Ti Press
SVIZZERA
02.07.20 - 08:520
Aggiornamento : 15:43

I medici cantonali: «Mascherina obbligatoria anche negli spazi pubblici»

Indossarle solo sui trasporti collettivi, da un punto di vista epidemiologico, non basta.

Accolta positivamente la quarantena per le persone provenienti da paesi a rischio.

BERNA - Per i medici cantonali, l'obbligo di portare le mascherine sui trasporti pubblici non è sufficiente. Rudolf Hauri, presidente della loro associazione, ha dichiarato che sarebbe favorevole a un obbligo d'indossarle in tutti gli spazi pubblici. L'epidemiologo Marcel Salathé ritiene utile portarle ovunque non sia possibile mantenere la distanza minima.

Da un punto di vista epidemiologico, l'uso delle mascherine protettive sarebbe consigliabile in tutti i negozi e in tutti gli altri luoghi affollati, ha detto oggi Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali della Svizzera (AMCS), alla trasmissione "Heute morgen" della radio svizzerotedesca SRF.

L'epidemiologo Marcel Salathé ha spiegato nel "Tagesgespräch" di Radio SRF che accoglie con favore l'obbligo d'indossare le mascherine sui trasporti pubblici. In linea di principio ricorrere a questo tipo di protezione è utile laddove non è possibile mantenere la distanza minima o la tracciabilità non è possibile. Si è detto fiducioso che l'uso delle mascherine venga esteso ad altri ambiti della vita pubblica.

Ben vista la quarantena - Salathé e Hauri hanno accolto positivamente anche la decisione di ieri del Consiglio federale di prescrivere la quarantena di dieci giorni a persone provenienti da paesi a rischio che entrano in Svizzera. Tuttavia una quarantena non è un soggiorno in prigione, bensì include un elemento di libera volontà, ha detto Hauri.

I medici cantonali sono l'organo di controllo, ma anche il punto di contatto. È importante capire la necessità della quarantena, ha detto il medico cantonale di Zugo.

Tracciamento decisivo - Ma le capacità dei Cantoni preoccupano Salathé. Certi Cantoni hanno segnalato che non sarebbero in grado di effettuare una sufficiente tracciabilità dei contatti se i casi dovessero verificarsi con maggiore frequenza. Attirare per così dire il virus in un vicolo cieco, spezzando la catena dell'infezione, è fondamentale per combattere la pandemia di Covid-19, ha detto.

Per questo motivo i test devono essere molto più veloci, altrimenti si è sempre un passo indietro rispetto al virus. Il tempo che intercorre tra la comparsa dei sintomi, il test e il suo risultato dovrebbe durare al massimo un giorno.

Si dovrebbero poi investire altre 24 ore per rintracciare i contatti, in modo che tutti gli interessati possano mettersi in quarantena o in isolamento. Il coronavirus è veloce, ha sottolineato Salathé. Chiunque sia infetto diventa contagioso nel giro di pochi giorni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
1 ora
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
9 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
10 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
11 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
13 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
15 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
16 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
16 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
19 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile