keystone
Boris Zürcher
SVIZZERA
08.07.20 - 10:380

Le aziende "snobbano" il lavoro ridotto

In Svizzera richieste inferiori alle attese, meno della metà. La Seco è sorpresa

BERNA - Il ricorso al lavoro ridotto durante la crisi del coronavirus è inferiore alle attese delle autorità federali. Stando alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco) in aprile sono stati versati in tal ambito 2,4 miliardi di franchi, mentre l'onere previsto era compreso fra 5 e 7 miliardi.

«Siamo quindi ben al di sotto delle aspettative», afferma Boris Zürcher, direttore della divisione lavoro presso la Seco, in una conferenza telefonica in cui ha commentato i nuovi dati sulla disoccupazione relativi al mese di giugno.

In marzo la Confederazione aveva versato alle imprese circa 1 miliardo di franchi come compensazione per la disoccupazione parziale. Anche quella cifra è inferiore alle previsioni, che erano di 2-3 miliardi, osserva Zürcher.

Secondo le informazioni pubblicate oggi dai funzionari bernesi in aprile il lavoro ridotto ha interessato 1,08 milioni di persone e 131'000 aziende. Ciò significa che sono state effettivamente utilizzate il 58% delle richieste presentate; in marzo la quota era del 55%. Le aziende sono flessibili nell'utilizzo del lavoro ridotto: se una domanda viene approvata sono libere di decidere se avvalersene.

Il numero di richieste è rimasto più o meno lo stesso in maggio e in giugno, ha proseguito Zürcher: in entrambi i mesi sono state presentate domande di lavoro ridotto da 195'000 aziende per circa 1,9 milioni di dipendenti, un numero che equivale al 37% delle persone occupate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
3 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
4 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
5 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
5 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
6 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
7 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
8 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
GLARONA
10 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
BERNA
11 ore
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile