Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
25.06.20 - 11:050
Aggiornamento : 14:28

«In caso di focolaio è possibile un lockdown "regionale"»

Gustav Planzer, portavoce urano della task force Covid-19, spiega come dovrebbero comportarsi i Cantoni.

La gestione di un nuovo aumento dei casi di coronavirus rientra ora nella responsabilità dei Cantoni che devono adottare provvedimenti adeguati.

Fonte 20 Minuten - Bettina Zanni
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - 1’535 contagi nel mattatoio della Tönnies, 24 casi positivi fuori dall’impresa di carne, 44 contagiati in un complesso abitativo di Berlino. Nell’ultima settimana l’incubo coronavirus è tornato a colpire la Germania, tanto che ieri è stato decretato il lockdown nel distretto di Guetersloh (370’000 abitanti): chiusi bar, palestre, cinema, teatri, musei, memoriali e scuole, divieto di contatto tra più di due persone, stop a pic nic e grigliate all’aperto. Misure che sono state estese anche nel vicino distretto di Warendorf. In Svizzera i numeri attualmente sono bassi. Ma per il nuovo capo della divisione Malattie trasmissibili dell'UFSP «sarebbe un'illusione credere di poter prevenire i focolai». Cosa accadrebbe se il virus tornasse a diffondersi qui? 20 Minuten lo ha chiesto a Gustav Planzer, portavoce urano della task force Covid-19.

È possibile un lockdown in Svizzera?
«Con l’uscita dalla “situazione straordinaria” decisa dal Consiglio federale, la gestione di un eventuale nuovo aumento dei casi di coronavirus rientra nella responsabilità dei Cantoni che devono adottare provvedimenti adeguati. Si tratta di misure a livello “regionale”, i focolai vanno gestiti localmente».

Cosa implicherebbero queste “misure”?
«Sono i rispettivi governi cantonali a decidere. Ad esempio, alcuni eventi potrebbero essere vietati o potrebbe venire decretata la chiusura delle scuole. In caso di focolaio, negozi, ristoranti, hotel o intere città potrebbero venire isolati». Secondo la NZZ am Sonntag, il Consiglio federale sta sviluppando un possibile approccio “regionale” in caso di seconda ondata.

Si potrebbe arrivare anche a vietare l’entrata e l’uscita da una località?
«Solo come ultima risorsa. La Svizzera è un paese estremamente mobile e blocchi simili sono difficilmente attuabili. È importante un approccio coordinato tra cantoni limitrofi».

Cosa succederebbe se scoppiasse un focolaio in un’azienda, come in Germania?
«Non necessariamente verrebbe chiusa tutta l’area che la ospita. A seconda della situazione, i Cantoni potrebbero imporre misure restrittive come il divieto di ingresso, di eventi e l’obbligo di indossare la mascherina. In casi estremi, anche la chiusura della ditta potrebbe essere una possibilità, ovviamente per un periodo di tempo limitato».

C’è mai stato un lockdown “regionale”?
«No. In marzo molti medici avevano chiesto l’isolamento di Verbier, in Vallese, ma il Consiglio di Stato aveva detto “no”». Marcel Tanner, professore di epidemiologia all’Università di Basilea e membro della task force federale, ha recentemente messo in guardia: «Contagiati e focolai devono essere identificati in modo rapido, bisogna rintracciare subito i contatti, isolare le persone e implementare misure locali. Senza aspettare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
40 min
15enni su una moto rubata si scontrano con un'auto
I due adolescenti sono finiti in ospedale
FOTO
FRIBURGO
1 ora
Parcheggio sotterraneo distrutto da un incendio
Diversi veicoli sono stati distrutti nella notte
GRIGIONI
1 ora
Tragedia sul Piz Russein: due morti
Sono stati travolti da una valanga a lastroni, che li ha trascinati per quasi 1000 metri.
ZURIGO
12 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
16 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
19 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
20 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
21 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
22 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile