20 Minuten
LUCERNA
06.06.20 - 08:140

Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti

Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.

LUCERNA - Un selfie in bagno. Torace nudo. Slip in vista. Bocca semiaperta e con la lingua di fuori. Lo scatto e poi via la pubblicazione su Snapchat. Peccato che l’autore della foto sia un insegnante di una scuola media di Lucerna che ha inviato l’immagine ad amici e - ahilui - studenti. Uno scatto che gli è costato caro, perché l'insegnante da maggio è stato allontanato dalla scuola.

La vicenda viene raccontata oggi sul portale 20 Minuten. L’uomo, viene precisato, aveva già inviato in passato foto ritenute inappropriate.

La lettera sibillina - A far scattare il campanello d’allarme è stata una lettera, inviata lo scorso anno a una allieva di 13 anni, contenente frasi alquanto dubbie. «Sai bene che mi piaci. Mi dispiace se te ne approfitti». E poi ancora: «Peccato che non è più come una volta, quando ridevamo tanto insieme. Ma nonostante tutto mi piaci».

Lo strano video - Poi a Natale gli studenti ricevono un video su whatsapp. Un filmato di una mutanda con su disegnato Babbo natale e la scritta “esprimi un desiderio”. E il messaggio del maestro: «Dovete ascoltarlo con l’audio e dirmi se lo indosserete domani oppure no».

Insomma quanto basta per far indignare le autorità scolastiche locali.

«Si tratta di molestie sessuali» - Per Thomas Minder, presidente dell'Associazione dei preside, la situazione è chiara: «Sarei alquanto sorpreso se l'insegnante dei miei figli dovesse inviare un video simile». Con i propri studenti un docente -qualsiasi piattaforma usi -  comunica sempre il suo ruolo di guida e pedagogo. Come professore, devi sempre essere consapevole di quale immagine stai trasmettendo al mondo esterno, anche sui social network. «Secondo me - commenta Minder - i casi citati testimoniano una vicinanza inappropriata con gli studenti».

Sulla stessa lunghezza d’onda Regula Bernhard Hug, Amministratore delegato di Child Protection Switzerland: «Gli alunni, in un certo senso, dipendono dai loro insegnanti, ricevendo da loro giudizi e voti. Questo maestro ha abusato del rapporto di dipendenza e ha palesemente superato i limiti con i bambini a lui affidati. Dal punto di vista della protezione dei minori, si tratta di molestie sessuali».

 Ha continuato a insegnare - I fatti fin qui narrati sono avvenuti lo scorso anno. L’istituto scolastico era al corrente di quanto accaduto, eppure l’insegnante ha continuare a svolgere il proprio lavoro. Solo poche settimane fa, alla riapertura delle scuole dopo il lockdown, i genitori hanno ricevuto una lettera in cui si comunicava l'interruzione del rapporto di lavoro. 

Le spiegazioni dell’insegnante - Contattato da 20 Minuten, il maestro non ha negato i casi. Ma li ha spiegati e contestualizzati. «La foto inviata su Snapchat era per mostrare il mio nuovo taglio di capelli. L’ho inviata ai miei amici, non a una persona specifica». E poi per quanto riguarda invece il video delle mutande ha spiegato: «Avevamo deciso in classe di presentarci con un abito natalizio. Ero alla Manor a fare spesa e ho visto questo boxer di Natale e ho fatto il video e l’ho mandato ai miei studenti. Si trattava di uno scherzo. Magari fuori luogo. Ma pur sempre uno scherzo».

Il docente ha dichiarato di comprendere il fatto che studenti, genitori e colleghi si siano sentiti offesi. «Ammetto che la lettera manifestava un rapporto troppo intimo. Il selfie su Snapchat e il video delle mutande natalizie sono state azioni spontanee e sconsiderate che si fanno spesso sui social media, ma capisco che inviarli agli studenti è stato sbagliato».

 Quando gli è stato chiesto perché si è tenuto in contatto con gli scolari nel suo tempo libero sui social media, ha spiegato: «Sono i media gli strumenti con i quali gli studenti comunicano principalmente, e ho avuto l'impressione che a loro piacesse comunicare anche con me in questo modo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Niente più restrizioni per chi arriva da questi 21 Paesi
Ci sono Croazia, Bulgaria, Irlanda, Romania e Cipro, nonché Andorra, Monaco, San Marino e Vaticano.
SVIZZERA
3 ore
L'efficacia di SwissCovid? «Per ora è un mistero»
Le ultime cifre indicano che 1.85 milioni di svizzeri hanno scaricato l'app, ma solo la metà la utilizza.
SVIZZERA
4 ore
Immunità di gregge: «Scelto il test sierologico del CHUV»
L'esame verrà utilizzato nel programma Corona Immunitas che dovrà stimare l'immunità della popolazione svizzera.
FOTO
BERNA
5 ore
Un pellicano in fuga catturato nell'Aare
Il volatile è fuggito martedì mattina dalla gabbia dello zoo Dählhölzli di Berna.
SVIZZERA
5 ore
Record in terapia intensiva: il 10 aprile
I posti letto occupati hanno toccato un picco del 99 per cento tre mesi fa
ZURIGO
5 ore
Coronavirus: un buttafuori digitale può salvare la scena dei club?
Più veloce, più sicura e impersonale. Una macchina è in grado di occuparsi dei controlli all'ingresso delle discoteche.
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera 142 nuovi contagi
Salgono a 33 290 i casi dall'inizio della pandemia. Nessun nuovo decesso
SVIZZERA
11 ore
Richemont, vendite a picco tra aprile e giugno
L'azienda numero due al mondo nei beni di lusso non ha avanzato previsioni per il resto dell'esercizio 2020/21
GRIGIONI
11 ore
Trading online: venticinque persone truffate nei Grigioni
La polizia cantonale mette in guardia: «Attenzione agli investimenti finanziari non trasparenti»
SVIZZERA
11 ore
I super-ricchi vogliono raccogliere i frutti dei loro investimenti
La conseguenza? I mercati azionari potrebbero indebolirsi nel resto del 2020
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile