Immobili
Veicoli
Per Daniel Koch la Svizzera è in una «situazione difficile»
Keystone
SVIZZERA
28.07.20 - 12:150
Aggiornamento : 20:40

Per Daniel Koch la Svizzera è in una «situazione difficile»

Per l'ex responsabile delle malattie trasmissibili dell'UFSP i casi registrati negli ultimi giorni sono troppi.

Non si può però ancora parlare di seconda ondata, ma i test andrebbero effettuati più rapidamente e in numero maggiore.

BERNA - Al momento, per quanto attiene alla pandemia di coronavirus, la Svizzera si trova in una «situazione difficile». A dirlo è l'ex "Mister Covid-19" della Confederazione, Daniel Koch, in un'intervista al portale bluewin.ch. Vi è un rischio molto grande che i casi aumentino massicciamente in autunno o in inverno, ha sottolineato.

«Al momento i casi non sono così elevati da poter affermare che ci troviamo confrontati con una seconda ondata, ma sono comunque troppo alti», secondo l'ex responsabile delle malattie trasmissibili per l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nel frattempo andato in pensione e sostituito da Stefan Kuster.

Koch teme che molte persone infettatesi col coronavirus non vengano reperite col rischio che il virus possa diffondersi indisturbato. Per evitare un simile scenario, tutti quelli che presentano sintomi di Covid-19 si dovrebbero sottoporre al test di depistaggio, ha spiegato Koch. Dal momento che i sintomi possono non essere riconosciuti come tali, vi è il pericolo che il problema si accentui nei mesi freddi dell'anno.

Al momento, tutto lascia supporre che il virus si diffonda più facilmente con climi umidi e freddi. Per spezzare le catene di trasmissione bisognerebbe quindi eseguire più analisi, anche in presenza di sintomi lievi, secondo l'esperto. Al momento si testa troppo in ritardo e troppo poco.

Se il test viene fatto quando una persona è veramente malata, vi è il rischio che quest'ultima abbia già infettato "X persone": in queste condizioni, a suo parere, la catena non può più essere ricostruita.

Il test viene consigliato dall'UFSP a tutte le persone che presentano sintomi come anche a quei soggetti, avvertite dall'app SwissCovid, entrate in contatto con una persona infetta. Da fine giungo, l'analisi è gratuita. I costi sono presi a carico della Confederazione.

Per quei centri deputati ai test e nei "Drive-in", la Confederazione si accolla i costi solo se tali strutture sono state autorizzate dal Cantone e l'analisi ordinata da un medico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
11 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
12 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
14 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
16 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
16 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
17 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
17 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
18 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
21 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile