Tipress (archivio)
Il processo si terrà al Tribunale penale federale di Bellinzona.
SVIZZERA
06.07.20 - 11:410

Volevano arruolarsi nell'Isis, due romandi sotto accusa

L'MPC intende processare un elvetico e uno svizzero-tunisino per sospetti legami col terrorismo.

Gli imputati hanno tentato di entrare nella zona del conflitto siro-iracheno dalla Turchia nel 2015. Erano stati arrestati all'aeroporto di Zurigo subito dopo il loro rientro in Svizzera.

BERNA - Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha presentato l'atto accusa contro due persone domiciliate in Romandia, un cittadino svizzero e un altro dal passaporto elvetico e tunisino, sospettate di legami col terrorismo. Secondo la procura federale, gli imputati, che hanno tentato di entrare nella zona di conflitto siro-iracheno, volevano arruolarsi nello Stato islamico.

Ai due viene contestato di aver violato la legge che vieta i gruppi "Al-Qaïda" e "Stato islamico", nonché le organizzazioni associate, precisa in un comunicato odierno l'MPC, che aveva avviato un procedimento penale nel febbraio 2016.

Entrambi sono stati arrestati pochi mesi dopo e posti in carcerazione preventiva all'aeroporto di Zurigo al loro rientro dalla Turchia: lo svizzero a giugno e lo svizzero-tunisino in agosto. Sono poi stati successivamente rilasciati a condizione che fossero adottate misure sostitutive.

Partiti nel 2015 - Stando all'atto d'accusa, il cittadino svizzero-tunisino ha lasciato la Confederazione per recarsi in Turchia nell'ottobre 2015. Il suo compagno ha fatto lo stesso nel dicembre dello stesso anno: il loro obiettivo era di entrare in Siria e unirsi all'Isis in quella regione di guerra. Prima della partenza, gli imputati si erano identificati con l'ideologia dei fondamentalisti islamici ed erano in contatto con altre persone radicalizzate. I due hanno partecipato, in Svizzera e in Francia, ad allenamenti fisici di gruppo.

Una volta giunti in Turchia, hanno beneficiato del supporto logistico e della consulenza della rete dei jihadisti. Hanno infatti potuto usufruire di un rifugio dell'Isis per il loro soggiorno, hanno ricevuto le coordinate di un passatore e hanno ottenuto documenti falsi, spiega l'MPC. Sul posto, hanno anche sostenuto finanziariamente i terroristi.

Gli intermediari dell'Isis hanno fornito ai due l'autorizzazione di entrare nel territorio da loro controllato. Le autorità di Ankara li hanno però bloccati, impedendo la continuazione del viaggio in direzione della Siria e pronunciando l'espulsione verso la Svizzera.

Svizzero-tunisino era la mente - La procura federale ritiene che l'accusato di nazionalità svizzera-tunisina abbia indottrinato ideologicamente quello svizzero. Lo avrebbe infatti presentato a un gruppo d'individui radicalizzati, integrato in quello che ha svolto la preparazione fisica e introdotto a una persona che ospitava le reclute dell'Isis fino all'attraversamento del confine siriano.

L'uomo avrebbe anche indottrinato una seconda persona, un franco-tunisino, fornendole supporto logistico per la sua integrazione nell'organizzazione terroristica e presentandole un membro dello Stato islamico condannato in Belgio, che gli ha procurato documenti falsi. Nei confronti del franco-tunisino l'MPC sta conducendo un procedimento penale, attualmente sospeso. L'Ufficio federale di polizia (fedpol) ha espulso il diretto interessato in Francia alla fine del 2017.

Le accuse penali saranno annunciate in occasione dell'udienza principale dinanzi al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona. Fino alla sentenza definitiva vale la presunzione d'innocenza.

Il Ministero pubblico informa che attualmente sono aperti circa 70 procedimenti penali nell'ambito del terrorismo di stampo jihadista, principalmente per sospetta propaganda o reclutamento a favore di organizzazioni terroristiche, oppure per attività di finanziamento.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Monello 1 anno fa su tio
……..Sicuramente cure psichiatrice di 5 anni in Svizzera ,poi quando guariti di nuovi liberi e pronti a nuove marachelle :-) ...cosi funziona da noi !
dan007 1 anno fa su tio
scandaloso
Duca72 1 anno fa su tio
Buttate via la chiave!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
6 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
6 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
10 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
11 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
13 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
14 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
15 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
16 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
18 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
19 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile