Immobili
Veicoli
keystone
GINEVRA
04.08.20 - 12:040

Messaggi sessisti: il poliziotto resta al suo posto

Incastrato da una chat su Whatsapp, un sergente è stato licenziato dalla Città di Ginevra, ma dovrà essere reintegrato

GINEVRA - Il licenziamento immediato di un agente della polizia municipale ginevrina per messaggi inappropriati scambiati tramite WhatsApp tra aspiranti poliziotti e istruttori è definitivamente sospeso: il Tribunale federale (TF) ha respinto il ricorso della Città contro la decisione della Corte di giustizia del cantone che il TF appoggia non considerandola arbitraria.

L'uomo in questione era stato assunto nel 2002 come agente della sicurezza municipale e poi promosso nel 2015 al grado di sergente maggiore istruttore. Nel marzo 2017 in occasione di uno scambio di messaggi tramite WhatsApp del gruppo di aspiranti e istruttori, alcuni partecipanti avevano fatto commenti sessisti e razzisti. Il sergente maggiore aveva inviato sette messaggi di cui due ritenuti inappropriati e per questo, quasi un anno e mezzo dopo, licenziato con effetto immediato. La Città riteneva che il suo dipendente non fosse più degno di fiducia.

Nell'aprile 2019, la Corte di giustizia del Cantone aveva ammesso parzialmente il ricorso del sottufficiale e annullato il licenziamento ritenendolo sproporzionato. La Città - aveva sostenuto la Corte di giustizia del cantone - poteva prendere altre misure come per esempio sanzioni disciplinari o l'assegnazione ad altre funzioni.

Il TF in una sentenza pubblicata oggi sostiene la posizione della Corte e respinge il ricorso della città. Un licenziamento per giusti motivi è ammesso solo a restrittive condizioni, ha sottolineato.

L'istruttore ha commesso un grave errore, tuttavia i magistrati ginevrini non hanno dato prova di arbitrarietà considerando che il licenziamento immediato fosse sproporzionato rispetto all'insieme delle circostanze. La Corte di giustizia aveva sottolineato che questo "scivolone" era stato un atto isolato durante una carriera fino ad allora esemplare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
Aliante contro le rocce, il pilota ha perso la vita
La polizia ha confermato il decesso di un 57enne vodese: era l'unica persona a bordo
BERNA
2 ore
Il disperso “illustre” genera un'ondata di recensioni negative
Diversi utenti con nomi indonesiani hanno preso di mira il fiume Aar dopo la scomparsa di un concittadino
VAUD
11 ore
Cade dalla finestra del suo alloggio sociale
Lo sventurato è stato trovato in gravi condizioni dopo un volo di una decina di metri
FOTO
VALLESE
12 ore
In diecimila per i mondiali del monopattino elettrico
La seconda manche dell'evento ha avuto luogo in questi giorni in Vallese
SVIZZERA
13 ore
La Svizzera ha ora troppi vaccini anti-Covid?
Contro il Covid ormai si vaccinano in pochi, ma Berna ha a disposizione 34 milioni di dosi
VALLESE
15 ore
Un aliante si schianta in Vallese
È successo oggi nella regione di Sanetsch. Non è noto se vi siano vittime o feriti
SVIZZERA
17 ore
Primati di calore e ora la minaccia di «effetti fatali»
Da marzo a maggio le temperature sono state di circa 2,5 gradi superiori alla norma
BERNA
21 ore
Vacanze estive, pochissimi resteranno in Svizzera
Un terzo di coloro che resteranno in patria, intendono trascorrere le ferie in Ticino.
GINEVRA
21 ore
Contro l'omofobia c'è chi si radicalizza
Irruzione di un collettivo durante la presentazione di un libro a Ginevra. Le associazioni Lgbtiq prendono posizione
SAN GALLO
1 gior
«Farò una strage a scuola», ma scherzava
La bravata di un dodicenne per diventare virale su TikTok ha messo in allerta la polizia
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile