tipress (archivio)
BERNA
26.06.20 - 11:500
Aggiornamento : 12:34

Aumenta lo scarto fra salari alti e bassi

Secondo Unia le aziende starebbero approfittando della crisi per pagare dividendi e intascare indennità

Il maggior divario in Roche. Segue lo stipendio di Ermotti in UBS.

BERNA  - Lo scarto, enorme, fra i salari più alti e quelli più bassi nelle grandi aziende continua ad ampliarsi: lo denuncia il sindacato Unia, secondo cui inoltre le multinazionali stanno esacerbando la crisi economica del coronavirus pagando dividendi ai loro azionisti e, simultaneamente, ricevendo dallo Stato indennità per il lavoro ridotto.

Il rapporto tra i salari più bassi e più alti nelle aziende era di 1 a 148 nel 2019, contro 1 a 142 l'anno precedente, secondo lo studio del sindacato sugli scarti salariali pubblicato oggi. La ricerca riguarda 37 gruppi svizzeri, 33 dei quali sono quotati in borsa.

L'aumento del divario è dovuto principalmente alle maggiori retribuzioni dei dirigenti di Roche, Novartis e Richemont rispetto all'anno precedente.

Roche presenta il divario maggiore - Il maggior divario nella rimunerazione si registra presso il gruppo farmaceutico Roche. Il salario del suo direttore generale (Ceo), Severin Schwan, è di oltre 15 milioni di franchi, 308 volte il salario più basso della società in Svizzera.

Al secondo posto segue UBS, con il Ceo Sergio Ermotti che ha guadagnato 241 volte più dell'impiegato della banca con lo stipendio più basso. Credit Suisse, nei primi tre posti negli ultimi anni, ha visto il suo scarto retributivo ridursi da 1 a 243 a 1 a 206 a favore del Ceo (che nel frattempo ha lasciato la direzione) Tidjane Thiam, in seguito allo scandalo dei pedinamenti del top manager Iqbal Khan. Quest'anno sul terzo gradino del podio c'è Nestlé, con un rapporto da 1 a 230 a favore del direttore Mark Schneider.

L'azienda in cui la forbice si è allargata di più è il gruppo del lusso Richemont, diretto da Jérôme Lambert: si è passati da un rapporto di 1:121 a 1:193.

All'altro capo della scala salariale, ci sono molti lavoratori a basso reddito, ad esempio nella vendita. Se questi dipendenti, a causa della pandemia Covid-19, lavorano a tempo ridotto e ricevono solo l'80% del loro stipendio abituale, spesso faticano ad arrivare alla fine del mese, sottolinea Unia.

Dividendi e sostegno statale - Lo studio del sindacato di quest'anno si concentra sul legame tra le politiche aziendali per massimizzare il valore delle azioni a breve termine e le conseguenze della crisi del coronavirus per le aziende e i loro dipendenti.

Stando al sindacato, le multinazionali svizzere stanno aggravando la crisi economica causata dalla pandemia: le grandi società quotate stanno "sacrificando il valore creato dai loro dipendenti a vantaggio di manager e azionisti". Questo mentre "negoziano con calma con lo Stato" e ricevono indennità per il lavoro ridotto.

Le enormi somme di denaro così "sprecate" scompaiono nei mercati finanziari e vengono così ritirate dall'economia reale. In altre parole, i manager, i consigli di amministrazione e gli azionisti stanno rafforzando gli effetti della crisi attraverso il loro comportamento "egoistico" e sono i principali motori di una sempre maggiore disuguaglianza sociale.

Ad esempio, sette delle aziende considerate ricevono sussidi per la disoccupazione parziale dallo Stato, ma durante la crisi della pandemia hanno distribuito dividendi per quasi quattro miliardi di franchi agli azionisti. Cinque di loro hanno addirittura aumentato la distribuzione dei dividendi rispetto all'anno precedente. Inoltre, il gruppo di tecnologia medica Straumann ha annunciato un licenziamento collettivo.

Dividendi in aumento - La Confederazione garantisce 60 miliardi di franchi di sostegno statale alle imprese durante la crisi per salvare posti di lavoro e continuare a pagare gli stipendi, e non per pagare i dividendi ai proprietari delle aziende, sottolinea l'Unia.

Inoltre nel 2019 i versamenti agli azionisti (dividendi e riacquisto di azioni) sono aumentati. Hanno raggiunto un totale di 63 miliardi di franchi. Sul valore aggiunto complessivo generato nei 37 gruppi, "solo" il 67% è andato agli 1,6 milioni di dipendenti e il 33% è finito nelle tasche degli azionisti.

EMS Chemie: un caso estremo - Il caso più estremo è quello del gruppo EMS Chemie, guidato dalla consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher (UDC/GR). Gli azionisti ricevono il 66% del valore aggiunto totale e i circa 2800 dipendenti il 34%. Alle tre figlie dell'ex consigliere federale Christoph Blocher, che detengono il 70% delle azioni, sono andati 326 milioni di franchi in dividendi nel 2019. Si tratta di 87 milioni in più rispetto all'insieme dei costi per il personale.

Inoltre, le aziende continuano ad eludere il divieto legale di pagamento delle indennità di partenza, secondo quanto stabilisce il diritto federale in applicazione dell'iniziativa contro le remunerazioni abusive, accolta con quasi il 70% di sì e da tutti i Cantoni nel marzo del 2013. Unia cita l'esempio dell'ex Ceo di ABB Ulrich Spiesshofer, che entro l'aprile 2021 avrà intascato 13 milioni di franchi, anche se non dirige più l'azienda dall'aprile 2019.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-18 1 anno fa su tio
Ma stai tranquillo......, ricrediti e non mandare in giro simili conclusioni, lasa staa......
Don Quijote 1 anno fa su tio
Mi sembra normale, pur vivendo nel XXI secolo, molti hanno le stesse capacità e conoscenze di chi viveva 6'000 anni fa ma con pretese ben superiori. Padre nostro che sei nei cieli dacci il pane quotidiano … meglio non contarci troppo! Soprattutto in Svizzera, si racconta un sacco di scemenze alla gente per fare passare sempre più tasse indirette perché riescono a convincerti che saranno colpiti gli altri e non tu, in primis quelle che riguardano l’ambiente, l’energia, l’innocua CO2 e i trasporti in generale. Il fatto è che queste tasse ricadono unicamente e pesantemente sul ceto medio, dando ai super ricchi sempre più potere economico e politico. Ci vogliono tasse dirette sugli alti guadagni (soprattutto se derivati da reddito), altrimenti abbiamo il classico gatto che si morde la coda e l'ambiente non ci guadagna niente. Bisogna capire che per generare un reddito anche seduto comodamente dietro a una scrivania, per forza qualcun altro deve lavorare producendo un bene reale, scavando, convertendo, trasportando, ecc. Dunque, per tassare salomonicamente l’inquinamento, la tassa deve essere commisurata al reddito e non ai litri di benzina che un poveraccio è costretto a consumare per andare al lavoro, scaldare la casa o permettersi una misera vacanza.
Tato50 1 anno fa su tio
@Don Quijote Mi hai fatto venire la voglia di guardare l'ultima fattura per il consumo di energia elettrica . I contributi legati ad altre "voci" federali (protezione acque e pesci) - enti pubblici (fondo cantonale per le energie rinnovabili e tassa demanio pubblico ? ) - prestazioni generali sistema Swissgrid ( che a..o è) -IVA, se li sommo raggiungono quasi il costo dell'energia che ho consumato. Quindi qualche CEO di non so dove decide di mettere il fotovoltaico usano anche i miei soldi per dargli i contributi perche non arriva a fine mese ? E io pago e il ceto medio va scomparendo ;-((
Benj1986 1 anno fa su tio
Te pareva, non avevo dubbi e non vedo la novità
sedelin 1 anno fa su tio
hélas :-(
sedelin 1 anno fa su tio
aumento DELLO scarto o AUMENTATO lo scarto.
red 1 anno fa su tio
@sedelin Grazie. Ci scusiamo per il refuso.
sedelin 1 anno fa su tio
@red :-)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
12 min
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
BASILEA
3 ore
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
5 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
7 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
9 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
9 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
9 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
10 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
11 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
12 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile