Ti Press
SVIZZERA
30.06.20 - 11:240

Oltre 100mila respingimenti e quasi 9mila multe

L'amministrazione federale delle dogane ha fornito un bilancio degli ultimi mesi contraddistinti da restrizioni

Dal 16 marzo al 14 giugno i reati constatati sono quasi dimezzati rispetto allo scorso anno.

BERNA - Il 16 marzo il Consiglio federale aveva proclamato la «situazione straordinaria» ai sensi della legge sulle epidemie. La Svizzera, e con lei numerosi altri Stati, ha adottato una serie di misure per ridurre il rischio di trasmissione e per combattere il coronavirus, come la reintroduzione dei controlli sistematici alle frontiere interne e l’emanazione di restrizioni d’entrata. Nell’ambito delle misure di controllo e di sorveglianza del confine, l’Amministrazione federale delle dogane (AFD) ha accertato numerosi reati. I controlli alle frontiere interne sono stati aboliti il 15 giugno 2020.

130 valichi chiusi e green lanes - Per attuare in modo mirato le misure, in tutta la Svizzera sono stati chiusi circa 130 piccoli valichi di confine e il traffico è stato canalizzato presso i valichi più grandi. Per la prima volta sono state introdotte anche delle corsie prioritarie (Green Lanes) riservate a persone che lavorano nel settore sanitario o che svolgono professioni di simile importanza. Queste persone hanno potuto continuare ad attraversare il confine.

Merci - Il traffico delle merci commerciabili ha continuato a funzionare normalmente: è quindi sempre stato possibile importare, esportare o far transitare merci in Svizzera. Per garantire il disbrigo efficiente del traffico delle merci commerciabili al confine nonché l’approvvigionamento rapido della popolazione svizzera con materiale di protezione, l’AFD ha adottato varie misure a livello nazionale, come le corsie prioritarie per l’importazione di merci o l’incentivazione del disbrigo elettronico delle procedure.

Personale - Le nuove disposizioni al confine hanno posto l’AFD davanti a una notevole sfida per quanto riguarda il personale. Per garantire la capacità di resistenza, l’AFD ha ricevuto il sostegno dell’esercito, che ha messo a disposizione 50 poliziotti militari e complessivamente 1800 militari di milizia, principalmente impiegati al confine verde e per sostenere le misure di canalizzazione. Inoltre, per rafforzare i controlli al confine, in vari Cantoni sono stati impiegati provvisoriamente dei poliziotti.

Traffico crollato dell’80% - Al culmine delle misure, il traffico transfrontaliero delle persone ha subito un crollo dell’80% in tutto il Paese. Dopo che il 15 giugno 2020 la Svizzera ha revocato tutte le misure COVID al confine, il traffico è di nuovo aumentato rapidamente. Al momento la percentuale è ancora inferiore di circa il 10% rispetto ai valori registrati prima della crisi. 

112'049 persone respinte - Per via delle restrizioni d’entrata, l’AFD ha respinto alle frontiere interne 112'049 persone. L’entrata è invece stata concessa a 16'854 persone che si trovavano in una situazione di assoluta necessità.

8'848 multe inflitte - In 8'848 casi sono state inflitte multe per infrazioni alle misure COVID. 2'458 casi hanno riguardato il turismo degli acquisti e consegne vietate di merci al confine. Il provvedimento è stato necessario al fine di evitare un sovraccarico delle infrastrutture al confine a causa di viaggi non necessari. Finora è stato presentato ricorso in 51 casi.

15'400 reati constatati - Complessivamente, dal 16 marzo al 14 giugno 2020, sono stati constatati 15'400 reati. L’anno precedente, nello stesso periodo, i casi registrati erano stati 27'125. Si è trattato, tra l’altro, di infrazioni alla legge federale sugli stranieri e la loro integrazione, alla legge sugli stupefacenti e alla legge sulle armi nonché di reati nell’ambito di falsità di documenti e della circolazione stradale.

I tipi di reato - In occasione delle ricerche effettuate durante i controlli, sono stati registrati 3'693 risultati positivi (stesso periodo nel 2019: 6'446): 843 casi riguardavano persone ricercate perché sospettate di aver commesso un delitto o un crimine, 331 concernevano veicoli e oggetti ricercati e 1'652, invece, ordini d’arresto. Per via dell’intensità dei controlli e delle ricerche è stato possibile accertare 1'182 soggiorni illegali. Nell’ambito degli stupefacenti sono state scoperte 2'881 infrazioni. A seguito della revoca dei controlli alle frontiere interne e con il forte aumento del traffico transfrontaliero, l’AFD ha registrato una notevole crescita dei casi penali in tutti gli ambiti, soprattutto in quello del contrabbando delle merci.

135'000 telefonate trattate - L’elevata esigenza di informazioni da parte della popolazione si è riflettuta nelle cifre relative alle richieste fatte alla centrale d’informazione dell’AFD: durante la situazione straordinaria i collaboratori della centrale hanno ricevuto 135'000 telefonate. Tale cifra corrisponde all’incirca al numero di telefonate ricevute nell’intero 2019. A ciò si aggiungono le circa 30'000 richieste giunte via e-mail.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
4 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
7 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
12 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
12 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
12 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
13 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
BERNA
14 ore
È ufficiale: primo gatto con il Covid in Svizzera
Sono diversi i casi registrati nel mondo, ma restano comunque molto rari
SVIZZERA
14 ore
Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste
Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»
SVIZZERA
15 ore
«Non sta andando come sperato»
Il consigliere federale Alain Berset non è contento dei numeri dell'epidemia. La "via svizzera" è in crisi?
SVIZZERA
16 ore
Orologi e gioielli, la Svizzera resta un leader indiscusso
Nel 2019, i tre gruppi elvetici più grandi erano Richemont, Swatch e Rolex.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile