keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
+6
SVIZZERA
22.06.20 - 12:060
Aggiornamento : 14:30

"Stop all'olio di palma", depositato il referendum

In mattinata il comitato ha consegnato 59'200 firme alla Cancelleria federale a Berna.

Il referendum mira a bloccare l'accordo di libero scambio tra Svizzera e Indonesia.

BERNA - Stamane è stato depositato presso la Cancelleria federale a Berna il referendum "Stop all'olio di palma" contro l'accordo di libero scambio con l'Indonesia, corredato da 59'200 firme. Le sottoscrizioni devono ancora essere convalidate.

L'Indonesia non è ancora pronta ad attuare standard ecologici e sociali per prevenire la distruzione delle foreste tropicali, scrive il comitato referendario. Un'area equivalente a 100 campi da calcio viene distrutta ogni ora nel Paese, secondo la presidente dei Giovani Socialisti Ronja Jansen.

Ogni anno, tra le altre cose, un milione di ettari vengono disboscati per far posto alla monocoltura della palma da olio. Questo «deserto verde» copre già quasi 17 milioni di ettari, quattro volte la superficie della Svizzera e quasi il 10% di quella dell'Indonesia. Questo accordo di libero scambio è «un contratto tra potenti»: le «belle promesse di sostenibilità che contiene non valgono molto se non sono garantiti controlli rigorosi», dice ancora Jansen.

Willy Cretegny, viticoltore biologico e promotore del referendum, ritiene da parte sua che le proteste per il clima che hanno riunito migliaia di persone in tutto il mondo debbano portare a un vero cambiamento. Dobbiamo produrre e consumare in modo diverso: «Dobbiamo rispettare il nostro ambiente nel suo insieme, cioè la natura, le risorse, il paesaggio, i diritti umani, il tessuto sociale ed economico».

L'accordo di libero scambio con l'Indonesia è stato approvato dal Parlamento in dicembre. L'opposizione non è dettata soltanto da motivi di sostenibilità. Gli agricoltori svizzeri temono in particolare una concorrenza sleale con gli oli vegetali locali. Per questo motivo il Consiglio federale ha negoziato contingenti per le importazioni di olio di palma, che saranno però aumentati nell'arco di più anni. Sono inoltre previste norme che dovranno garantire la tracciabilità delle importazioni.

Queste misure non sono però ritenute sufficienti. L'olio di palma è in effetti già oggi meno costoso dell'olio di colza e di girasole. Il comitato referendario deplora inoltre il fatto che nella maggior parte dei Paesi il libero scambio non abbia aumentato né la prosperità né la qualità di vita, ma serva soltanto agli interessi economici delle multinazionali.

keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 8 mesi fa su tio
Bene.. Bene. Alla buon'ora.. Se gli accordi portano soldi... Chi se ne frega dell'ambiente? La Svizzera
klich69 8 mesi fa su tio
nestle è la prima ad essere la prima ambigua approfittando del cartello in governo. Conosco bene i loro ingranaggi fregando sempre il povero contadino, natura e cittadino pagante ignaro dei loro prodotti. Uguale col caffè sudamericano, certamente what else...
sedelin 8 mesi fa su tio
non solo un disastro ambientale, anche migliaia di oranghi bruciati vivi e piccoli orfani feriti :-((( BOICOTTARE tutti i prodotti contenenti olio di palma!
GI 8 mesi fa su tio
visto che l'olio di palma pare non essere particolarmente salutare....mi può anche star bene che non se ne importi....ma, poi cosa coltiverebbero al posto delle palme, facessero anche gli altri come noi ??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
51 min
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
3 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
3 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
3 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
3 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
5 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
7 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
SVIZZERA / AUSTRIA
7 ore
Attentato di Vienna: i due islamisti svizzeri sarebbero stati complici della mattanza
Tre mesi prima dell'attacco avrebbero viaggiato in auto da Winterthur alla capitale austriaca e soggiornato da Kujtim F.
SVIZZERA
9 ore
La Svizzera una dittatura? Un'accusa «pericolosa»
In un'intervista, Parmelin e Keller-Sutter respingono le recenti affermazioni dell'UDC
GINEVRA
10 ore
A Ginevra è lotta per il seggio di Maudet
Sono otto i candidati che il prossimo 7 marzo si affronteranno al primo turno. Elezioni anche in Vallese
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile