Immobili
Veicoli
foto Pro Velo
SVIZZERA
30.07.20 - 08:570

«Manca spazio per le bici»

Sui treni svizzeri ce n'è poco, secondo l'associazione ProVelo. Che chiede alle FFS delle modifiche

BERNA - Sempre più persone trascorrono le vacanze in Svizzera, spesso in bicicletta. Ma sui treni non c'è abbastanza spazio. L'associazione ProVelo chiede alle FFS di aumentare «in modo duraturo» la capacità di trasporto dei convogli, per andare incontro alle esigenze dei ciclisti. 

«La pratica della bicicletta sta vivendo una vera e propria rinascita, specialmente durante il periodo delle vacanze» si legge in un comunicato odierno dell'associazione. Negli ultimi anni le FFS hanno già reagito all'aumento della domanda di trasporto di biciclette, ad esempio rendendo obbligatoria la prenotazione durante i mesi estivi per i treni ICN e sulla linea della galleria di base del Gottardo. Per Matthias Aebischer, presidente di Pro Velo Svizzera, il prossimo passo è chiaro: «Se vogliamo rendere più sostenibile il traffico nel nostro Paese, soprattutto durante le vacanze, il trasporto di biciclette dev’essere chiaramente facilitato».

Pro Velo Svizzera chiede alle FFS di rispondere alla crescente domanda mediante dei vagoni appositamente attrezzati o dei treni supplementari. A lungo termine, sarà inoltre necessario avere più compartimenti multifunzionali sui treni, dove i bagagli, i passeggini e le attrezzature sportive potranno essere riposti accanto alle biciclette. In occasione della riunione della Lega svizzera per la gestione razionale del traffico (LITRA) del 18 giugno, Matthias Aebischer si è intrattenuto con Vincent Ducrot, il nuovo CEO delle FFS. «Vincent Ducrot ha riconosciuto il problema. Mi ha assicurato che le FFS presenteranno delle soluzioni se si avverasse che la congestione del trasporto di biciclette non è solo temporanea».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
41 min
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
3 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
3 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
4 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
SVIZZERA
4 ore
«La Svizzera deve mettere il turbo sul fotovoltaico»
Secondo Greenpeace un maggiore uso del solare ridurrebbe a zero le emissioni di CO2 di trasporti, edifici e industria
BERNA
7 ore
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
17 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
22 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
22 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
1 gior
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile