Ti Press
SVIZZERA
12.06.20 - 15:070
Aggiornamento : 16:50

Gli svizzeri hanno paura a riprendere treni e bus

L'utilizzo dei mezzi pubblici stenta a tornare sui livelli pre-pandemia.

L'affluenza è di circa il 55% nei treni regionali e il 45% in quelli a lunga percorrenza

BERNA - Gli studenti liceali e delle scuole professionali sono tornati in classe lunedì, dopo l'interruzione a causa dell'epidemia del coronavirus. Tuttavia treni e autopostali non registrano l'affluenza precedente alla pandemia.

L'utilizzo di tali mezzi è aumentata gradualmente con il deconfinamento, raggiungendo lunedì circa il 55% nei treni regionali e il 45% nei treni a lunga percorrenza, ha dichiarato oggi il portavoce delle FFS Frédéric Revaz. All'apice della pandemia, l'affluenza è crollata di circa il 90%.

Gli assistenti clienti delle FFS notano con più piacere che giorno dopo giorno ci sono sempre più passeggeri nei treni «nonostante ci si stia avvicinando al periodo di vacanze estive». Si tratta tuttavia di stime, in quanto i conteggi sono stati interrotti durante il semiconfinamento e sono in fase di ripresa.

Eccezione nei Grigioni - Anche AutoPostale è ancora molto lontana dall'abituale livello di affluenza precedente all'epidemia, ha detto il suo portavoce Urs Bloch, anche se sempre più persone prendono di nuovo l'autobus, ha sottolineato.

Fanno eccezione alcune linee nei Grigioni, utilizzate soprattutto per il tempo libero, come Coira-Lenzerheide e Coira-Flims. All'Ascensione e a Pentecoste, grazie alle buone condizioni meteorologiche, il numero di passeggeri è stato elevato quanto nello stesso periodo degli anni precedenti.

Come per le FFS, il numero di passeggeri degli autopostali è crollato in marzo e aprile dell'80-90%. Nel frattempo, quasi la metà dei passeggeri è tornata a utilizzarli. AutoPostale resta fiducioso: «Partiamo dal presupposto che le frequenze continueranno ad aumentare, poiché gradualmente sempre più pendolari e scolari riprenderanno i loro viaggi».

Poche mascherine sui mezzi pubblici - Sugli autopostali come sui treni a portare una mascherina sono una minoranza dei viaggiatori. Per AutoPostale il tasso è del 5%, mentre le FFS non forniscono alcun dato. Anche in Ticino, particolarmente colpito dalla pandemia, secondo AutoPostale non più del 10-20% dei passeggeri utilizza questo tipo di protezione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 7 mesi fa su tio
Sempre più scolari riprenderanno i loro viaggi: non in Ticino visto che fra una settimana finisce la scuola. Le due mezze giornate di scuola per le medie e le 3 ore di presenza per i liceali non hanno sicuramente fatto riempire i mezzi pubblici di studenti! Oggi mio figlio avrebbe dovuto andare ad Ascona per un allenamento, ma quando ho visto che ci avrebbe messo solo 1 h 43 min. ho deciso di accompagnarlo in auto per fargli guadagnare un'ora di tempo, probabilmente sarebbe arrivato prima a ZH.
gigipippa 7 mesi fa su tio
Beh, ad ogni modo non si può pretendere la moglie ubriaca e la botte piena.
Mark Mark 7 mesi fa su fb
Paura dei costi semmai
Monicapaola Mazzoli 7 mesi fa su fb
Ieri l ho preso dopo un po di tempo ho proprio visto il menefreghismo sulle distanze e mascherine portate sul mento. . Ma cosa fai ti metti a litigare?
Ke Koo 7 mesi fa su fb
Ma poi x quello che costano... Pure Briatore avrebbe paura!
Luigi Bellicosi 7 mesi fa su fb
Nn sono svizzeri nei treni ma frontalieri
Elisena Crapis 7 mesi fa su fb
🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤦‍♀️
Peppe Sbrizza 7 mesi fa su fb
Forse da voi in Ticino.. fatevi un giro nel cantone francese e poi ne parliamo!
lo spiaggiato 7 mesi fa su tio
Benzina aggratiss per tutti... :-)))))
Roberto Oliboni 7 mesi fa su fb
E Zali che dice???
Dimitri Zhyganov 7 mesi fa su fb
LoL 😁
Damir Svagusa 7 mesi fa su fb
Create treni aspiravirus!
Alberto Benigna 7 mesi fa su fb
Peccato che le persone che lo prendono sono il 90% senza mascherina ...usiamo la testa
Mino Gabo 7 mesi fa su fb
vi è pure il fatto che in molti non hanno un lavoro, cosa lo prendono a fare ? Se dai mezzi pubblici togliamo studenti, apprendisti che vanno a scuola e frontalieri, rimane ben poco :-( !!!
Giorgio Cristina 7 mesi fa su fb
Scoppiata la pandemia della psicosi Terrore
Arber Kristo 7 mesi fa su fb
Coronavirus.Eee è un mondo difficile e vita intensa.
geiger 7 mesi fa su tio
ma va?..ma capitela che ci sono meno studenti...
Daniela Nicoletti 7 mesi fa su fb
Svizzera tedesca tutto nella norma... treni e bus di nuovo pieni e si vede qualche mascherina in giro...
Milano Milano 7 mesi fa su fb
Non possono avere paura, se non prendi le precauzioni minime e basilari non puoi dire d’avere paura a prendere treni e bus anche perché i controllori si sono lamentati più volte di treni pieni e gente ammassata senza mascherine.
Papy Krishnasamy 7 mesi fa su fb
e normale senza guanti maschera gente che vanno come matti
Damiano Iannino Schipilliti 7 mesi fa su fb
Per forza con tutto il terrorismo mediatico che avete fatto...
Brega84 7 mesi fa su tio
Meno male!!!!!!!!
Giovanii 7 mesi fa su tio
Adesso si riempiranno. Tutti a SG. Hahah
GI 7 mesi fa su tio
lo stesso dicasi per tanti altri ritrovi.....ristoranti....bar.....ecc...ecc. Troppo ancora il timore di venir contagiati....ci vorrà ancora una qualche settimana a doppio zero....Forza non è adesso che dobbiamo mollare !!!
Alessandro Ferrari 7 mesi fa su fb
No paura è usare cervello...
Equalizer 7 mesi fa su tio
Cosa pretendete? Ai i sctremidi tücc....
Zarco 7 mesi fa su tio
Ragazzi a scuola pochi
giuvanin 7 mesi fa su tio
Gli studenti liceali NON sono tornati regolarmente in classe lunedì e questo spiega in larga parte la sottooccupazione dei mezzi di trasporto pubblico. Come dire: un altro articolo sul nulla...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
«Fate molta attenzione agli alberi»
È l'allarme lanciato dalla polizia sangallese
BERNA
4 ore
Da mezzanotte la Svizzera con misure più severe
Come noto i provvedimenti precedenti, come la chiusura dei ristoranti, sono stati prolungati di cinque settimane.
SVIZZERA
5 ore
Ridurre le emissioni? Paga anche economicamente
I maggiori risparmi sono attuabili nel settore dei trasporti e del riscaldamento degli edifici.
SVIZZERA
5 ore
Il tasso di riproduzione è sceso allo 0,83
In Ticino la situazione è ancora migliore rispetto alla media svizzera: il 2 gennaio era dello 0,71.
SVIZZERA
7 ore
«I ragazzi a scuola sono più al sicuro che altrove»
Lo sostiene Stefan Wolter, da qualche settimana membro della task force della Confederazione.
BERNA
8 ore
Vaccino: «La Svizzera ha agito bene, le critiche sono inopportune»
Il responsabile di Moderna loda il lavoro del governo federale: «Ha puntato sui cavalli giusti»
GRIGIONI
9 ore
Due sciatori travolti da una valanga, uno di loro non ce l'ha fatta
L'uomo stava praticando fuoripista su un pendio del monte Casanna, sopra a Klosters.
SVIZZERA
9 ore
Un imprenditore fa causa a Berna: chiede otto milioni di franchi
Urs Ledermann sostiene che la sua impresa di pulizia sia stata rovinata a seguito delle restrizioni anti-covid.
ZURIGO
10 ore
Alcuni operatori della sanità vogliono un'associazione anti-vaccino
Gli interessati si sono organizzati tramite il servizio di messaggistica Telegram.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus e scuole: altro cambiamento di strategia?
L'UFSP sta studiando possibili provvedimenti. Finora era stata lasciata carta bianca ai cantoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile