Keystone
SVIZZERA
10.07.20 - 14:250
Aggiornamento : 16:51

C’è chi evita l’uso della mascherina mostrando un certificato medico

Andare dal medico per chiedere la dispensa. Un fenomeno che sta prendendo piede.

Non tutte le richieste sono però giustificate. E spunta una lista di medici scettici alle misure di restrizioni

ZURIGO - Per alcuni indossare una mascherina protettiva sui mezzi pubblici deve risultare talmente fastidioso che c’è già chi è andato dal medico con l’obiettivo di farsi fare un certificato per viaggiare senza. Il fenomeno è raccontato oggi sul portale 20 Minuten attraverso una serie di testimonianze da parte di medici che da lunedì - da quando cioè è entrato in vigore l’obbligo delle mascherine sui mezzi di trasporto - hanno già ricevuto diverse richieste di dispensa. «La cosa strana è che sono arrivati soprattutto giovani pazienti» fa notare Markus Battaglia co-direttore di un centro medico a Berna. Ovviamente il più delle volte nessun paziente ha dei reali problemi atti a impedire l’uso della mascherina. Si tratta per lo più di scuse legate alla scomodità di viaggiare protetti e a un certo atteggiamento intollerante nei confronti della maschera. «Mi sono sempre rifiutato di concedere dei certificati medici di questo tipo. Anche quando il paziente se n’è andato via sbottando che si sarebbe rivolto a un altro medico. Invito i miei colleghi a fare la stessa cosa». 

Anche Awad Abu Awad, medico generale con studio a Zurigo, ha confermato di aver ricevuto diverse richieste in questi giorni. Qualche certificato però lo ha firmato. «In effetti se c’è un motivo di salute ed è un motivo serio, c’è la possibilità che la mascherina non venga indossata. Penso a tutte quelle persone, soprattutto anziane, che hanno difficoltà respiratorie, o malattie polmonari, oppure sono asmatiche. In quei casi la mascherina dà loro ancora meno aria, e potrebbero arrivare attacchi di panico o di ansia».

Esiste un movimento, con tanto di sito, che si chiama “Ärzte für Aufklärung”. Tradotto in italiano suona come “Medici per l’istruzione”. Si tratta di un gruppo di dottori scettici sulle misure restrittive decise dai vari governi. Su Internet hanno pure pubblicato una lista dei medici che ne fanno parte, e tra loro ce ne sono anche alcuni svizzeri. Ebbene, se un utente dovesse rivolgersi a uno di loro avrebbe buone possibilità di ricevere un certificato di salute che lo esonererebbe dall’indossare una mascherina, anche in assenza di reali motivi di salute.

Negli scorsi giorni in una trasmissione della tv tedesca “Reporter Mainz”, andata in onda sul primo canale nazionale (ARD), i giornalisti si erano rivolti a questi medici per ottenere un certificato adottando come scusa il rifiuto personale della mascherina. Tutti i medici hanno rilasciato il documento senza battere ciglio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
2 ore
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
9 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
11 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
11 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
14 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
15 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
16 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
17 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
19 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile