Keystone
GINEVRA
05.08.20 - 11:500

Il divorzio tra Pierre Maudet e il PLR è «definitivo»

Il consigliere di Stato ginevrino non intende ricorrere contro la decisione del partito di escluderlo.

Maudet continuerà a lavorare in governo senza l'appoggio di un partito. «Sono stato eletto dal popolo e rivendico la mia indipendenza. Continuerò a lottare per l'interesse comune».

GINEVRA - Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet non farà ricorso contro la sua esclusione dal PLR ginevrino decisa all'inizio di luglio dal comitato direttivo del partito. Maudet ha annunciato la sua decisione oggi in un'intervista rilasciata al settimanale gratuito GHI.

Maudet aveva 30 giorni di tempo per opporsi alla sua esclusione, ricorrendo presso l'assemblea generale del PLR ginevrino. Il consigliere di Stato ha ora abbandonato l'idea di affidarsi alla base del partito, ritenendo «difficile ricorrere su voci».

«Oggi la presidenza del partito non mi ha ancora fornito i motivi obiettivi e comprovati sui quali poggia la decisione sbrigativa del comitato direttivo», rileva Maudet, attualmente capo del Dipartimento dello sviluppo economico del cantone di Ginevra.

Il consigliere di Stato ha anche deciso di gettare la spugna, poiché teme che dispute di parte, che a suo avviso sono un regolamento di conti personali, «possano distogliere l'attenzione dalle questioni reali legate alla crisi economica attuale e futura, in particolare in termini di occupazione e riforme».

Indipendenza rivendicata - Maudet lavorerà quindi in governo senza l'appoggio di un partito «Rivendico la mia indipendenza», ha sottolineato. «Eletto dal popolo in una votazione a maggioranza due anni fa, continuerò a battermi per l'interesse comune». Ha ricordato che è la qualità dei progetti a determinare se siano sostenuti o meno dal Parlamento.

Il caso Maudet impegna la politica ginevrina da due anni. Il consigliere di Stato si è ritrovato sotto inchiesta del Ministero pubblico ginevrino per sospetta accettazione di vantaggi. La procura ha annunciato il mese scorso la sua intenzione di rinviarlo a giudizio e spedirlo sul banco degli imputati.

Il caso - A Maudet viene essenzialmente rimproverato un lussuoso viaggio del 2015 ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, che ha fatto con la sua famiglia tutto pagato da uno sceicco locale, principe ereditario membro della casa regnante, per assistere a un Gran Premio di Formula 1. La procura è invece sul punto di abbandonare la parte dell'inchiesta sul finanziamento delle attività politiche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
streciadalbüter 4 mesi fa su tio
Maudet ha commesso un grave errore e stenta ad ammetterlo:é stato nominato si`dal popolo ma sulla lista dei liberali(a Ginevra i radicali formano un altro partito,cosa che non dispiacerebbe anche in Ticino)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
45 min
Nel fiume col carrello elevatore: operaio ferito
L'incidente si è verificato ieri a Coira nell'ambito di un cantiere su un ponte pedonale
SOLETTA
10 ore
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
13 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
14 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
14 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
15 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
16 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
16 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
18 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
19 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile