screenshot
BERNA
22.07.20 - 14:050
Aggiornamento : 16:10

Black-list: «Non dobbiamo scegliere tra affari e salute»

Il punto stampa da Berna sulla situazione covid in Svizzera.

I casi sono in aumento. Come lo è anche il tasso di positività. Il capo della task force covid: «L'economia si riprenderà solo se l'epidemia resta sotto controllo»

BERNA - Una raccolta firme contro l'app Swiss Covid. L'aumento, lieve ma dimostrato, dei casi di covid sul suolo nazionale. Ma soprattutto l'ingresso di 15 nuovi Paesi nella black-list dell'UFSP (che da domani conterà 42 nazioni ad alto rischio contagio). Ed anche l'uscita (in calcio d'angolo) della Svezia da questa lista. Sono solo gli ultimissimi avvenimenti gravitanti attorno alla situazione coronavirus in Svizzera.

È per parlare di questo che oggi, da Berna, si sono riuniti Stefan Kuster (nuovo direttore della Divisione malattie trasmissibili all’UFSP), Martin Ackermann (capo designato della task force scientifica nazionale COVID-19) e Julien Fiechter (vicedirettore della sezione dei Diritti politici, Cancelleria federale).

Casi e quarantene in aumento - Stefan Kuster esordisce con una panoramica della situazione covid in Svizzera. «Vediamo un aumento dei ricoveri. Ed anche un aumento del tasso di positività, cioè il rapporto tra i test positivi e il numero totale degli strisci». Ci sono inoltre più persone in quarantena, tornate da un'area a rischio. «Quasi 6000», sottolinea Kuster. Quindi aggiunge: «Il numero di casi è in aumento».

Il caso Svezia - Kuster commenta quindi la "black-list". O meglio, spiega che il numero di casi in Svezia è diminuito così tanto che il paese è stato cancellato dalla lista di quelli a rischio covid.

Si cerca il giusto equilibrio - Prende quindi parola Ackermann. La domanda più importante che si pone ora è quella della giusta strategia da adottare. «Come possiamo controllare l'epidemia arrecando il minor danno possibile all'economia?», si interroga il capo della task force covid. Quindi sottolinea: «Non dobbiamo fare una scelta tra affari e salute. L'economia si riprenderà solo se l'epidemia è controllata». Ackermann sottolinea infine l'importanza degli sforzi volti a mantenere basso il numero di casi.

È il momento delle domande dei giornalisti.

È stato detto che non è necessario preoccuparsi di circa 100 casi. Ora sono di più. Dobbiamo preoccuparci?
Kuster: «Non è un limite assoluto. L'obiettivo dovrebbe essere quello di trovarci in una situazione in cui l'economia e la società sono limitate solo in minima parte».

Controlli alle frontiere?
Ackermann: «Con il traffico ferroviario e stradale, non è possibile controllare i confini a livello nazionale».

Come intende garantire il rispetto della quarantena man mano che l'elenco delle aree a rischio continuerà a crescere?
Kuster: «L'elenco si allunga, ma le persone stanno diventando sempre più consapevoli». Quindi aggiunge: «Abbiamo già inviato diversi elenchi ai rispettivi Cantoni. Che possono multare i trasgressori. Il meccanismo funziona». Kuster evidenzia anche gli effetti preventivi dell'elenco. «Ci sono compagnie di autobus che non transitano più nelle aree a rischio perché la domanda è troppo bassa».

Cosa dicono l'UFSP e la Task Force sul requisito della mascherina nelle scuole?
Kuster: «Le mascherine sono un modo per proteggere gli studenti. È legittimo che le scuole ci pensino».
Ackermann: »Le mascherine nei luoghi chiusi proteggono gli altri, ma anche chi le indossa». Se queste debbano essere introdotte nelle scuole, per il capo della task force è una questione politica. 

Secondo alcuni media, le compagnie aeree conserverebbero in delle scatole le note scritte a mano sui rimpatriati...
Kuster: «La digitalizzazione può migliorare. Ci sono sempre questioni relative alla protezione dei dati. Stiamo testando sistemi per ottimizzarne la raccolta».

Cosa volete dire alle persone che hanno annullato le loro vacanze in Svezia e ora il paese non è più nella "lista quarantena"?
Kuster: «Chiunque stia programmando una vacanza in questo periodo deve aspettarsi che qualcosa vada storto. È il virus a dettare l'andamento di queste cose».

L'elenco di quarantena è retroattivo?
Kuster: «Sì. Chiunque sia stato in un'area a rischio negli ultimi 14 giorni deve riferirlo. Il caso sarà analizzato singolarmente di volta in volta».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SOLETTA
5 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
6 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
7 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
8 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
SVIZZERA
10 ore
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
FRIBORGO
12 ore
Scuola elementare vandalizzata da due 14enni
I danni superano i 100mila franchi. I due autori verranno denunciati al Tribunale dei minorenni.
SVIZZERA
12 ore
«Non è la vaccinazione a dividerci, è la pandemia»
Conferenza stampa con Alain Berset e Lukas Engelberger. Tra i temi trattati, la settimana nazionale di vaccinazione.
SVIZZERA
14 ore
I contagi curvano verso l'alto
Altri 1478 positivi in Svizzera. Continua il trend al rialzo. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
14 ore
Crediti Covid, gli hacker rubano 130mila nomi
EasyGov sotto attacco da parte dei pirati informatici. Un enorme furto di dati
BASILEA
18 ore
Gli hacker colpiscono ancora, questa volta il Gruppo MCH
Si tratta della società che organizza eventi come Art Basel e Basel World.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile