Archivio Tipress (immagine illustrativa)
SVIZZERA
29.07.20 - 12:310
Aggiornamento : 14:20

La targa “fai da te” gli costa cara

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un automobilista vallesano

LOSANNA - Viaggiare in automobile con targhe non ufficiali può costare caro, anche se non vi è alcuna intenzione di nuocere. Lo sa bene un vallesano che si è visto infliggere una condanna con la condizionale di 20 aliquote giornaliere da 200 franchi l'una e una multa di 800 franchi per uso abusivo di targhe d'immatricolazione. La sentenza, con la condizionale, è stata confermata dal Tribunale federale (TF) di Losanna.

L'uomo aveva perso la targa ufficiale nel 2018, durante uno spostamento tra il suo domicilio di Gondo (VS) e Masera (I), nella vicina Italia. Aveva allora deciso di utilizzare un pezzo di plastica come sostituto iscrivendovi il suo numero di targa e riuscendo a rientrare in Svizzera senza problemi. Una settimana più tardi, sua moglie era stata invece fermata alla dogana a bordo dello stesso veicolo da cui era stato tolto il corpo del reato, servito per condannare il conducente.

Durante il processo, l'uomo ha sostenuto di aver dovuto improvvisare quando si trovava in Italia affinché il suo veicolo potesse almeno essere identificato e di non sapere che stava violando le regole. Una spiegazione che non ha convinto la corte, secondo cui l'uomo doveva sapere di essere fuorilegge dal momento che possiede la patente di guida dal 1985. Il conducente, inoltre, ha ammesso che non si sarebbe mai presentato a un collaudo con una targa "fai da te", o "bizzarra", come da lui stesso definita.

Oltre a ciò, non si è rivolto subito alla polizia per denunciare la perdita della targa. Nemmeno l'argomento secondo cui in Italia, come da lui raccontato, tale pratica è possibile ha convinto i giudici: Roma tollera sì un simile comportamento, ma solo per una manciata di giorni dopo l'annuncio alla polizia.

Nel suo ricorso al TF, l'automobilista chiedeva una riduzione della sanzione, da lui giudicata eccessivamente severa, dal momento che aveva appena percorso 800 metri sulle strade svizzere. Il Tribunale federale, nel respingere la richiesta, ha fatto notare che il ricorrente ha utilizzato due volte la vettura nello spazio di nove giorni, senza annunciarsi alle autorità.

Oltre alla multa inflittagli dal tribunale cantonale, l'uomo dovrà anche pagare le spese processuali derivanti dal ricorso al TF, ossia 3'000 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Il primo lockdown può aver salvato fino a 35'000 vite
È quanto emerge da uno studio dell'Università della Svizzera italiana, analizzato anche dalla NZZ am Sonntag
BERNA
4 ore
La “variante inglese” mette un'altra scuola in quarantena
Martedì inizierà la formazione a distanza per i 350 allievi di Wangen an der Aare
SVIZZERA
8 ore
Covid detector in aeroporto: perché non con i cani
I risultati non sarebbero ancora sufficienti per permettere l'addestramento e l'impiego su larga scala
BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Auto fuori strada, 18enne in ospedale
Le altre due persone presenti nell'auto hanno riportato solo ferite lievi
SVIZZERA
12 ore
La seconda ondata ha "steso" un giovane su tre
Depressione e stress in aumento tra gli svizzeri dai 14 ai 24 anni. Lo dice uno studio dell'Università di Basilea
SVIZZERA
15 ore
Berset ai ferri corti con Chiesa
Il ticinese e il consigliere federale si sono incontrati per un chiarimento. Ma le posizioni restano «inconciliabili»
BERNA
17 ore
Coronavirus: più controlli alle frontiere e più test
Sono alcune delle previsioni in merito alle decisioni di mercoledì del Consiglio federale.
FOTO
SVIZZERA
17 ore
Oggi il suffragio femminile a livello federale compie 50 anni
Ed è impossibile non domandarsi: come mai così tardi? Ma ci sono cantoni che l'hanno introdotto prima e altri dopo
SVIZZERA / ITALIA
1 gior
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
1 gior
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile