Immobili
Veicoli
«Se Ginevra fosse una nazione sarebbe sulla lista dell'UFSP»
Keystone
GINEVRA
04.08.20 - 09:120
Aggiornamento : 11:20

«Se Ginevra fosse una nazione sarebbe sulla lista dell'UFSP»

Il cantone romando è uno dei principali focolai e presenta un'incidenza superiore a cento casi per 100'000 abitanti.

L'epidemiologo Nicola Low: «Il brusco aumento delle infezioni è preoccupante». Il medico cantonale: «Consideriamo misure più stringenti».

Fonte Daniel Graf / 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

GINEVRA - «La situazione è preoccupante». Non usa giri di parole l'epidemiologo dell'Università di Berna Nicola Low per spiegare la situazione che sta vivendo Ginevra. Il numero d'infezioni nel cantone romando è infatti in costante crescita e negli ultimi quattordici giorni ha superato il muro dei cento casi per 100'000 abitanti.

«Se fosse una nazione sarebbe sulla lista nera» - Un dato estremamente alto se si pensa che l'UFSP inserisce nella lista dei Paesi a rischio (e con obbligo di quarantena) tutte quelle nazioni che hanno un'incidenza superiore a 60. «È vero che i dati epidemiologici si riferiscono, solitamente, a un intero Paese - precisa Low -. Ma se Ginevra fosse una nazione, l'UFSP dovrebbe inserirla nella lista. Non ci sono dubbi che il cantone sia attualmente un hotspot. Un focolaio». Non sorprende quindi la decisione delle autorità belghe di vietare ai propri cittadini di viaggiare in direzione di Ginevra. L'epidemiologo bernese, poi, prova a ipotizzare alcuni motivi che spieghino l'alto numero delle infezioni. «Ginevra è un cantone densamente popolato, si trova al confine con la Francia e dispone di un aeroporto internazionale. Tutti questi fattori favoriscono la diffusione del virus».

Contact tracing potenziato - L'aumento dei casi crea naturalmente problemi anche per il contact tracing, ma il Cantone non è stato con le mani in mano potenziando recentemente il servizio di tracciamento e attuando varie norme - come la chiusura dei locali notturni e l'obbligo di mascherina nei negozi - per ridurre la propagazione del virus. «Stiamo considerando di attuare misure più stringenti soprattutto per ridurre i contatti poco protetti», precisa il medico cantonale ginevrino Aglaé Tardin a 20 Minuten. E anche il tracciamento verrà ulteriormente ampliato. «Attualmente funziona ancora piuttosto bene, ma il team è estremamente sotto pressione».

Tanti tamponi - Anche Antoine Flahault, capo dell'Istituto di salute globale all'Università di Ginevra, è piuttosto preoccupato per le cifre ginevrine. Il professore, però, cerca di relativizzarle portando l'attenzione sull'alto numero di tamponi effettuati. «Se il numero di test viene triplicato, come è avvenuto dalla fine di maggio, verranno ovviamente scoperti più casi». E questo ha portato il cantone a essere uno dei principali focolai della Svizzera. Sì perché con il contact tracing entra in gioco l'effetto domino. «Un infetto - continua Flahault - può portare alla quarantena molte persone. E alcune di queste possono risultare positive».

«Situazione da monitorare» - Da parte sua Philippe Eggimann, presidente della società svizzera dei medici, non se la sente di sconsigliare viaggi nel cantone. «Basta fare attenzione. Mantenere le distanze, indossare le mascherine in caso di assembramenti e utilizzare l'app SwissCovid». Flahault, da parte sua, invita alla prudenza. «La situazione a Ginevra va costantemente monitorata nelle prossime settimane».  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Se, magari, forse, ...
robin_hood 1 anno fa su tio
Fate le vacanze in Svizzera, andate a Ginevra
MIM 1 anno fa su tio
Fosse per me, Ginevra la espellerei dalla Svizzera.
roma 1 anno fa su tio
@MIM ...drastico MIM
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Noi abbiamo pagato pedaggio con i nostri morti e adesso sta ripetendosi altrove. O ci decidiamo a rimettere i controlli alla frontiere o ci troveremo presto al punto di partenza. Non vi chiedete perché i cantoni centrali non hanno avuto così grandi problemi?
momo73 1 anno fa su tio
Se mio padre fosse stato un merlo sarei su un albero a cinguettare
Pongo 1 anno fa su tio
@momo73 se mio nonno fosse stato una bicicletta io avrei le ruote
spank77 1 anno fa su tio
@momo73 Se le persone ciniche verso i rischi del covid non fossero una minoranza e quindi nessuna misura base venisse applicata.... Saremmo in vacanza in un mare Marrone, senza barca.
Tristano 1 anno fa su tio
Temporeggiano... come d'altronde è stato fatto in Ticino quando qualcuno aveva lanciato già l'allarme a metà febbraio. Già...
sedelin 1 anno fa su tio
tam tam, tatatam. anch'io: infetto NON significa malato.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 min
Il primo caso di vaiolo delle scimmie in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
2 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
3 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
4 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
7 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
19 ore
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
FOTO
ZURIGO
19 ore
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
1 gior
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
1 gior
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
1 gior
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile