Ti Press
GIURA / VAUD
03.07.20 - 15:390
Aggiornamento : 16:30

La mascherina diventa obbligatoria anche nei negozi

Giro di vite in due cantoni romandi per frenare i contagi. Nel resto della Svizzera locali notturni "osservati speciali"

In Canton Soletta una persona risultata positiva non ha rispettato l'isolamento. La sua bravata è costata l'isolamento ad altre 280 persone.

DELEMONT - Si allarga la lista dei cantoni elvetici che hanno deciso di fare un passo per cercare di contenere il numero di contagi di coronavirus, o almeno per riuscire a rintracciare chi potrebbe essere entrate a contatto con persone infette. Numerose le autorità che hanno deciso per un giro di vite nei locali notturni, ma a spingersi oltre sono stati Giura e Vaud, dove a partire dalla prossima settimana sarà obbligatorio indossare la mascherina nei commerci.

La misura nel canton Giura, primo cantone elvetico a introdurla, entrerà in vigore già lunedì prossima e riguarda le persone al di sopra dei 12 anni, ha annunciato oggi il governo cantonale.

«Da una decina di giorni il canton Giura sta affrontando un'impennata del coronavirus con più di venti nuovi casi positivi confermati», ha indicati oggi il governo giurassiano, precisando che l'obbligo di indossare la mascherina nei negozi e nelle attività commerciali - che sarà in vigore per un periodo di due mesi - può essere esteso a seconda dell'evoluzione della situazione.

Una misura simile è stata adottata anche dal canton Vaud, che dal prossimo mercoledì renderà obbligatorio l'uso della mascherina in tutti i negozi del cantone se esso è frequentato da più di 10 persone. Il provvedimento è stato annunciato questo pomeriggio dal governo vodese.

La maschera sarà obbligatoria anche per il personale di vendita, ha aggiunto il Consigliere di Stato Philippe Leuba, chiedendo l'assoluto rispetto delle distanze sanitarie. Ha anche annunciato un sistema più rigoroso per i bar e le discoteche, in particolare per quanto riguarda la tracciabilità. Per i ristoranti, l'uso di mascherine non sarà obbligatorio per i clienti, ma "fortemente raccomandato" per il personale. Anche in questo caso è richiesta la raccolta dei dati dei clienti.

Locali notturni nel mirino - In diverse zone della Svizzera a finire nel mirino è soprattutto la vita notturna. Dal momento che nelle discoteche e nei club è difficile mantenere la distanza e dunque fare prevenzione, è opportuno poter disporre delle informazioni personali degli avventori per poterli rintracciare in seguito.

Dopo Zurigo, Berna, Argovia, Soletta e Ticino, anche Basilea Campagna, Vaud e da ultimo Lucerna vogliono rafforzare i controlli per evitare nuove propagazioni di coronavirus in seguito alla "movida".

Quanto accaduto a Zurigo, ma anche in altri locali dei cantoni di Argovia, Soletta e Ticino negli scorsi weekend, non deve più ripetersi: alcuni clienti non hanno fornito i loro reali dati di contatto o la loro identità, rendendo incompleta la tracciatura dei contatti in caso di infezioni. Gli organizzatori dovranno dunque verificare l'autenticità dei dati personali forniti dagli avventori tramite un controllo sistematico dei documenti di identità. A Berna, Soletta e Argovia - e presto anche nel canton Vaud - tali verifiche valgono anche per i bar.

Soletta: una persona non si isola, 280 in quarantena - A Soletta, una persona risultata positiva al test del coronavirus non ha rispettato le misure di isolamento e si è recato a due eventi a Grenchen (SO) lo scorso weekend. In seguito alla bravata, il medico cantonale ha dovuto ordinare la quarantena di dieci giorni a circa 280 persone.

Le violazioni delle misure di quarantena e di isolamento possono essere punite penalmente con ammende. Il Cantone sta attualmente esaminando la possibilità di intraprendere un'azione legale contro la persona che non ha rispettato le misure di isolamento, ha indicato oggi la cancelleria cantonale solettese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
2 ore
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
9 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
11 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
11 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
14 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
15 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
17 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
17 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
19 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile