Archivio Tipress
SVIZZERA
23.07.20 - 12:130
Aggiornamento : 13:19

Ad alta velocità sulle strade svizzere: «Rispettando i limiti, si evitano venti morti all'anno»

Da uno studio emerge che un veicolo su sei circola troppo velocemente nell'abitato e sulle autostrade

Secondo l'UPI per migliorare la sicurezza «devono fare tutti la loro parte», dai conducenti alle case automobilistiche

BERNA - Sulle strade svizzere circoliamo spesso troppo velocemente. È quanto emerge da una nuova rilevazione dell'Ufficio prevenzione infortuni (UPI), secondo cui nell'abitato e sulle autostrade un veicolo su tre supera i limiti di velocità. E si tratta soprattutto di motociclette. «Se tutti i conducenti rispettassero i limiti, in Svizzera si conterebbero circa venti morti e trecento feriti gravi in meno ogni anno» si legge in una nota. «Anche se la responsabilità spetta ai conducenti, polizia, autorità e case automobilistiche devono fare la loro parte».

I dati - Nell'ambito del suo studio, l'UPI ha valutato i dati di oltre sedici milioni di veicoli raccolti su 211 tratti stradali. La valutazione ha evidenziato che negli abitati dove vige il limite di cinquanta chilometri orari e sulle autostrade dove il limite è di 120 un veicolo su tre circola a velocità troppo elevata. Fuori dall'abitato è invece solo un veicolo su sei a superare gli 80 chilometri all'ora.

Nelle zone 30 all’ora, il 54% dei veicoli a motore rilevati non rispetta il limite. Solo una minoranza, dunque, rispetta i limiti di velocità nei paesi e quartieri a traffico moderato. Per quanto riguarda le auto, nelle zone 30 all’ora non sono state rilevate differenze tra le varie regioni.

Le moto - Il discorso è diverso per le moto. Se in Romandia e Ticino i motociclisti che superano il limite sono il 55%, nella Svizzera tedesca la percentuale sale al 72%. Anche in ottica generale, tenuto conto di tutti i limiti, le moto circolano in media più a una velocità superiore rispetto alle auto.

Velocità e incidenti - L'UPI sottolinea quindi che la velocità alla quale circolano auto e moto è un fattore importante per la sicurezza nel traffico stradale. Se quindi tutti i conducenti rispettassero «rigorosamente» i limiti, ogni anno si eviterebbero - secondo le conclusioni dell'UPI - oltre venti decessi e trecento ferimenti gravi. Il potenziale maggiore in termini di prevenzione si osserva sulle strade con limite di 80 chilometri orari.

Ci vuole l'impegno di tutti - Conducenti, polizia, autorità e case automobilistiche: per l'UPI tutti devono fare la loro parte. I conducenti si devono innanzitutto rendere conto che i limiti sono «giustificati e studiati accuratamente, anche se su alcuni tratti è difficile capirne immediatamente lo scopo». Ma servono anche i controlli di polizia «finalizzati alla prevenzione». E infine l'UPI parla di altri campi d'intervento, quali gli elementi di sicurezza presenti sulle strade e i sistemi di assistenza alla guida.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
1 ora
«Era una persona molto umile, viveva per lo sport»
Comunità in lutto per la scomparsa del 25enne, che ha trovato la morte in baita
SVIZZERA
4 ore
Sommaruga all'ONU per la biodiversità: «Servono sforzi globali»
«I governi devono allineare i loro incentivi finanziari e sussidi ai metodi di produzione sostenibili»
BASILEA CITTÀ
5 ore
Condannato il politico UDC che tirò un pugno a uno straniero
Il Tribunale penale di Basilea Città ha inflitto all'uomo una pena pecuniaria (sospesa) per lesioni semplici.
BERNA
8 ore
Questa ciotola è tossica, contiene troppa melammina
Si tratta del piattino della serie griffata “Wildlife Turtle” prodotta dall'azienda Lässig
SVIZZERA
9 ore
Coop e Migros: cala il divario dei prezzi con Lidl, Aldi e Denner
L'ultimo confronto mostra che lo scarto tra Migros e Coop, e le altre aziende, è ora meno marcato
LUCERNA
9 ore
Una IPA fatta con l'intelligenza artificiale
L'idea di un micro-birrificio e della Scuola universitaria di Lucerna ha prodotto 500 bottiglie
BERNA
11 ore
In Svizzera 411 casi e un morto
Covid, il bollettino delle ultime 24 ore. I nuovi ricoveri sono invece 11
SVIZZERA / STATI UNITI
11 ore
Julius Bär a misura di clientela latino-americana
L'interrogativo riguarda il genere di operazione che l'istituto intende praticare
SONDAGGIO
BERNA
11 ore
Covid: tra entusiasmo e restrizioni tornano i grandi eventi
Le limitazioni imposte fanno storcere qualche naso. E ricevere il via libera non è poi così facile.
FOTO
GINEVRA
11 ore
Regole sull'abbigliamento, gli allievi di scuola media protestano
Le nuove norme si riferiscono in particolare alle tenute che lasciano scoperte la pancia, le spalle e le cosce
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile