Archivio Depositphotos
SVIZZERA
25.07.20 - 17:050
Aggiornamento : 19:23

Orsay chiude tutte le filiali in Svizzera

A rischio una cinquantina di posti di lavoro

BERNA - Orsay, marchio di abbigliamento nato in Germania nel 1975 e specializzato nei vestiti per ragazze, chiuderà i propri undici negozi in Svizzera. Una cinquantina di collaboratori rischia il posto di lavoro. La notizia, diffusa 20 Minuten, è stata confermata a Keystone-ATS da un portavoce del sindacato Unia.

Il modo con cui è stata comunicata la chiusura ha destato critiche: intervistata dal giornale, una collaboratrice ha affermato di aver ricevuto venerdì mattina per posta un adesivo con la scritta «Chiudiamo» da incollare all'entrata del negozio. A detta della donna si tratta di una procedura poco professionale e per nulla rispettosa nei confronti dei dipendenti.

La direzione della Ditres SA di Basilea, che gestisce il marchio in Svizzera per conto dell'azienda germanica, non ha voluto esprimersi sulla vicenda. Il marchio Orsay fa parte dell'Association Familiale Mulliez (dell'omonima ricchissima famiglia francese) che detiene importanti insegne come Auchan - leader dei supermercati in Francia - o Décathlon (negozi di sport).

A nome del sindacato, Arnaud Bouverat ha sostenuto che la struttura opaca di questo gruppo gli consente di sottrarsi alle proprie responsabilità. Il sindacato sta dando una mano alle maestranze da due settimane circa: le richieste di salvare alcuni impieghi e di preparare un piano sociale sono state respinte, ha spiegato.

Bouverat ha confermato anche un altro particolare rivelato dal quotidiano gratuito, ossia che Orsay avrebbe fatto capo ai crediti Covid-19 messi a disposizione della Confederazione per attenuare le conseguenze della pandemia di coronavirus. Le prime lettere di licenziamento sono state recapitate oggi ad alcuni membri del personale. Unia cercherà ora di sensibilizzare il gruppo Orsay in Germania e i suoi azionisti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 min
Non metti tua figlia in quarantena? Arriva la polizia
Gli agenti hanno suonato il campanello alle 21.25 e hanno consegnato al padre la lettera del medico cantonale
SVIZZERA
1 ora
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
2 ore
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
3 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
3 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
3 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
4 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
5 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
7 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
7 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile