Keystone
Il Consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
01.08.20 - 19:170
Aggiornamento : 02.08.20 - 08:39

Parmelin nei Grigioni: «Festa Nazionale dal retrogusto agrodolce»

Il Consigliere federale è preoccupato dall'incertezza coronavirus, sia in chiave sanitaria che economica

Durante il discorso, Parmelin ha reso omaggio alle 1'700 vittime

CAVAIONE - La Festa Nazionale svizzera quest'anno ha un retrogusto agrodolce. Da un lato c'è il sollievo per il superamento della prima fase acuta dell'emergenza coronavirus, ma dall'altro c'è incertezza.

Lo ha detto questa sera a Cavaione (frazione di Brusio, GR) il consigliere federale Guy Parmelin, che ha tuttavia più volte invitato ad aver fiducia, anche nelle istituzioni.

L'incertezza, ha aggiunto Parmelin, riguarda sia lo sviluppo della malattia, sia l'impatto sulla prosperità. Anche se la situazione è migliorata, l'economia è ancora lontana dall'essere tornata alla normalità e ci vorrà ancora del tempo, ha ricordato.

«Paradossalmente, la Svizzera è uscita rafforzata dagli eventi della scorsa primavera», ha sottolineato il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), rendendo omaggio all'autodisciplina degli elvetici e di tutti coloro che hanno sacrificato una piccola parte della loro libertà personale per il bene comune. Parmelin ha poi ricordato le circa 1'700 persone morte finora a causa della crisi del Covid-19 e ha invitato i presenti a rendere un breve omaggio.

Non possiamo controllare tutto - Le ultime settimane e gli ultimi mesi hanno dimostrato «che non possiamo controllare tutto», ha proseguito il Consigliere federale. Alla società piace illudersi che il rischio possa essere completamente eliminato con regole e precauzioni.

Piccoli e grandi incidenti sono però possibili in qualsiasi momento, «che lo vogliamo o meno». Lo Stato non è onnipotente e non ci sono garanzie nella vita, ha detto Parmelin, aggiungendo che né un'eccessiva cautela, né un'eccessiva disattenzione sono una buona strategia politica. Alla fine, tutto si basa sulla fiducia, ha sottolineato.

Cavaione: un luogo simbolico - Parmelin ha tenuto il suo discorso da Cavaione: il luogo è simbolico poiché il paesino della Valposchiavo è stato l'ultimo territorio ad essere annesso alla Confederazione. Prima dell'appuntamento, il Consigliere federale ha partecipato oggi a un brunch in fattoria presso l'azienda Plankis della famiglia Salis, a Coira.

La presenza di Parmelin a Cavaione è la prova che il «villaggio dimenticato» non è stato dimenticato dal Consiglio federale, ha detto Parmelin all'inizio del suo discorso, riferendosi a un articolo di Riccardo Tognina del 1963 - intitolato proprio "Il villaggio dimenticato" - pubblicato sul "Bündner Kalender", un almanacco con una lunghissima tradizione nei Grigioni. Esso descriveva il tardivo riconoscimento del paesino dopo oltre 77 anni.

Nonostante l'abolizione del dominio dei Grigioni sulla Valtellina nel 1797, solo nel 1874 i 103 abitanti di Cavaione ottennero infatti la cittadinanza svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 4 mesi fa su tio
Parmelin, altro politico... dai discorsi roboanti !
tip75 4 mesi fa su tio
povero piccolo uomo
VECCHIOTTO 4 mesi fa su tio
Grande uomo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
4 ore
A 239 km/h sui 120: rischia almeno un anno di carcere
Si tratta di un ventenne che la polizia ha fermato sabato in Vallese, lungo l'autostrada A9
SVIZZERA / UNIVERSO
5 ore
Sarà un robot svizzero a ripulire lo spazio
I detriti presenti sull'orbita terrestre saranno ripuliti da un robot realizzato dal Politecnico federale di Losanna
ZURIGO
7 ore
Credit Suisse: arriva il banchiere con il burnout
Sarà il nuovo presidente del Cda. Il suo "esaurimento" l'ha portato a rivalutare la salute mentale dei dipendenti.
SVIZZERA
8 ore
«Non vogliamo vaccinare i bambini per ora»
Il punto da Berna con la responsabile delle malattie infettive Virginie Masserey e il capo-farmacista dell'Esercito
GRIGIONI
9 ore
«Meglio la gente sulle piste, che in paese»
Il governo grigionese non vuole sentir parlare di chiusura degli impianti. «Così i turisti si riverseranno nei centri»
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
10 ore
Terribile schianto in galleria: morta una 55enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel tunnel di Eggflue sull'A18 in territorio di Grellingen.
SVIZZERA
10 ore
Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì
Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro
SVIZZERA
10 ore
Violi le norme Covid? Multe fino a 300 franchi
Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale che sta esaminando le modifiche alla Legge Covid-19
SVIZZERA
10 ore
Covid, in Svizzera altri 3'802 casi e 107 decessi
Il 19,2% dei test effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono risultati positivi
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Decine di incidenti nelle prime ore del mattino
Con dicembre arriva la neve. E con essa i primi disagi sulle strade.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile