Ti Press
SVIZZERA
12.06.20 - 10:570
Aggiornamento : 15:12

Da Berna la conferma: da lunedì cadono le restrizioni alle frontiere

Il Governo ha preso atto della soppressione delle restrizioni decise dal DFGP.

La libera circolazione delle persone sarà completamente ripristinata con tutti gli Stati UE/AELS e il Regno Unito

BERNA - Nella seduta odierna, il Consiglio federale ha preso atto della decisione del DFGP di sopprimere dal 15 giugno 2020, come annunciato una settimana fa, le vigenti restrizioni d’entrata per tutti gli Stati Schengen. Da tale data, i controlli della Svizzera alle frontiere con questi Stati sono soppressi ed è completamente ripristinata la libera circolazione delle persone con tutti gli Stati UE/AELS e il Regno Unito.

Spesa in Italia di nuovo possibile - Il Consiglio federale ha preso atto della cancellazione degli Stati Schengen dall’elenco dei Paesi a rischio da parte del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) e ha adottato le modifiche dell’ordinanza COVID per il ripristino della libera circolazione delle persone. Con l’eliminazione degli Stati Schengen dall’elenco dei Paesi e delle regioni a rischio, decadono tutte le restrizioni all’entrata di chi proviene dallo spazio Schengen, compreso il divieto di importare beni per uso privato acquistati durante un viaggio effettuato esclusivamente per fare shopping (turismo dello shopping). Sono inoltre riaperti tutti i valichi di frontiera. L’Amministrazione federale delle dogane (AFD) continuerà a eseguire come al solito controlli basati sul rischio per impedire il contrabbando e la criminalità transfrontaliera.

Alcune restrizioni rimangono - Dal 15 giugno vige nuovamente la completa libertà di circolazione delle persone con tutti gli Stati UE/AELS e con il Regno Unito. Ad eccezione di Bulgaria, Irlanda, Croazia, Romania e Cipro, tutti gli Stati UE appartengono anche allo spazio Schengen. Neppure il Regno Unito, cui l’Accordo sulla libera circolazione si applica ancora fino al 31 dicembre 2020, fa parte dello spazio Schengen. Per il momento questi sei Stati restano sulla lista dei Paesi a rischio anche dopo il 15 giugno, il che significa che l’entrata in Svizzera di cittadini di Stati terzi in provenienza da questi Paesi continuerà ad essere soggetta a restrizioni. Invece, chi beneficia della libera circolazione, e dunque anche i cittadini di questi sei Stati, i loro familiari indipendentemente dalla nazionalità e i cittadini di Paesi terzi distaccati in Svizzera per un massimo di 90 giorni l’anno da un’impresa con sede in uno di questi Stati, dal 15 giugno possono di nuovo entrare nel nostro Paese.

Evoluzione - Visto l’attuale andamento epidemiologico positivo in Svizzera e in gran parte d’Europa, una settimana fa i ministri dell’interno degli Stati Schengen hanno deciso di sopprimere il più presto possibile i controlli alle frontiere interne dello spazio Schengen. Nel frattempo, numerosi Stati Schengen hanno annunciato la riapertura dei propri confini per il 15 giugno 2020. Il Consiglio federale deciderà in un secondo tempo e d’intesa con gli Stati Schengen, in merito all’allentamento delle restrizioni d’entrata nei confronti di Paesi terzi.

Dal 13 marzo 2020, il Collegio esecutivo aveva progressivamente introdotto una serie di restrizioni d’entrata allo scopo di tutelare la popolazione svizzera dall’epidemia di coronavirus e salvaguardare le capacità del sistema sanitario svizzero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
31 min
La rivista ritratta: «Riesamineremo lo studio sull'Echinaforce»
Perché se funziona in laboratorio non è detto che funzioni anche sull'uomo: «È sovrainterpretazione»
GINEVRA / ITALIA
3 ore
Quasi giunto a destinazione l'aereo torna indietro
Il volo, partito questa mattina da Ginevra, ha avuto un problema tecnico.
ZURIGO
6 ore
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
SVIZZERA / BIELORUSSIA
8 ore
Sangallese a Minsk scrive all'amica: «Sono stata arrestata!»
La donna è riuscita anche ad inviare un video in cui si sentono i lamenti delle altre prigioniere
SVIZZERA / ITALIA
11 ore
Liguria contro la quarantena svizzera, ma Berna non molla
La Regione chiedeva una limitazione solo per le aree maggiormente colpite dal contagio
SVIZZERA / BIELORUSSIA
12 ore
Anche una svizzera tra le donne arrestate a Minsk
Sarebbe tra le 300 donne fermate durante l'azione di protesta contro Lukashenko sabato scorso
GRIGIONI
13 ore
Esce di strada per la neve, in auto anche il neonato
La 28enne stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbandato sulla carreggiata innevata.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Record di neve in Vallese, diversi incidenti nei Grigioni
A Montana sono stati misurati 25 centimetri di manto fresco, a Davos quasi 30
FRIBURGO
1 gior
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
1 gior
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile