Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
19.07.20 - 08:040
Aggiornamento : 12:38

Vacanze in paesi a rischio: «Non è possibile controllare tutti»

Il direttore della sezione crisi dell'UFSP è chiaro: la Svizzera si affida alla responsabilità personale.

Ma i Cantoni possono effettuare controlli a campione: si rischia una multa fino a 10'000 franchi.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) effettuerà controlli a campione sul rispetto dell'obbligo di quarantena per chi rientra da Paesi a rischio. Ad annunciarlo venerdì è stato il direttore della sezione crisi e collaborazione internazionale Patrick Mathys. Ogni settimana saranno controllate le liste dei passeggeri di 20-30 voli in arrivo in Svizzera, come pure gli autobus che effettuano trasporti internazionali.

L'UFSP effettuerà un triage e trasmetterà le informazioni ai Cantoni interessati, i quali potranno a loro volta effettuare controlli a campione per verificare se le persone si sono registrate presso le autorità cantonali e sono in quarantena. Per chi non rispetta l'obbligo di quarantena è prevista una multa fino a 10'000 franchi.

Ma la Confederazione continuerà a puntare sulla responsabilità personale dei singoli. E in periodo di vacanze estive, chi parte è tenuto a informarsi. «Non è possibile operare un controllo completo - ha spiegato Mathys in un'intervista rilasciata alla SRF -. Non si può e non lo vogliamo. Non sarebbe nello "stile svizzero". Effettueremo controlli casuali, li adegueremo al volume dei passeggeri e li trasmetteremo ai Cantoni. Se necessario, i controlli verranno migliorati o resi più "rigorosi"».

Un "problema" potrebbe essere il controllo di chi non vola dagli aeroporti svizzeri e chi viaggia con la propria auto targata svizzera. «Purtroppo non è possibile reperire alcuna informazione su queste persone né appurare se sono state in uno dei Paesi a rischio per cui è richiesta la quarantena» evidenzia ancora Mathys.

Non ci sono mezzi per impedire l'importazione da fuori di casi di coronavirus. «Ma - assicura il direttore della sezione crisi dell'UFSP - faremo in modo di mantenere il tasso dei casi importati il più basso possibile». A questo scopo mira la misura della quarantena. «Ma se la gente va in giro, bisogna fare i conti con la circolazione del virus. D'altra parte, anche gli svizzeri che vanno in vacanza possono esportarlo in altri paesi».

In linea di principio, i Cantoni sono responsabili del controllo delle misure previste per contenere i contagi. La lista di paesi che comportano l'obbligo di quarantena attualmente conta 29 nomi. Ma (probabilmente entro mercoledì) sarà aggiornata con un'altra dozzina di Stati.

Meno della metà in quarantena - Meno della metà delle persone che rientrano da Paesi a rischio sono in quarantena. La NZZ am Sonntag ha calcolato che dall'introduzione di questa misura obbligatoria, il 6 luglio, circa 6000 persone sono arrivate da Paesi a rischio negli aeroporti di Ginevra, Zurigo e Basilea.

In base ai dati forniti dai cantoni, il 17 luglio erano tuttavia soltanto 2328 le persone in quarantena e 630 quelle in isolamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
10 ore
Cede un cornicione di neve: morta una guida alpina
L'incidente si è verificato in Vallese. La vittima è un 56enne della regione
SVIZZERA
11 ore
Beny Steinmetz condannato a cinque anni di carcere
Il magnate è stato riconosciuto colpevole di corruzione di pubblici ufficiali stranieri in Guinea e falsità in documenti
SVIZZERA
12 ore
Il lockdown pesa sui conti di Amag
Complessivamente sono state vendute 71'290 auto, oltre a 8315 altri veicoli
SVIZZERA
12 ore
Miliardario vaccinato: Hirslanden si scusa coi cittadini
Il CEO in una lettera: «Abbiamo sottovalutato il potere simbolico della somministrazione a un paziente facoltoso»
SVIZZERA
12 ore
I piloti Edelweiss accettano le misure di risparmio
La filiale di Swiss potrà risparmiare fino al 20% sul monte stipendi per il personale della cabina di pilotaggio
SVIZZERA
12 ore
Test per gli asintomatici? Li pagherà la Confederazione
Il Consiglio federale propone che i cantoni effettuino test preventivi nelle cerchie di persone a rischio
SVIZZERA
14 ore
Il 4% delle reclute è positivo al coronavirus
Tutti i giovani che negli scorsi giorni sono entrati in servizio sono stati sottoposti al test
SVIZZERA
14 ore
La task force Covid-19 cambia pelle
Ci sono state una dozzina di dimissioni da quando l'organo è stato istituito nel marzo 2020
SVIZZERA
14 ore
Telelavoro, il piede del virus sul pedale di una rivoluzione già in corso
Vantaggi, svantaggi, stress, produttività. La pandemia ha accelerato i cambiamenti nel mondo del lavoro
SVIZZERA
15 ore
«42 reazioni avverse al vaccino»
Il dato è stato comunicato da Swissmedic: in Svizzera per ora sono state vaccinate quasi 170'000 persone.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile