Keystone
SVIZZERA
16.07.20 - 21:210
Aggiornamento : 17.07.20 - 08:27

Certificati medici "fasulli" per non mettere la mascherina

Diversi "furbetti" svizzero-tedeschi hanno fatto affidamento a una dottoressa tedesca.

La donna, per soli cinque euro, invia un attestato fittizio via email a chi glielo richiede: «Indossare la mascherina infrange i diritti fondamentali». Ma un'avvocatessa avverte i clienti: «Rischiano pene fino a cinque anni di carcere».

BERNA - Dallo scorso 6 luglio la mascherina è obbligatoria su tutti i mezzi pubblici della Svizzera: o la metti, o scendi. Ma ci sono delle persone che sono esonerate da questo provvedimento per motivi di salute, come ad esempio chi soffre di epilessia o di problemi respiratori. E come dice un noto adagio: «Fatta la legge, trovato l'inganno». Diversi "furbetti" svizzero-tedeschi, che d'indossar la mascherina proprio non ne vogliono sapere (ne avevamo già parlato in un precedente articolo) hanno trovato chi - pagando - gli compila un certificato medico "fittizio" per aggirare la norma.

Cinque euro per un certificato - La persona in questione - rintracciata da 20 Minuten - è una dottoressa tedesca che per cinque euro fornisce il tutto via email. Il trucchetto è semplice: «Basta che la persona interessata fornisca una scusa valida - attacchi di panico, problemi di respirazione - e i suoi dati personali e entro ventiquattro ore riceverà il certificato medico». Naturalmente tutto senza alcuna visita medica. Una pratica, questa, illegale. 

Dottoressa anti-mascherina - Ma che non destabilizza più di tanto la dottoressa tedesca, fervente oppositrice dell'uso della mascherina. «L'obbligo d'indossarla - si difende parlando con 20 Minuten - equivale a infrangere i diritti fondamentali. Bisogna battersi per la fine immediata di tutte queste misure».

Chi lo richiede rischia grosso - Ma secondo un'avvocatessa specializzata in diritto medico «se la diagnosi viene fatta senza consultazione di persona, il medico infrange la legge». Punibile in Germania, la dottoressa non rischia nulla in Svizzera. Tutta un'altra storia, invece, per i suoi "pazienti" che possono invece essere perseguiti. «Chiunque incita qualcuno a falsificare un documento è passibile di una pena detentiva di cinque anni di carcere». E non è tutto. «Le norme del Consiglio federale sull'obbligo d'indossare una mascherina - conclude la legale - prevedono che il trasgressore può essere punito con una multa».

20 Minuten
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
NEUCHÂTEL
35 min
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
4 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
5 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
6 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
10 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
11 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
13 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
22 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
23 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
1 gior
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile