Ti Press
SVIZZERA
27.07.20 - 14:450
Aggiornamento : 15:37

I fuochi d'artificio possono nuocere alla natura e alla salute

Ogni anno in Svizzera se ne sparano 1700 tonnellate, la combustione genera il 2% delle emissioni annuali di polveri fini

Oltre all'ambiente, gli effetti negativi si notano anche su persone e animali.

BERNA - Nel giorno della Festa nazionale falò e fuochi d’artificio rallegrano grandi e piccini. I fuochi d’artificio del 1° agosto sono un evento affascinante che ha tuttavia anche effetti secondari indesiderati, quali in particolare un tasso elevato di inquinanti atmosferici e livelli eccessivi di rumore. Data la situazione attuale di pericolo di incendi boschivi, in molte località possono essere emanati divieti, fra i quali persino quello di accendere fuochi.

L’impatto sull’aria - Secondo l’Ufficio federale di polizia (fedpol), in Svizzera si sparano ogni anno circa 1700 tonnellate di fuochi d’artificio (media degli anni 2010-2019). Oltre all’imballaggio in legno, cartone, materie plastiche o argilla, tale quantità comprende anche un 25% di materiale pirotecnico, la cui combustione genera circa 300 tonnellate di polveri fini che inquinano l’aria, pari a circa il 2% delle immissioni annuali di polveri fini in Svizzera. Il materiale pirotecnico contiene anche composti metallici che producono i colori desiderati che, dopo la combustione, finiscono anche nel suolo e nelle acque. Il loro impatto è comunque esiguo.

Problemi respiratori - A breve termine, l’accensione di fuochi d’artificio genera localmente grandi quantità di fumo e, quindi, di polveri fini. Soprattutto in assenza di vento, ciò può causare problemi respiratori e tosse nelle persone sensibili. Chi soffre di affezioni alle vie respiratorie e di malattie cardiovascolari dovrebbe pertanto rimanerne a debita distanza.

Pericoli per uomini e animali - Se i fuochi d’artificio vengono accesi vicino alle persone, il loro elevato livello di rumore può provocare danni irreversibili all’udito. È quindi importante rispettare la distanza minima di sicurezza indicata sugli imballaggi. Il rumore disturba notevolmente anche agli animali. Si consiglia perciò un uso moderato dei fuochi d’artificio e di accenderli soltanto il 1° agosto.

Rischio d'incendi - In caso di pericolo di incendio di boschi, Cantoni e Comuni possono anche limitare l’accensione di fuochi d’artificio. Queste istruzioni emanate dalle autorità locali devono essere assolutamente rispettate. Chiunque accende fuochi nel bosco o, in generale, all’aperto deve sempre agire con la massima prudenza, anche se il pericolo di incendio di boschi è debole o moderato. L’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) fornisce una panoramica aggiornata sui pericoli di incendio di boschi e sulle misure decretate dai Cantoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
URI
6 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
8 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
9 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
10 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
10 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
11 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
12 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
14 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
16 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile