Deposit
SVIZZERA
17.06.20 - 14:530
Aggiornamento : 16:37

Senza lavoro da gennaio e la disoccupazione non gli ha ancora versato un soldo

A causa dell'emergenza coronavirus molti sono rimasti senza assegno, le autorità: «Tante domande, poco personale»

E chi non ce la fa più chiede aiuto su Facebook, le organizzazioni umanitarie: «Cose che non devono succedere»

ZURIGO - 3 giugno 2020, Zurigo, Alex* è disperata e si rivolge ai suoi amici su Facebook con un post straziante: «Non è che qualcuno ha del cibo? La disoccupazione è in ritardo e non ho più soldi».

Aprendo il suo e-banking il conto è in rosso di 200 franchi e ci sono circa 2'000 franchi di fatture ancora non saldate. Disoccupata da inizio anno, iscrittasi alla disoccupazione da febbraio, non ha ancora visto nemmeno un centesimo.

Sì, la sua è stata una reazione d'impulso: «Ma non mi vergogno di essere povera e chiedere aiuto quando lo stato non sta facendo quello che dovrebbe», spiega a 20 Minuten la ragazza il cui post ha ricevuto tantissimo sostegno - anche da gente che non conosceva - riuscendo a riempire frigo e dispensa: «non mi aspettavo questo tipo di reazione, mi ha proprio sopraffatto!».

In una situazione non molto diversa si è ritrovato Dani*, pure lui a piedi da inizio 2020, e iscritto all'Ufficio regionale di collocamento dal 1 febbraio.

Anche qui, a inizio giugno, nemmeno l'ombra di un assegno: «Non sapevo più cosa fare, allora ho iniziato a telefonare e a scrivere email», spiega lui, «ad aprile ho scoperto che alla mia pratica mancavano dei documenti. Glieli ho girati il giorno stesso». Malgrado ciò, per ora, ancora nulla: «Ho dovuto attingere ai miei risparmi. Sono fortunato che mia moglie lavora ma l'incertezza economica è straziante».

«Solitamente per valutare una domanda ci vuole circa un mese», spiega Lucie Hribal dell'Ufficio del lavoro del Canton Zurigo, «spesso mancano documenti e le pratiche si complicano. Con il coronavirus l'aumento delle domande è stato significativo».

A rendere ancora più complesso il disbrigo dell'enorme volume di richieste contribuisce il personale ridotto e gli orari di lavoro parziali: «È una situazione complicata, con le risorse che abbiamo è difficile andare più veloci di cosi», conferma.

*nomi noti alla redazione

L'allarme delle organizzazioni umanitarie

Una situazione, questa, che è tristemente nota ad organizzazioni umanitarie come Caritas e Siidefade: «Una persona che deve chiedere aiuto su Facebook per mangiare, è già una di troppo», spiega Fabienen Menna di Siidefade, «capiamo che ci siano problemi logistici e che le pratiche debbano seguire il loro iter corretto, ma in questi momenti di crisi sarebbe bello che le procedure venissero abbreviate, per chi ha bisogno». Soffrire la fame, nella ricca Svizzera, è un paradosso.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
7 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
7 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
12 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
12 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
14 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
14 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
15 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
15 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
17 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
17 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile