Keystone
NEUCHÂTEL
15.07.20 - 15:240

Yvan Perrin davanti ai giudici per discriminazione razziale

Nel 2019 aveva scritto "L'infezione si sta diffondendo" sotto un post di Facebook sui Fratelli musulmani.

Il procuratore attacca: «Ha incoraggiato e partecipato ad azioni di propaganda». L'imputato si difende: «Le mie accuse riguardavano quel movimento in particolare, non tutti i musulmani».

NEUCHÂTEL - L'ex consigliere di Stato neocastellano ed ex consigliere nazionale Yvan Perrin (UDC) è comparso oggi davanti al Tribunale di polizia di Neuchâtel per rispondere di discriminazione razziale. Il pubblico ministero lo accusa di aver propagato un'ideologia volta a denigrare i musulmani.

Il procuratore ha chiesto una pena di 90 aliquote giornaliere di 30 franchi, ossia 2'700 franchi, sospesi per due anni. I fatti risalgono all'aprile 2019. Sulla sua bacheca Facebook, Yvan Perrin aveva commentato un articolo pubblicato sul quotidiano 24 heures riguardante il Qatar e i Fratelli musulmani.

Secondo l'atto d'accusa «dato l'argomento e la cerchia di persone a cui era diretto, c'era da aspettarsi eccessi linguistici». L'imputato - difeso dal consigliere nazionale Jean-Luc Addor (UDC/VS) - ha lasciato sotto il suo profilo «commenti di terzi che invocano l'odio e la violenza contro le persone a causa della loro appartenenza religiosa» in modo che potessero essere letti da un vasto pubblico. Il procuratore generale, Pierre Aubert, ritiene inoltre che Perrin incoraggi e partecipi ad «azioni di propaganda, discriminando pubblicamente in un modo che mina la dignità umana di un gruppo di persone a causa della loro religione».

Perrin si è difeso affermando che le sue critiche non riguardavano i musulmani in generale, ma un movimento in particolare, i Fratelli musulmani, generalmente considerato terrorista. Ai microfoni dell'emittente locale RTN, nel giugno 2019, l'ex consigliere di Stato aveva ricordato che il movimento è classificato come organizzazione terrorista anche in Arabia Saudita e in Egitto.

Anche se così fosse, per il procuratore generale resta il fatto che «l'impressione generale lasciata dal suo commento, "L'infezione si sta diffondendo", così come dai commenti degli altri, è che siano i musulmani in generale a essere attaccati in modo stupido, rozzo e sgradevole».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
28 min
Un imprenditore fa causa a Berna: chiede otto milioni di franchi
Urs Ledermann sostiene che la sua impresa di pulizia sia stata rovinata a seguito delle restrizioni anti-covid.
ZURIGO
1 ora
Alcuni operatori della sanità vogliono un'associazione anti-vaccino
Gli interessati si sono organizzati tramite il servizio di messaggistica Telegram.
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus e scuole: altro cambiamento di strategia?
L'UFSP sta studiando possibili provvedimenti. Finora era stata lasciata carta bianca ai cantoni.
SVIZZERA
2 ore
Freddo e neve, i disagi oltralpe proseguono
Soprattutto per quanto riguarda i mezzi pubblici: diverse tratte ferroviarie sono tuttora bloccate.
SVIZZERA
2 ore
«I cantoni più lenti avranno meno dosi»
È l'indiscrezione riportata nell'edizione odierna della NNZ am Sonntag.
SVIZZERA
3 ore
Quelle 6'000 aziende che non riceveranno alcun aiuto
Si tratta delle imprese fondate dopo lo scoppio della pandemia. Non rientrano nei cosiddetti casi di rigore.
SVIZZERA
14 ore
I "corona-scettici" e le minacce online: «Assaltiamo Palazzo Federale»
Alcuni gruppi radicali contrari alle misure anti-coronavirus invocano un attacco a Berna
SVIZZERA
16 ore
Dramma a Gerlafingen: due bambine trovate morte in un appartamento
La madre è stata arrestata dalla polizia: è la principale indiziata
LE FOTO
SVIZZERA
18 ore
Comprensori sciistici, è caos valanghe: ci sono 2 morti
La polizia e la Rega hanno lavorato ininterrottamente per cercare eventuali dispersi
SVIZZERA
19 ore
«Inserite la salvaguardia delle risorse naturali nella Costituzione»
Lo chiedono i giovani verdi, che si apprestano a lanciare un'iniziativa popolare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile