Keystone
GINEVRA
05.08.20 - 11:500

Il divorzio tra Pierre Maudet e il PLR è «definitivo»

Il consigliere di Stato ginevrino non intende ricorrere contro la decisione del partito di escluderlo.

Maudet continuerà a lavorare in governo senza l'appoggio di un partito. «Sono stato eletto dal popolo e rivendico la mia indipendenza. Continuerò a lottare per l'interesse comune».

GINEVRA - Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet non farà ricorso contro la sua esclusione dal PLR ginevrino decisa all'inizio di luglio dal comitato direttivo del partito. Maudet ha annunciato la sua decisione oggi in un'intervista rilasciata al settimanale gratuito GHI.

Maudet aveva 30 giorni di tempo per opporsi alla sua esclusione, ricorrendo presso l'assemblea generale del PLR ginevrino. Il consigliere di Stato ha ora abbandonato l'idea di affidarsi alla base del partito, ritenendo «difficile ricorrere su voci».

«Oggi la presidenza del partito non mi ha ancora fornito i motivi obiettivi e comprovati sui quali poggia la decisione sbrigativa del comitato direttivo», rileva Maudet, attualmente capo del Dipartimento dello sviluppo economico del cantone di Ginevra.

Il consigliere di Stato ha anche deciso di gettare la spugna, poiché teme che dispute di parte, che a suo avviso sono un regolamento di conti personali, «possano distogliere l'attenzione dalle questioni reali legate alla crisi economica attuale e futura, in particolare in termini di occupazione e riforme».

Indipendenza rivendicata - Maudet lavorerà quindi in governo senza l'appoggio di un partito «Rivendico la mia indipendenza», ha sottolineato. «Eletto dal popolo in una votazione a maggioranza due anni fa, continuerò a battermi per l'interesse comune». Ha ricordato che è la qualità dei progetti a determinare se siano sostenuti o meno dal Parlamento.

Il caso Maudet impegna la politica ginevrina da due anni. Il consigliere di Stato si è ritrovato sotto inchiesta del Ministero pubblico ginevrino per sospetta accettazione di vantaggi. La procura ha annunciato il mese scorso la sua intenzione di rinviarlo a giudizio e spedirlo sul banco degli imputati.

Il caso - A Maudet viene essenzialmente rimproverato un lussuoso viaggio del 2015 ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, che ha fatto con la sua famiglia tutto pagato da uno sceicco locale, principe ereditario membro della casa regnante, per assistere a un Gran Premio di Formula 1. La procura è invece sul punto di abbandonare la parte dell'inchiesta sul finanziamento delle attività politiche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Maudet ha commesso un grave errore e stenta ad ammetterlo:é stato nominato si`dal popolo ma sulla lista dei liberali(a Ginevra i radicali formano un altro partito,cosa che non dispiacerebbe anche in Ticino)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
30 min
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
46 min
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
1 ora
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Friborgo
10 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
12 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
14 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
15 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
15 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
16 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
17 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile