Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
BERNA
25.06.20 - 10:450
Aggiornamento : 11:18

Dieci anni per lo sgombero del deposito di munizioni. E i cittadini?

Circa il 72% degli interrogati ritiene di subire un pregiudizio da "medio" a "molto grande" della qualità di vita.

Una stima dei costi non è ancora possibile, ma si sorpasserà il miliardo di franchi.

MITHOLZ - Il progetto di sgombero dell'enorme deposito di munizioni di Mitholz, nell'Oberland bernese, incide negativamente sulla vita degli abitanti della zona. Le ripercussioni su privati e autorità sono state raccolte in un rapporto pubblicato oggi dal Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS).

I lavori di sgombero, che dovrebbero durare una decina di anni, non inizieranno prima del 2031. Il deposito di munizioni, costruito durante la Seconda Guerra mondiale sotto montagna nei pressi di Mitholz, è parzialmente saltato in aria nel 1947. Secondo le stime, nel deposito ci sono ancora 3'500 tonnellate di munizioni inesplose. Gli abitanti - in totale sono circa 170 - dovranno decidere se partire definitivamente o prevedere un futuro ritorno.

La consultazione organizzata dal DDPS si è fatta in più occasioni, ad esempio con incontri informativi nei comuni bernesi di Kandergrund e Kandersteg e con colloqui individuali con gli abitanti di Mitholz. All'inchiesta hanno partecipanti anche organizzazioni e autorità.

Conseguenze da media a molto grande - Circa il 72% degli interrogati ritiene di subire un pregiudizio da "medio" a "molto grande" della qualità di vita. Una grandissima parte dei partecipanti sostiene che ciò influenzerà i piani futuri.

Le maggiori critiche riguardano in particolare la lunga durata dei lavori. Quasi il 50% sarebbe favorevole a ricoprire l'installazione nel caso in cui lo sgombero delle munizioni non possa essere portato interamente a termine.

Una buona metà dei partecipanti aveva indicato di volersi trasferire se i lavori fossero durati più di un anno. Il progetto decennale vede invece salire questa quota oltre l'80%. Tuttavia, in caso di trasferimento, la maggioranza desidera rimanere nella regione. Al riguardo si aspetta che il DDPS fornisca sostegno e un'ampia compensazione finanziaria.

Nessuno stop ai collegamenti - La maggioranza dei partecipanti rileva che non è necessaria l'installazione di strutture per proteggere gli edifici da potenziali esplosioni. La chiusura di strade e ferrovie non raccoglie favori. Le autorità cantonali e locali, così come alcune organizzazioni, ritengono che i collegamenti non debbano essere interrotti e non debba cambiare neanche la loro frequenza.

Su questo punto, molti si dicono favorevoli alla costruzione di ripari per la linea ferroviaria, mentre per quanto riguarda la strada un'opzione sarebbe la costruzione di una galleria oppure di effettuare una deviazione per sgravare Mitholz dal traffico di transito.

I risultati dell'inchiesta pubblicata oggi dal DDPS saranno integrati in un rapporto più ampio che verrà poi presentato al Consiglio federale. Verrà attualizzata entro l'autunno anche l'analisi dei rischi, effettuata nel 2018. Una decisione dell'esecutivo sui prossimi passi da intraprendere dovrebbe giungere nell'ultimo trimestre del 2020.

Una stima dei costi non è ancora possibile, aveva indicato lo scorso febbraio il DDPS, aggiungendo tuttavia che si sorpasserà il miliardo di franchi, tra sgombero nella valle della Kander e misure di protezione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
2 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
7 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
9 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
9 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
10 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
10 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SAN GALLO
13 ore
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
VALLESE
14 ore
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
SVIZZERA
15 ore
Simboli nazisti: «La leggerezza si è diffusa»
I consiglieri nazionali del PS e del centro chiedono il divieto di simboli come la svastica e il saluto nazista.
FOTO
SCIAFFUSA
16 ore
Finisce nell'altra corsia, il frontale gli è fatale
Un 77enne è deceduto ieri tra Sciaffusa e Bargen
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile