Archivio Keystone
SVIZZERA
08.06.20 - 15:240
Aggiornamento : 16:13

I commercianti: «Togliete le distanze sociali»

La Swiss Retail Federation chiede un ulteriore allentamento delle misure, visto il calo dei contagi

E c'è preoccupazione per l'impiego dell'app SwissCovid, che rischierebbe di causare assenze di dipendenti che hanno avuto contatti con persone infette

Shopping

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Le misure di protezione nel commercio al dettaglio devono essere allentate per evitare seri danni al settore. La Swiss Retail Federation - l'associazione dei dettaglianti - chiede quindi all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di adeguare i provvedimenti visto il costante calo dei contagi.

In particolare i commercianti vogliono abrogare la distanza minima di due metri fra le persone, ispirandosi a quanto avviene in Germania (un metro e mezzo) e in Austria (un metro). L'UFSP ha già previsto di eliminare la norma riguardante la superficie minima (una persona ogni 10 metri quadrati) nel piano di protezione in vigore dal 6 giugno, pure criticata dal settore.

Un freno alla ripresa - Secondo un sondaggio interno all'associazione, la frequenza dei clienti si è normalizzata solo lentamente e le attuali regole di distanziamento sono un freno alla ripresa. Un'indagine nel ramo dell'abbigliamento ha evidenziato che la clientela è rimasta stabile rispetto all'anno precedente solo in un quarto delle aziende, mentre nelle altre è diminuita in alcuni casi fino al 50%. L'intero segmento era ancora ad alto rischio, sottolinea la Swiss Retail Federation in un comunicato.

Settore a rischio con SwissCovid - I dettaglianti temono inoltre che l'applicazione SwissCovid «provochi ulteriori danni alle aziende già gravemente colpite dalle misure di lotta contro la pandemia del coronavirus». Questo strumento di tracciamento potrebbe decretare l'isolamento per un gran numero persone come misura precauzionale. Anche i dipendenti che lasciano il posto di lavoro senza essere stati effettivamente contagiati sono invitati a mettersi volontariamente in quarantena se l'applicazione rileva contatti con persone infette.

«L'improvvisa partenza o l'assenza prolungata dal luogo di lavoro di dipendenti non solo impone ulteriori vincoli organizzativi ai negozi, ma può, nel peggiore dei casi, paralizzarne alcuni e quindi compromettere la sicurezza dell'approvvigionamento», scrive la Swiss Retail Federation. L'associazione, come altre organizzazioni padronali, esige quindi che vengano adottate misure adeguate per ridurre il numero di «falsi allarmi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 min
Non metti tua figlia in quarantena? Arriva la polizia
Gli agenti hanno suonato il campanello alle 21.25 e hanno consegnato al padre la lettera del medico cantonale
SVIZZERA
1 ora
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
2 ore
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
2 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
3 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
3 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
4 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
5 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
7 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
7 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile