Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
29.07.20 - 11:410

Pandemia: ecco come i media hanno reagito

Uno studio dell'Università di Zurigo definisce la copertura «relativamente buona» e «obiettiva».

Il 21 aprile il 75% dei contributi delle testate della Svizzera italiana facevano riferimento al Covid-19.

BERNA - La copertura mediatica dell'emergenza coronavirus è stata «tendenzialmente positiva» in Svizzera, anche se diversi media non sono stati «sufficientemente critici» nella fase che ha preceduto il confinamento.

Uno studio dell'Università di Zurigo ha peraltro evidenziato che i media italofoni sono stati quelli che hanno dedicato il maggior numero di notizie all'argomento: il picco è stato raggiunto il 21 aprile, quando il 75% di tutti i contributi delle testate prese in considerazione nella Svizzera italiana facevano riferimento al Covid-19.

Coronavirus vs. clima - In certi giorni, fino al 70% di tutti i contributi dei media svizzeri erano correlati al coronavirus. Raramente un argomento riceve una copertura mediatica così intensa, scrivono in una nota gli autori dello studio del Fög (Forschungsinstitut Öffentlichkeit und Gesellschaft), l'istituto di ricerca di opinione pubblica e società dell'Università di Zurigo, che si riferisce alla prima metà del 2020. A titolo di paragone, gli autori dello studio citano la percentuale di articoli dedicati al dibattito sul clima, che «ha superato di poco il 10%» nell'anno elettorale 2019, pur essendo uno dei temi dominanti delle elezioni federali.

Pochi economisti e poche donne - Lo studio rileva che la copertura mediatica della pandemia ha coperto un'ampia gamma di argomenti, come la medicina, la politica e l'economia. I media svizzeri hanno spesso chiesto il parere degli esperti, che si sono espressi nell'83% dei resoconti sull'argomento. Virologi, epidemiologi e immunologi sono stati gli esperti più citati. Fra i 30 ricercatori che hanno ricevuto la maggiore copertura mediatica, soltanto tre erano economisti. «Discipline come la sociologia, la psicologia e le scienze politiche sono risultate fortemente sottorappresentate», afferma il direttore del Fög, Mark Eisenegger. Le donne hanno subito la stessa sorte: dei 30 esperti più richiesti, solo due erano donne.

Informazioni obiettive - L'Istituto Fög arriva alla conclusione che la copertura mediatica è stata «relativamente buona». La maggior parte dei media si è occupata della pandemia e delle sue conseguenze da una prospettiva sociale globale piuttosto che concentrarsi su singoli aspetti o destini. Nel complesso «l'argomento è stato affrontato in modo obiettivo». I risultati dello studio mostrano che i media nel loro complesso «hanno mantenuto una distanza critica dal governo e dalle autorità». Tuttavia, nella fase "sensibile" che ha preceduto le misure di confinamento questa distanza è stata meno pronunciata. «Molti media sono stati troppo acritici», sostengono gli autori dello studio.

In generale, lo studio ha evidenziato che i media di lingua italiana hanno iniziato un po' prima a tematizzare il coronavirus. Molto rapidamente, la pandemia è in seguito diventata il tema centrale anche per i media di lingua francese e tedesca, con un'evidente correlazione con il numero di casi d'infezione segnalati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
25 min
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
2 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
La Svizzera ha aggiornato l'elenco delle zone a rischio: ci saranno anche Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia
GRIGIONI
2 ore
Il progetto pilota dei Grigioni: test a tappeto
Oltre alle restrizioni, per lottare contro la diffusione del virus verranno predisposti dei test territoriali.
SVIZZERA
3 ore
4'382 contagi e 199 ricoveri in 24 ore
In Svizzera sono stati effettuati 27'425 tamponi, il 16% ha dato esito positivo.
GRIGIONI
6 ore
Fermato senza patente domenica. Lo ritrovano al volante giovedì
Il 51enne è incappato in un controllo radar sulla strada del Maloja
SVIZZERA
7 ore
Sabine Keller-Busse nuova responsabile di UBS Svizzera
Prima di entrare in UBS nel 2010 ha guidato la divisione clientela privata di Credit Suisse per Zurigo.
SVIZZERA
7 ore
Sunrise-UPC: svelati i nomi della nuova direzione
Sono figure di entrambe le aziende originarie: «Ora possiamo contare su una squadra eccezionale».
SVIZZERA
8 ore
Dieci persone, ma da due nuclei familiari al massimo
Sarebbe, secondo indiscrezioni, una delle misure che il Consiglio federale annuncerà oggi
ZURIGO
15 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
18 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile