Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
25.06.20 - 11:050
Aggiornamento : 14:28

«In caso di focolaio è possibile un lockdown "regionale"»

Gustav Planzer, portavoce urano della task force Covid-19, spiega come dovrebbero comportarsi i Cantoni.

La gestione di un nuovo aumento dei casi di coronavirus rientra ora nella responsabilità dei Cantoni che devono adottare provvedimenti adeguati.

Fonte 20 Minuten - Bettina Zanni
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - 1’535 contagi nel mattatoio della Tönnies, 24 casi positivi fuori dall’impresa di carne, 44 contagiati in un complesso abitativo di Berlino. Nell’ultima settimana l’incubo coronavirus è tornato a colpire la Germania, tanto che ieri è stato decretato il lockdown nel distretto di Guetersloh (370’000 abitanti): chiusi bar, palestre, cinema, teatri, musei, memoriali e scuole, divieto di contatto tra più di due persone, stop a pic nic e grigliate all’aperto. Misure che sono state estese anche nel vicino distretto di Warendorf. In Svizzera i numeri attualmente sono bassi. Ma per il nuovo capo della divisione Malattie trasmissibili dell'UFSP «sarebbe un'illusione credere di poter prevenire i focolai». Cosa accadrebbe se il virus tornasse a diffondersi qui? 20 Minuten lo ha chiesto a Gustav Planzer, portavoce urano della task force Covid-19.

È possibile un lockdown in Svizzera?
«Con l’uscita dalla “situazione straordinaria” decisa dal Consiglio federale, la gestione di un eventuale nuovo aumento dei casi di coronavirus rientra nella responsabilità dei Cantoni che devono adottare provvedimenti adeguati. Si tratta di misure a livello “regionale”, i focolai vanno gestiti localmente».

Cosa implicherebbero queste “misure”?
«Sono i rispettivi governi cantonali a decidere. Ad esempio, alcuni eventi potrebbero essere vietati o potrebbe venire decretata la chiusura delle scuole. In caso di focolaio, negozi, ristoranti, hotel o intere città potrebbero venire isolati». Secondo la NZZ am Sonntag, il Consiglio federale sta sviluppando un possibile approccio “regionale” in caso di seconda ondata.

Si potrebbe arrivare anche a vietare l’entrata e l’uscita da una località?
«Solo come ultima risorsa. La Svizzera è un paese estremamente mobile e blocchi simili sono difficilmente attuabili. È importante un approccio coordinato tra cantoni limitrofi».

Cosa succederebbe se scoppiasse un focolaio in un’azienda, come in Germania?
«Non necessariamente verrebbe chiusa tutta l’area che la ospita. A seconda della situazione, i Cantoni potrebbero imporre misure restrittive come il divieto di ingresso, di eventi e l’obbligo di indossare la mascherina. In casi estremi, anche la chiusura della ditta potrebbe essere una possibilità, ovviamente per un periodo di tempo limitato».

C’è mai stato un lockdown “regionale”?
«No. In marzo molti medici avevano chiesto l’isolamento di Verbier, in Vallese, ma il Consiglio di Stato aveva detto “no”». Marcel Tanner, professore di epidemiologia all’Università di Basilea e membro della task force federale, ha recentemente messo in guardia: «Contagiati e focolai devono essere identificati in modo rapido, bisogna rintracciare subito i contatti, isolare le persone e implementare misure locali. Senza aspettare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
26 min
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
1 ora
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
1 ora
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
ZURIGO
3 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
3 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
3 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
SVIZZERA
5 ore
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
BERNA
6 ore
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
SONDAGGIO TAMEDIA
8 ore
Tutti alle urne: come avete votato?
Domenica saremo chiamati a esprimerci sul Matrimonio per tutti e sull'Iniziativa 99%. Partecipate al nostro sondaggio
FOTO
LUCERNA
16 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile