Keystone
Alain Berset durante una conferenza stampa del Consiglio federale (foto d'archivio)
BERNA
23.06.20 - 08:360
Aggiornamento : 10:34

È l'ora delle polemiche. Berset: «Del virus sapevamo poco»

Il consigliere federale torna sulle critiche all'operato del governo: all'inizio dell'epidemia si sapeva poco sul virus.

Fonte 20 Minuten/Sven Forster
elaborata da Dario Ornaghi
Giornalista

BERNA - Il consigliere federale Alain Berset respinge le critiche al suo operato durante le settimane più critiche della pandemia di Covid-19. Secondo il “ministro” della Sanità, in particolare, non è appropriato parlare di un’impreparazione della Svizzera all’emergenza.

«Abbiamo fatto il necessario», assicura in un’intervista apparsa oggi su “La Liberté” e “Le Nouvelliste”. «Il sistema era pronto», aggiunge. A testimoniarlo, ci sarebbe la task force coronavirus, immediatamente attivata all’inizio della crisi.

Per quanto riguarda il ritardo nell’avvio dei test, invece, Berset sostiene che si sia potuto iniziare con i tamponi solo quando si è saputo un po’ di più sul virus. Per di più, in quel periodo tutti volevano sottoporsi all’analisi nello stesso momento. Secondo il consigliere federale socialista, non bisogna dimenticare che oggi si conosce molto di più sul nuovo coronavirus rispetto all’inizio dell’emergenza.

Berset prevede che una situazione come quella vissuta in febbraio o inizio marzo non si ripresenti e si dichiara ottimista sul fatto che gli sviluppi possano continuare a essere positivi. L’obiettivo, ricorda, è arrivare a un vaccino e confermare così che si ha la crisi coronavirus pienamente sotto controllo. 

Rispetto all’operato delle autorità, però, il consigliere federale ammette che c’è margine di miglioramento. Con il suo dipartimento, quello federale dell’Interno, sta valutando correzioni al piano pandemico che coinvolgono tutte le parti in causa, fa sapere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
4 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
5 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
9 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
10 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
12 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
13 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
14 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
15 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
17 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
18 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile