Archivio Depositphotos
SVIZZERA
08.07.20 - 13:510

Sicurezza informatica: l'Amministrazione federale potrebbe fare meglio

Lo scorso anno gli standard minimi sono stati solo parzialmente soddisfatti, secondo un recente rapporto

BERNA - All'interno dell'Amministrazione federale gli standard minimi per la sicurezza informatica sono stati soddisfatti solo in parte lo scorso anno. Secondo un rapporto si sono dimostrati particolarmente carenti il Dipartimento dell'interno (DFI) e quello dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).

È quanto riferisce oggi la NZZ, citando una relazione dell'Organo direzione informatica della Confederazione (ODIC). Il documento, che si basa su autodichiarazioni di uffici e dipartimenti, è stato anche visionato dall'agenzia Keystone-ATS.

In media, nei vari dipartimenti così come nella Cancelleria federale e nei servizi del Parlamento, il 72% dei servizi informatici ha raggiunto i richiesti requisiti di attuazione e controllo. In fondo alla lista c'è il DFI, in seno a cui tale percentuale precipita al 37%.

Poco convincente pure il DATEC, che ottiene il 48%. Il Dipartimento dell'economia (DEFR) e quello delle finanze (DFF) hanno ottenuto valori nella media: il primo il 70%, il secondo il 68%. Impeccabile, secondo i dati disponibili, il Dipartimento degli affari esteri (DFAE), con un 100% d'implementazione e monitoraggio dei sistemi.

Nel suo ultimo rapporto l'ODIC ha valutato il grado di sicurezza informatica dell'amministrazione in funzione dell'attuale livello di minaccia. Stando all'organo ciò è comparabile a quello d'istituzioni simili e del settore privato.

Secondo la Confederazione autorità e imprese elvetiche entrano nel mirino degli hacker praticamente ogni giorno. Nel 2016 ad esempio pirati informatici, dietro ai quali vi era forse la Russia, hanno sferrato un attacco contro il produttore di armi Ruag. Oltre 20 gigabyte di dati sarebbero stati sottratti in quella circostanza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
23 min
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
44 min
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
1 ora
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
1 ora
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
2 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
3 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
3 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
5 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
6 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
7 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile