a loro va il mio più profondo rispetto».

In contatto coi cittadini svizzeri - Per quanto riguarda la sede di Beirut della rappresentanza elvetica, gli uffici hanno riportato danni gravi (vedi foto) e restano chiusi fino a nuovo avviso. «Il mio team e io lavoriamo quindi, in coordinazione con il Centro di gestione delle crisi del DFAE a Berna, in un'altra sede e impegnandoci con tutte le forze». L'ambasciata resta in stretto contatto coi cittadini elvetici in Libano.

In Libano vivono circa 1'500 cittadini svizzeri, come fa sapere il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). E attualmente una ventina di turisti elvetici sono registrati presso l'ambasciata. Ma per ora la Confederazione «non dispone d'informazioni su possibili vittime tra i cittadini svizzeri a Beirut» come si legge ancora sul sito del DFAE. L'ambasciatrice svizzera in Libano e un collaboratore locale sono invece rimasti feriti.

Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE)
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / RUSSIA
2 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
4 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
14 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
15 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
15 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
16 ore
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
17 ore
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
1 gior
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
1 gior
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
1 gior
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile