TiPress - foto d'archivio
SVIZZERA
19.07.20 - 17:060

«Mangiamo troppa carne»

Ne è convinto il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen che non punta a un divieto, ma a un consumo più sensato

BERNA - Il presidente dei Verdi liberali (PVL) Jürg Grossen vorrebbe ridurre il consumo di carne in Svizzera e chiede che le sovvenzioni federali vadano maggiormente a sostegno dell'alimentazione vegetariana. «È chiaro che ne mangiamo troppa», ha detto in un'intervista al domenicale SonntagsBlick. Per motivi ecologici, «la Svizzera non può andare avanti così», aggiunge.

Secondo il PVL la Confederazione spende troppo per l'agricoltura. «Questo denaro dovrebbe essere usato dove i benefici sono maggiori», secondo il consigliere nazionale. La produzione vegetale fornisce più calorie a parità di utilizzo di superficie rispetto alla produzione animale, causa meno danni al clima e richiede meno acqua.

Per Grossen è insensato che gli agricoltori siano sovvenzionati sulla base di un numero minimo di vacche o che il mercato della carne e la pubblicità dei prodotti a base di carne siano sostenuti. «La Svizzera non dovrebbe incoraggiare a detenere bestiame quando ce n'è già troppo», ha aggiunto spiegando di non voler vietare il consumo di carne. Il presidente PVL auspica inoltre dazi doganali più elevati per i prodotti dannosi per il clima.

Secondo il SonntagsBlick, queste richieste fanno parte di un documento del partito in 20 punti che sarà pubblicato a breve. «Non vogliamo azioni affrettate, ma abbiamo pensato a soluzioni e riforme liberali e sostenibili», ha detto Grossen.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«Questo è un obbligo di vaccinazione nascosto»
Quando almeno il 40-50% della popolazione sarà immunizzato, potrebbero scattare dei privilegi
FOTOGALLERY E SONDAGGIO
ZURIGO
4 ore
Gli svizzeri vogliono lavorare per queste aziende
Dopo la pandemia, una posto sicuro è diventato più importante dell'equilibrio tra vita privata e lavorativa.
SVIZZERA
6 ore
Passaporto vaccinale: «Nessuno potrà proibirvi di prendere l'autobus»
Delegato al Consiglio d'Europa, il parlamentare neocastellano Damien Cottier fornisce una visione d'insieme sul tema.
SVIZZERA
7 ore
L'Openair Frauenfeld non ci sarà, rimandato al 2022
Gli organizzatori: «Abbiamo sperato, lottato, pianificato e aspettato il più al lungo possibile».
SVIZZERA
9 ore
Tra gli effetti collaterali c'è l'herpes zoster
Ne sono stati notificati 61 casi sui 1'485 segnalati a Swissmedic (età media di 72 anni)
SVIZZERA
9 ore
«Non falsificabile e riconosciuto a livello internazionale»
Secondo l'UFSP il nuovo certificato Covid-19 che verrà sviluppato entro l'estate dovrà avere questi due crismi.
NEUCHÂTEL
9 ore
Una 34enne uccisa a coltellate, arrestato il marito
Il fatto di sangue è successo questa mattina a Peseux. La donna è deceduta in ospedale
LUCERNA
9 ore
Il 19enne morto faceva parte delle categorie a rischio
A riferirlo è il Dipartimento sanità e socialità cantonale che conferma il decesso verificatosi in marzo.
SVIZZERA
10 ore
Arrivano i vaccini Moderna, finalmente
La Confederazione ha ricevuto - con una settimana di ritardo - oltre 280mila dosi dal produttore
GRIGIONI
10 ore
Nei Grigioni si testano gli eventi sicuri
Controlli incrociati dei risultati dei test e l'identità delle persone: un esperimento col sistema Covent
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile