keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
+6
SVIZZERA
22.06.20 - 12:060
Aggiornamento : 14:30

"Stop all'olio di palma", depositato il referendum

In mattinata il comitato ha consegnato 59'200 firme alla Cancelleria federale a Berna.

Il referendum mira a bloccare l'accordo di libero scambio tra Svizzera e Indonesia.

BERNA - Stamane è stato depositato presso la Cancelleria federale a Berna il referendum "Stop all'olio di palma" contro l'accordo di libero scambio con l'Indonesia, corredato da 59'200 firme. Le sottoscrizioni devono ancora essere convalidate.

L'Indonesia non è ancora pronta ad attuare standard ecologici e sociali per prevenire la distruzione delle foreste tropicali, scrive il comitato referendario. Un'area equivalente a 100 campi da calcio viene distrutta ogni ora nel Paese, secondo la presidente dei Giovani Socialisti Ronja Jansen.

Ogni anno, tra le altre cose, un milione di ettari vengono disboscati per far posto alla monocoltura della palma da olio. Questo «deserto verde» copre già quasi 17 milioni di ettari, quattro volte la superficie della Svizzera e quasi il 10% di quella dell'Indonesia. Questo accordo di libero scambio è «un contratto tra potenti»: le «belle promesse di sostenibilità che contiene non valgono molto se non sono garantiti controlli rigorosi», dice ancora Jansen.

Willy Cretegny, viticoltore biologico e promotore del referendum, ritiene da parte sua che le proteste per il clima che hanno riunito migliaia di persone in tutto il mondo debbano portare a un vero cambiamento. Dobbiamo produrre e consumare in modo diverso: «Dobbiamo rispettare il nostro ambiente nel suo insieme, cioè la natura, le risorse, il paesaggio, i diritti umani, il tessuto sociale ed economico».

L'accordo di libero scambio con l'Indonesia è stato approvato dal Parlamento in dicembre. L'opposizione non è dettata soltanto da motivi di sostenibilità. Gli agricoltori svizzeri temono in particolare una concorrenza sleale con gli oli vegetali locali. Per questo motivo il Consiglio federale ha negoziato contingenti per le importazioni di olio di palma, che saranno però aumentati nell'arco di più anni. Sono inoltre previste norme che dovranno garantire la tracciabilità delle importazioni.

Queste misure non sono però ritenute sufficienti. L'olio di palma è in effetti già oggi meno costoso dell'olio di colza e di girasole. Il comitato referendario deplora inoltre il fatto che nella maggior parte dei Paesi il libero scambio non abbia aumentato né la prosperità né la qualità di vita, ma serva soltanto agli interessi economici delle multinazionali.

keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
Guarda tutte le 10 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 1 anno fa su tio
Bene.. Bene. Alla buon'ora.. Se gli accordi portano soldi... Chi se ne frega dell'ambiente? La Svizzera
klich69 1 anno fa su tio
nestle è la prima ad essere la prima ambigua approfittando del cartello in governo. Conosco bene i loro ingranaggi fregando sempre il povero contadino, natura e cittadino pagante ignaro dei loro prodotti. Uguale col caffè sudamericano, certamente what else...
sedelin 1 anno fa su tio
non solo un disastro ambientale, anche migliaia di oranghi bruciati vivi e piccoli orfani feriti :-((( BOICOTTARE tutti i prodotti contenenti olio di palma!
GI 1 anno fa su tio
visto che l'olio di palma pare non essere particolarmente salutare....mi può anche star bene che non se ne importi....ma, poi cosa coltiverebbero al posto delle palme, facessero anche gli altri come noi ??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
2 ore
Rifiuta la mascherina, si oppone alla multa e riceve un rimborso
L'uomo, che si trovava in treno, non si è fatto convincere nemmeno dalla Polizia ferroviaria.
BASILEA CAMPAGNA
4 ore
Minacciato di morte perché voleva offrire il caffè ai vaccinati
Il titolare di un ristorante aveva pensato di fare un regalo alla clientela immunizzata.
ZURIGO
6 ore
Canoista disperso nella Limmat: «L'abbiamo visto andare a fondo»
È entrato in acqua malgrado il divieto di navigazione e di balneazione. Lanciata una vasta ricerca.
SAN GALLO
7 ore
Ordigno inesplosa sulle rive del Sitter, era lì da cent'anni
La granata è stata rimossa oggi dagli specialisti dell'esercito. Proviene da un pezzo d'artiglieria svizzera.
SVIZZERA
9 ore
La grandine presenta la "fattura" più pesante
Temporali e inondazioni. Tra giugno e luglio il maltempo si è fatto sentire in tutta la Svizzera.
SVIZZERA
9 ore
Effetti avversi dopo il vaccino: le ultime cifre
I casi classificati come seri da SwissMedic sono 1537, ovvero il 35.6% del totale.
SVIZZERA
11 ore
In Svizzera 791 casi in un giorno
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati anche due decessi e 13 ricoveri.
BERNA
13 ore
Usare il fiume per raffreddare la città? Berna ci sta pensando
Al posto dei climatizzatori convenzionali, l'idea è di prelevare l'acqua dall'Aare e sfruttare la sua energia.
BERNA
14 ore
Vuole donare 50 franchi per le vittime dell'alluvione, la Posta gliene chiede 20 di commissioni
Il sovrapprezzo giudicato troppo alto ha fatto desistere l'85enne dal compiere il gesto generoso.
BERNA
1 gior
Nuovi temporali, nuova allerta
Precipitazioni attese a partire da sabato. Possibili nuovi temporali in vista
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile