Archivio Keystone
SVIZZERA
26.07.20 - 22:450

Un lockdown una settimana dopo avrebbe portato a 6'000 morti in più

Lo sostiene uno studio dell'Università di Berna secondo il quale il totale poteva essere ridotto alle centinaia

I ricercatori ritengono che le autorità sanitarie elvetiche abbiano agito correttamente

Fonte 20 Minuten/Joel Probst
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO - Le autorità svizzere hanno agito correttamente imponendo il lockdown generalizzato e, se avessero esitato ancora, il bilancio delle vittime del coronavirus sarebbe potuto essere molto più importante.

È questa la conclusione a cui è giunto un team di ricercatori dell'Università di Berna condotto dall'epidemiologo Christian Althaus. Per le proiezioni, gli studiosi hanno realizzato un modello complesso che tenesse conto della diffusione, ricoveri, guarigioni e decessi causati dal Covid-19. 

Secondo la ricerca, ritardare anche solo di una settimana il blocco totale avrebbe potuto portare a 8'683 vittime, per un totale di oltre 6'000 morti in più rispetto ai circa 2'000 deceduti fino a oggi.

E non solo: se avessero introdotto il lockdown sette giorni prima, il bilancio sarebbe potuto essere ridotto in maniera significativa salvando più di 1'600 vite, per un totale di circa 399 decessi.

«La misura ha portato a un contenimento efficace dell'epidemia», confermano gli studiosi secondo i quali - per arginare la diffusione del virus - sono necessarie tre settimane di blocco totale per ogni settimana di “espansione incontrollata”. Il modo migliore, quindi, è quello di agire il più presto possibile.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
URI
10 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
12 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
13 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
14 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
14 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
15 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
16 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
18 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
20 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile