Archivio Depositphotos
SVIZZERA
07.07.20 - 23:220
Aggiornamento : 08.07.20 - 08:21

Se vado in discoteca, rischio il licenziamento?

Il proprietario di un locale zurighese parla di un calo di frequenze a causa di pressioni da parte dei datori di lavoro

Nelle scorse settimane sono centinaia le persone a cui è stata ordinata la quarantena a seguito di una serata in discoteca

Fonte 20 Minuten/Daniel Krähenbühl
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - È successo oltre San Gottardo, ma anche in Ticino: nelle scorse settimane a centinaia di individui è stata ordinata la quarantena perché si trovavano in discoteca assieme a una persona poi risultata positiva al Covid-19. E ora nei club gli avventori sono in calo, come conferma a 20 Minuten Sasa Savic, comproprietario del Face Club di Dietlikon (ZH): «Al termine del lockdown ci hanno sommersi di prenotazioni per i lounge, ma la scorsa settimana abbiamo ricevuto la disdetta da sessanta gruppi».

Il motivo? Savic ne ha parlato con alcuni frequentatori abituali: avrebbero subito pressioni dal datore di lavoro. «La gente non ha paura del coronavirus, bensì di perdere il posto di lavoro e il salario» afferma. Un capo avrebbe anche minacciato il licenziamento, se il dipendente si fosse recato in un locale frequentato da persone originarie dei Balcani.

Roger Rudolph, professore di diritto del lavoro all'Università di Zurigo, afferma: «Se il dipendente assume un comportamento negligente e gli viene attribuita la responsabilità della quarantena, difficilmente potrà difendersi da un licenziamento». Se la quarantena segue invece una serata in un ristorante, si hanno invece più possibilità di evitare l'interruzione del rapporto di lavoro.

L'Unione svizzera degli imprenditori ritiene che il dipendente si debba mostrare leale nei confronti dell'azienda, anche nel suo tempo libero. Come? Evitando situazioni a rischio come una nottata in discoteca e rispettando le accresciute norme igieniche, afferma il portavoce Fredy Greuter.

Non ci sta Leena Schmitter del sindacato Unia: «Ciò che i dipendenti fanno nel tempo libero sono soltanto affari loro». Se a qualcuno viene ordinata una quarantena a seguito di una serata in discoteca, il salario viene garantito dall'indennità di perdita di guadagno, conclude la sindacalista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
3 ore
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
7 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
SVIZZERA
11 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
12 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
13 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
16 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
17 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
20 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
1 gior
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
1 gior
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile