Keystone
Alain Berset durante una conferenza stampa del Consiglio federale (foto d'archivio)
BERNA
23.06.20 - 08:360
Aggiornamento : 10:34

È l'ora delle polemiche. Berset: «Del virus sapevamo poco»

Il consigliere federale torna sulle critiche all'operato del governo: all'inizio dell'epidemia si sapeva poco sul virus.

Fonte 20 Minuten/Sven Forster
elaborata da Dario Ornaghi
Giornalista

BERNA - Il consigliere federale Alain Berset respinge le critiche al suo operato durante le settimane più critiche della pandemia di Covid-19. Secondo il “ministro” della Sanità, in particolare, non è appropriato parlare di un’impreparazione della Svizzera all’emergenza.

«Abbiamo fatto il necessario», assicura in un’intervista apparsa oggi su “La Liberté” e “Le Nouvelliste”. «Il sistema era pronto», aggiunge. A testimoniarlo, ci sarebbe la task force coronavirus, immediatamente attivata all’inizio della crisi.

Per quanto riguarda il ritardo nell’avvio dei test, invece, Berset sostiene che si sia potuto iniziare con i tamponi solo quando si è saputo un po’ di più sul virus. Per di più, in quel periodo tutti volevano sottoporsi all’analisi nello stesso momento. Secondo il consigliere federale socialista, non bisogna dimenticare che oggi si conosce molto di più sul nuovo coronavirus rispetto all’inizio dell’emergenza.

Berset prevede che una situazione come quella vissuta in febbraio o inizio marzo non si ripresenti e si dichiara ottimista sul fatto che gli sviluppi possano continuare a essere positivi. L’obiettivo, ricorda, è arrivare a un vaccino e confermare così che si ha la crisi coronavirus pienamente sotto controllo. 

Rispetto all’operato delle autorità, però, il consigliere federale ammette che c’è margine di miglioramento. Con il suo dipartimento, quello federale dell’Interno, sta valutando correzioni al piano pandemico che coinvolgono tutte le parti in causa, fa sapere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
3 min
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
2 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
3 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
4 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
7 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
7 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
7 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
7 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
9 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
10 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile