Archivio Keystone
SVIZZERA
10.06.20 - 11:340

Il numero AVS come chiave universale

È il progetto accolto oggi dal Consiglio degli Stati. L'obiettivo è di garantire un'identificazione sicura del cittadino

BERNA - In futuro il numero AVS potrebbe diventare una sorta di "passepartout" in grado di rendere più efficienti e celeri i processi amministrativi. Un progetto in tal senso del Consiglio federale è stato accolto oggi dal Consiglio degli Stati con 37 voti a 5 e 1 astenuto. Il dossier passa ora al Nazionale.

Tale modifica della legge sull'AVS risponde a una richiesta della Confederazione, dei cantoni e dei comuni. Sarà permesso l'uso sistematico di questo numero per svolgere compiti amministrativi. Ciò consentirà anche di essere più precisi e di garantire un'identificazione al 100% evitando ogni confusione, ha precisato Andrea Caroni (PLR/AR) a nome della commissione.

Secondo l'esecutivo, utilizzare tale numero come identificatore personale permetterebbe di aggiornare in modo automatico, rapido e preciso gli attributi personali, quali cognome, nome o stato civile, e di ridurre l'onere amministrativo per il trattamento dei dati.

Unico elemento identificativo - Con un unico elemento identificativo sarebbe possibile reperire la serie di dati giusta, per esempio se il cognome e il nome sono identici o nel caso di nomi con grafie diverse. Si possono inoltre evitare scambi d'identità che causano costose operazioni di correzione e spiacevoli conseguenze per gli interessati.

Il messaggio governativo dello scorso autunno prevede un utilizzo più ampio e controllato del numero AVS, ciò che dovrebbe agevolare le autorità nello svolgimento dei loro compiti. Rimane escluso l'uso meramente privato.

I senatori hanno aggiunto alla lista delle istituzioni autorizzate a utilizzare il numero AVS gli organi incaricati dell'esecuzione di controlli previsti da una convenzione collettiva di lavoro giuridicamente vincolante. «Se lo scopo di lottare contro il lavoro in nero è legittimo, si tratta comunque di un compito privato e l'uso del numero AVS in questi casi non è la giusta soluzione», ha dichiarato il consigliere federale Alain Berset, tentando invano di convincere il plenum a cambiare idea.

Senza grande entusiasmo - Diversi senatori, scettici circa il rapporto costi-benefici del progetto e il reale vantaggio per i cittadini, si sono detti contrari all'entrata in materia. Daniel Fässler (PPD/AR) ha in particolare sottolineato come le confusioni siano attualmente soltanto lo 0,02% dei casi. Dal canto suo, Lisa Mazzone (Verdi/GE) ha espresso il suo scetticismo sul collegamento dei dati. A suo avviso, al fine di garantire la sicurezza delle informazioni, cantoni e comuni dovranno reperire personale e mezzi tecnici.

Il rischio di collegamento dei dati (utilizzando i numeri d'identificazione corrispondenti nelle diverse banche dati è possibile combinare l'elaborazione di numerose informazioni statistiche ndr.), esiste già oggi e un "no" al progetto non lo farà scomparire, le ha risposto Alain Berset. Il nuovo sistema è soggetto a requisiti severi per quanto riguarda la protezione e la sicurezza dei dati, ha aggiunto.

Il numero AVS è già ampiamente utilizzato da diverse decine di migliaia di istituzioni. Se se ne impedisse l'impiego, ciò creerebbe «un caos immenso», ha messo in guardia Berset. Benché il progetto non susciti «un grande entusiasmo», è necessario creare una base legale per tali istituzioni e prendere misure per arginare i rischi, ha aggiunto.

In modo casuale - Il numero AVS è utilizzato già oggi quale identificatore personale, soprattutto nell'ambito delle assicurazioni sociali. Può essere impiegato anche al di fuori di esse, se ciò è esplicitamente previsto da una base legale federale, cantonale o comunale.

L'attuale numero AVS a 13 cifre è stato introdotto nel 2008. Si tratta di un identificatore che, contrariamente a quello precedente, non contiene alcuna informazione personale. È generato in modo casuale, è univoco e rimane invariato per tutta la vita.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Una passeggiata durante la quarantena gli costa 2'750 franchi
L'uomo quest'estate è andato in Serbia. Al suo ritorno è stato pizzicato fuori casa e denunciato.
GRIGIONI
2 ore
«Era una persona molto umile, viveva per lo sport»
Comunità in lutto per la scomparsa del 25enne, che ha trovato la morte in baita
SVIZZERA
5 ore
Sommaruga all'ONU per la biodiversità: «Servono sforzi globali»
«I governi devono allineare i loro incentivi finanziari e sussidi ai metodi di produzione sostenibili»
BASILEA CITTÀ
6 ore
Condannato il politico UDC che tirò un pugno a uno straniero
Il Tribunale penale di Basilea Città ha inflitto all'uomo una pena pecuniaria (sospesa) per lesioni semplici.
BERNA
9 ore
Questa ciotola è tossica, contiene troppa melammina
Si tratta del piattino della serie griffata “Wildlife Turtle” prodotta dall'azienda Lässig
SVIZZERA
10 ore
Coop e Migros: cala il divario dei prezzi con Lidl, Aldi e Denner
L'ultimo confronto mostra che lo scarto tra Migros e Coop, e le altre aziende, è ora meno marcato
LUCERNA
10 ore
Una IPA fatta con l'intelligenza artificiale
L'idea di un micro-birrificio e della Scuola universitaria di Lucerna ha prodotto 500 bottiglie
BERNA
12 ore
In Svizzera 411 casi e un morto
Covid, il bollettino delle ultime 24 ore. I nuovi ricoveri sono invece 11
SVIZZERA / STATI UNITI
12 ore
Julius Bär a misura di clientela latino-americana
L'interrogativo riguarda il genere di operazione che l'istituto intende praticare
SONDAGGIO
BERNA
13 ore
Covid: tra entusiasmo e restrizioni tornano i grandi eventi
Le limitazioni imposte fanno storcere qualche naso. E ricevere il via libera non è poi così facile.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile