Keystone
VAUD
16.07.20 - 15:540
Aggiornamento : 17:09

Con le vacanze esplode la richiesta di tamponi: «Siamo allo stremo»

Il centro drive-in e walk-in di Yverdon è stato preso d'assalto negli ultimi giorni.

Il direttore sanitario: «La media di esami al giorno è salita da 80 a 150, con punte oltre i 200. Una volta ne abbiamo effettuati 242».

YVERDON - Tamponi gratuiti e l'inizio delle ferie estive stanno spingendo al limite delle capacità il centro per test di Yverdon-les-Bains (VD), dove l'esame per individuare il Covid-19 si svolge in modalità drive-in e walk-in. La media di analisi quotidiane nelle ultime settimane è arrivata a raddoppiare.

Il centro è invaso da persone che vogliono farsi testare prima di partire in vacanza. «La media di esami al giorno è salita da 80 a 150, con punte oltre i 200. Una volta ne abbiamo effettuati 242 e al massimo possiamo svolgerne 250», dichiara a Keystone-ATS il direttore sanitario dell'ospedale di Yverdon Julien Ombelli.

La struttura inizialmente - era la fine di aprile - è stata allestita per gli automobilisti, una prima in Romandia. Un mese dopo, il centro è stato ampliato per ricevere anche chi vi si reca a piedi. Fra le due e le cinque persone risultano positive ogni giorno.

Il boom di tamponi nell'ultimo periodo si spiega in parte con la decisione del governo federale, presa a fine giugno, di assumersi i costi. Inoltre, in molti si sottopongono al test in vista di futuri viaggi. A seconda della destinazione, può infatti essere necessario un certificato in grado di attestare che non si è contagiati dal coronavirus. Queste persone devono però saldare il conto di tasca propria, versando 190 franchi.

Con i rientri dalle vacanze, Ombelli si aspetta un afflusso ancor più intenso. Secondo il responsabile, con il ritorno dei turisti vi è da mettere in conto un aumento dei test e delle positività. Il centro dovrebbe rimanere in funzione per un periodo di tempo piuttosto prolungato, anche perché in inverno la situazione potrebbe complicarsi con l'apparire dell'influenza stagionale, che ha sintomi quasi identici a quelli del coronavirus.

Il vantaggio di strutture di questo genere è rappresentato dai tempi ridotti all'osso. Gli interessati possono annunciarsi sul sito web in cinque minuti scarsi. L'esame viene poi eseguito sul posto, dietro l'ospedale, in soli tre minuti. Se la giornata è tranquilla, può venire svolto entro un'ora dalla registrazione. Tuttavia, ma è una rarità, possono trascorrere anche due o tre giorni prima che un appuntamento sia disponibile.

Anche l'elaborazione del test è rapida, con il laboratorio che se ne occupa situato direttamente di fronte al drive-in. Di solito ci vogliono massimo tre ore lavorative per avere l'esito. In totale, dalla sua apertura, il centro di Yverdon ha accolto oltre 4'000 persone.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
2 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
2 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
4 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
4 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
4 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
6 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
7 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
9 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
GRIGIONI
10 ore
Il progetto pilota dei Grigioni: test a tappeto
Oltre alle restrizioni, per lottare contro la diffusione del virus verranno predisposti dei test territoriali.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile