deposit
SVIZZERA
03.07.20 - 18:300

Bonus Covid: «scioccante e umiliante» per i cassieri

Per i loro sforzi durante la pandemia, il personale di Aligro ha ricevuto buoni ristorante, a condizioni rigorose.

Il sindacato Unia ritiene che i bonus offerti ai dipendenti dei grandi magazzini siano generalmente scarsi.

GINEVRA - Altamente esposti al coronavirus, in un supermercato in cui i clienti affluivano durante il semi-contenimento causa la chiusura dei confini e il blocco del turismo degli acquisti, i dipendenti Aligro speravano in una ricompensa. E l'hanno ottenuta: un buono di 200 franchi valido nei ristoranti clienti del grande distributore. Un gesto «scioccante e umiliante», secondo un dipendente.

Soprattutto perché questo bonus non è stato concesso a coloro che hanno mancato anche solo una giornata di lavoro. «I malati, compresi quelli colpiti da Covid-19, o le persone che hanno trascorso una giornata a casa a prendersi cura dei propri figli, non hanno ottenuto nulla». Per solidarietà, decine di persone hanno rifiutato il voucher, ha spiegato il dipendente.

«Un bonus simile è un gesto avaro», afferma Anne Rubin, responsabile della vendita al dettaglio di Unia Svizzera. La sindacalista denuncia i casi presso altre filiali di Aligro: «I dipendenti in disoccupazione parziale sono stati richiamati quando la società ha rinunciato a questa misura. Ha dedotto le assenze dalle loro vacanze o le ha trasformate in ore negative. Tutto ciò è illegale». Aligro si difende, parlando di risultati nelle vendite «complicati».

Unia vuole aumenti salariali - In generale, di fronte ai rischi associati al Covid-19 e al lavoro dello staff che ha accumulato straordinari, Unia considera «insufficienti» i bonus concessi.

«I lavoratori, molti dei quali ci hanno interpellato, hanno ricevuto i ringraziamenti da parte della clientela. Meno dai loro datori di lavoro». Rubin aggiunge: «Per il periodo di lockdown avevamo richiesto premi di 2'000 franchi. I distributori sono scesi a 350/500 franchi. È meglio di niente».

Resta il fatto che per il sindacato c'è ancora molta strada da fare per il «corretto salario e la riqualificazione sociale» di cassiere o commesse, il cui lavoro è essenziale per la popolazione.

Aligro respinge le critiche e spiega: «Volevamo ringraziare il nostro staff con questi 200 franchi da spendere presso i ristoratori legati al nostro gruppo. Ma non solo - spiega Roberto De Vito, direttore delle vendite per la Svizzera -. È stato anche un modo per mostrare solidarietà e rilanciare queste attività che più di altre hanno sofferto finanziariamente la pandemia».

Per quanto riguarda l'importo del premio, il gruppo spiega che le difficoltà del settore della ristorazione, il principale cliente di Aligro, hanno influito negativamente sul fatturato del marchio.

Sugli esclusi dal bonus a causa delle assenze, Roberto De Vito specifica: «hanno la possibilità di scegliere: recuperare le ore durante l'anno o convertirle in vacanze».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
2 ore
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
9 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
11 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
11 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
14 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
15 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
17 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
17 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
19 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile