Immobili
Veicoli
Keystone
Alain Berset durante una conferenza stampa del Consiglio federale (foto d'archivio)
BERNA
23.06.20 - 08:360
Aggiornamento : 10:34

È l'ora delle polemiche. Berset: «Del virus sapevamo poco»

Il consigliere federale torna sulle critiche all'operato del governo: all'inizio dell'epidemia si sapeva poco sul virus.

Fonte 20 Minuten/Sven Forster
elaborata da Dario Ornaghi
Giornalista

BERNA - Il consigliere federale Alain Berset respinge le critiche al suo operato durante le settimane più critiche della pandemia di Covid-19. Secondo il “ministro” della Sanità, in particolare, non è appropriato parlare di un’impreparazione della Svizzera all’emergenza.

«Abbiamo fatto il necessario», assicura in un’intervista apparsa oggi su “La Liberté” e “Le Nouvelliste”. «Il sistema era pronto», aggiunge. A testimoniarlo, ci sarebbe la task force coronavirus, immediatamente attivata all’inizio della crisi.

Per quanto riguarda il ritardo nell’avvio dei test, invece, Berset sostiene che si sia potuto iniziare con i tamponi solo quando si è saputo un po’ di più sul virus. Per di più, in quel periodo tutti volevano sottoporsi all’analisi nello stesso momento. Secondo il consigliere federale socialista, non bisogna dimenticare che oggi si conosce molto di più sul nuovo coronavirus rispetto all’inizio dell’emergenza.

Berset prevede che una situazione come quella vissuta in febbraio o inizio marzo non si ripresenti e si dichiara ottimista sul fatto che gli sviluppi possano continuare a essere positivi. L’obiettivo, ricorda, è arrivare a un vaccino e confermare così che si ha la crisi coronavirus pienamente sotto controllo. 

Rispetto all’operato delle autorità, però, il consigliere federale ammette che c’è margine di miglioramento. Con il suo dipartimento, quello federale dell’Interno, sta valutando correzioni al piano pandemico che coinvolgono tutte le parti in causa, fa sapere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
33 min
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
46 min
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
1 ora
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
4 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
5 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
7 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
7 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
8 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
11 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
20 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile