keystone
SVIZZERA
24.06.20 - 14:070
Aggiornamento : 19:02

Il test del Covid sarà gratuito

La Confederazione si farà carico totalmente di tamponi e analisi sierologiche. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale

Il governo pone fine a una «disparità di trattamento» tra gli assicurati. E firma l'ordinanza per la nuova app di tracciamento

BERNA - Positivi o negativi? Il test lo paga la Confederazione. A partire da domani le analisi sui casi in odore di Covid saranno a carico delle finanze pubbliche. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale. Il governo ha inoltre adottato un'ordinanza sul nuovo sistema di tracciamento, che dà il via libera all'impiego della app SwissCovid (disponibile sempre a partire da domani).

A Palazzo federale è stata indetta una conferenza stampa oggi alle 14.00, per illustrare le novità ai media. La gratuità dei test è necessaria - secondo il governo - per ottenere «un monitoraggio accurato della situazione». Lo scopo, si legge in una nota, è «ridurre al minimo il rischio di una nuova impennata dei contagi e reagire rapidamente a un eventuale aumento dei casi».

Finora, scrive il governo, c'è stata infatti una «disparità di trattamento». I costi del test diagnostico erano assunti in parte dalle casse malati (e quindi dall'assicurato che doveva contribuire alla spesa), in parte dai Cantoni. Il rischio, con il sistema attuale, «è che determinate persone potrebbero rinunciare a sottoporsi al test se devono sostenere i costi di tasca propria». 

E così si cambia solfa. Sia i test "del tampone" che i test sierologici saranno coperti dalla Confederazione. Nel primo caso i cittadini riceveranno un rimborso forfettario di 169 franchi, nel secondo caso l'importo sarà di 113 franchi.

«Vorremmo avere una politica dei test stabile, per poter tracciare i contatti. È fondamentale che tutti quanti partecipino a questo sforzo. Noi oggi abbiamo una concorrenza tra la Lamal e la legge sulle epidemie» ha dichiarato in conferenza stampa il consigliere federale Alain Berset. «Abbiamo voluto correggere il tiro». 

Il governo ha chiesto un credito supplementare di 288 milioni di franchi per coprire i costi dei test. La previsione è di arrivare a pieno regime a 8mila test al giorno. «Al momento - ha precisato Berset - i test effettuati giornalmente sono molti meno, ma nella seconda metà dell'anno potrebbero aumentare di molto». 

Sempre oggi il Consiglio federale ha firmato l'ordinanza che permetterà l'impiego della app SwissCovid a partire da domani, 15 giugno. Il governo raccomanda di utilizzarla: «Si tratta di uno strumento che completa il tracciamento classico dei contatti» si legge nella nota inviata ai media. L'Ufficio di sanità pubblica ricorda che chi si mette in "quarantena volontaria" dopo una notifica della app «senza l'ordine di un medico o di un'autorità» non ha diritto all'indennità di perdita di guadagno. 

Come funziona la app

L'app SwissCovid avviserà gli utenti che si sono trovati per un determinato lasso di tempo nelle vicinanze di una persona contagiata dal coronavirus, a condizione che anche questa l’abbia installata sul proprio telefono cellulare. In caso di test positivo, il servizio medico cantonale invia alla persona infetta il cosiddetto codice Covid da immettere nell’app. Sia l’utilizzo dell’app che l’immissione del codice sono volontari.

Se un utente dell’app si è trovato a contatto con una o più persone infette, una notifica sul suo cellulare lo informerà che durante questo lasso di tempo potrebbe essere stato contagiato. Riceverà inoltre l’indicazione del giorno in cui è avvenuto il contatto, l’informazione che l’UFSP gestisce una linea di consulenza telefonica gratuita e le raccomandazioni di comportamento dell’UFSP.

Prima di essere messa a disposizione della popolazione, l’app è stata approfonditamente testata, in particolare per quanto riguarda la sicurezza e l’usabilità. Durante questa fase iniziata il 28 maggio 2020, il Centro nazionale per la cybersicurezza (NCSC) ha analizzato le notifiche sulla sicurezza trasmesse dagli esperti e dalle persone interessate. I risultati dei test e i feedback, quotidianamente aggiornati, sono consultabili sul sito Internet del NCSC. L’Ufficio federale di statistica pubblicherà sul suo sito dati anonimizzati relativi all’utilizzo della nuova app.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
36 min
La maggioranza dei Cantoni? «Va abolita»
È quanto pensano gli elettori della sinistra, secondo un sondaggio di 20 minuti e Tamedia
VAUD
2 ore
Schianto sull'A9, morta una donna
La 44enne, che era al volante, è stata sbalzata fuori dal veicolo.
FOTO
ZUGO
4 ore
Senza patente in fuga dalla polizia
Un inseguimento è andato in scena venerdì a Cham. Al volante del mezzo c'era un diciottenne
SVIZZERA
5 ore
Imprese responsabili e materiale bellico: iniziative bocciate dalla maggioranza dei cantoni
In Ticino è stata approvata quella sulle imprese responsabili, mentre è stata bocciata quella sul materiale bellico
SVITTO
6 ore
Si schianta con 13 persone a bordo, due feriti
All'automobilista, in stato alterato dovuto al probabile uso di alcol o droghe, è stata tolta la patente.
SVIZZERA
8 ore
Oltre la metà dei parlamentari ha subito minacce
Il sondaggio del "SonntagsBlick" mostra che il fenomeno riguarda più le donne che gli uomini
FOTO
APPENZELLO ESTERNO
8 ore
L'auto finisce nel bosco e si ribalta più volte
Incidente ieri a Schwellbrunn, i due occupanti sono miracolosamente illesi
SVIZZERA
9 ore
Coronavirus, Sommaruga preoccupata per l'elevato numero dei morti
Il Consiglio federale ha reagito tardivamente? Confederazione e Cantoni hanno sempre agito in coordinazione, ha spiegato
SVIZZERA
9 ore
Oggi si vota su due temi federali
Il risultato di almeno una delle due iniziative è tutt'altro che scontato
FOTO
BASILEA CITTÀ
20 ore
"Basilea senza nazisti", oltre 3'000 persone hanno sfilato per la città
Autorizzata delle autorità nonostante le norme anti-Covid, il corteo ha attirato parecchi manifestanti.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile