Archivio Keystone
SVIZZERA
21.07.20 - 10:130
Aggiornamento : 10:31

Il contactless alla conquista dei negozi di quartiere

La funzione ha preso piede per garantire il distanziamento sociale. E sono molti i consumatori che ne sono entusiasti

Pagamenti

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Parecchi consumatori non vogliono rinunciare alle comodità introdotte in tempi di coronavirus dai negozietti di quartiere, in particolare ai pagamenti senza contatto. La maggioranza spera che questa modalità rimanga utilizzabile anche in futuro nei commerci locali, diventando la normalità.

È quanto emerge da un sondaggio commissionato dall'azienda di marketing Localsearch all'istituto di ricerche di mercato Innofact. L'indagine, condotta alla fine di maggio su un campione di 705 persone nella Svizzera tedesca e francese, analizza come i clienti si siano adattati ai cambiamenti delle piccole imprese, costrette a reagire in fretta alle regole di distanziamento sociale per proseguire le proprie attività.

Durante il lockdown, viene indicato in una nota odierna, il pagamento senza contatto ha conosciuto una vera esplosione, venendo proposto praticamente da chiunque. I consumatori sembrano avere apprezzato: il 59% degli intervistati si augura infatti di poter continuare a usufruirne nei piccoli negozi. Uno su cinque invece dichiara che potrebbe farne a meno senza problemi. Il 52% degli interpellati afferma di usare più spesso tale metodo ora rispetto al passato.

Shopping online - Un altro comfort diventato inevitabilmente ancora più popolare nel corso del confinamento è quello legato alla possibilità di fare acquisti online: il 39% rivela di essersi ormai abituato. Nella lista di esercizi da cui i clienti vorrebbero assolutamente proseguire a ordinare su Internet spiccano i ristoranti (71%), ma anche negozi di fiori (43%) e vivai (37%). Un cittadino su quattro ha incrementato nel periodo del lockdown le spese effettuate in rete.

Il 33% dei consumatori non è nemmeno disposto a rinunciare alle consegne a domicilio, offerte da tanti negozietti per la prima volta a causa dell'emergenza Covid-19. Un terzo degli svizzeri auspica quindi che questo servizio venga incluso perennemente nell'offerta di commerci di quartiere, panetterie e macellerie.

Chilometro zero - Il 46% è poi del parere che la crisi abbia spinto la popolazione ad acquistare più localmente. Nella realtà però il quadro è diverso e solo il 27% dice di fare la spesa più sovente da fornitori a chilometro zero. La percentuale scende al 16% per la fascia d'età 16-29 anni, ma sale al 34% per quella 60-74.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
38 min
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
SVIZZERA
1 ora
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
SVIZZERA
3 ore
La multa per chi dissimula il proprio volto
Scatta la procedura per l'attuazione nel Codice penale della misura approvata in votazione lo scorso 7 marzo
SVIZZERA
3 ore
Legge Covid-19, c'è chi sospetta che il voto verrà truccato
Alcuni sostenitori del no raccomandano di controllare da vicino i conteggi effettuati nei Comuni.
SVIZZERA
14 ore
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
16 ore
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
19 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
21 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
21 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
1 gior
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile