Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
04.06.20 - 15:400

No al taglio dell'IVA per sostenere ristorazione e turismo

Il Consiglio degli Stati è stata respinta una mozione in tal senso di Marco Chiesa

BERNA - Fumata nera oggi al Consiglio degli Stati per una mozione (respinta per 27 voti a 10 e 2 astensioni) di Marco Chiesa (UDC/TI) che chiedeva una riduzione temporanea o l'esenzione dall'IVA per aiutare i settori economici più toccati dalla pandemia, specie il settore della ristorazione e quello alberghiero. Per il ministro delle finanze, Ueli Maurer, una diminuzione di questo balzello non rappresenta una priorità al momento e avrebbe in ogni caso un impatto limitato sulla domanda.

Secondo il senatore ticinese, un'amnistia o una riduzione dell'IVA potrebbe comportare, a seguito della corrispettiva diminuzione dei prezzi, un effetto stimolante sulla domanda interna e sul fatturato oggi in sofferenza.

Un simile intervento potrebbe ridare fiato ai settori più colpiti dalla pandemia, come quello della ristorazione e quello alberghiero, agevolando anche la restituzione dei prestiti garantiti dalla Confederazione da parte di quelle imprese che li hanno richiesti.

Un obiettivo condiviso anche da Stefan Engler (PPD/GR) il quale, rivolto al consigliere federale Maurer, ha giudicato del tutto inutile perorare le vacanze in Svizzera se non si fa qualcosa per aiutare il settore. In Germania, ha ricordato il senatore grigionese, l'Iva sulla ristorazione è stata diminuita temporaneamente dal 19% al 7%, proprio per sostenere un settore fortemente penalizzato dalla pandemia di coronavirus.

Nel suo intervento, Christian Levrat (PS/FR) ha affermato che prima o poi la Confederazione dovrà venire in aiuto ai settori più toccati dalla crisi, come quello del turismo, agendo sia sull'offerta che sulla domanda, per esempio rafforzando il potere d'acquisto dei consumatori. Tuttavia, la soluzione proposta dalla mozione non è quella giusta, poiché altri settori economici potrebbero rivendicare lo stesso trattamento privilegiato.

Tra l'altro, una volta fissato un tasso privilegiato, anche se temporaneamente, diventerebbe difficile rialzarlo, secondo il presidente del partito socialista. Eva Herzog (PS/BS), dal canto suo, ha fatto notare che una sforbiciata alle tasse stravolgerebbe la politica attuale del Consiglio federale, basata piuttosto su aiuti diretti per sostenere il potere d'acquisto dei lavoratori. Un taglio delle tasse avrebbe come conseguenza minori introiti per le casse dello Stato, obbligando il Consiglio federale a presentare programmi di risparmio.

In aula, Maurer ha ricordato che il Consiglio federale ha posto in vigore il 20 marzo un'ordinanza concernente la rinuncia temporanea agli interessi di mora in caso di pagamento tardivo d'imposte. Il differimento permette di evitare i problemi di liquidità.

Vista l'aliquota d'imposta vigente del 3,7%, le promozioni settoriali come la riduzione dell'aliquota speciale per prestazioni del settore alberghiero nell'ambito dell'IVA avrebbero poi un potenziale relativamente ridotto per stimolare la domanda nel settore del turismo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
3 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
8 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
10 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
10 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
11 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
11 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SAN GALLO
14 ore
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
VALLESE
15 ore
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
SVIZZERA
16 ore
Simboli nazisti: «La leggerezza si è diffusa»
I consiglieri nazionali del PS e del centro chiedono il divieto di simboli come la svastica e il saluto nazista.
FOTO
SCIAFFUSA
18 ore
Finisce nell'altra corsia, il frontale gli è fatale
Un 77enne è deceduto ieri tra Sciaffusa e Bargen
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile