Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
04.06.20 - 12:000

Campeggi, cinema e piscine: tutti pronti a riaprire

Sabato 6 giugno scatta la terza fase del graduale ritorno alla normalità. Ecco cosa cambierà

BERNA - Un nuovo passo in avanti verso la normalità a partire da sabato 6 giugno: con la riapertura di cinema, campeggi, impianti di risalita, zoo, teatri e piscine parte la terza fase della delicata crisi del coronavirus in Svizzera. Tuttavia, per alcune attività servirà ancora pazienza.

Gli allentamenti decisi lo scorso 27 maggio dal Consiglio federale riguardano diversi settori e attività, dallo sport alla cultura e dall'intrattenimento al turismo, che dovranno però disporre di un piano di protezione adeguato.

Il numero limite negli assembramenti, già dallo scorso 30 maggio, è passato da 5 a 30 persone e da sabato saranno possibili manifestazioni con un massimo di 300 partecipanti.

Gli allenamenti saranno nuovamente consentiti per tutte le discipline sportive, senza limitazioni relative alle dimensioni dei gruppi, mentre per quanto riguarda le attività che prevedono un contatto fisico stretto tra i partecipanti, gli allenamenti dovranno svolgersi in squadre a composizione stabile e con un elenco delle presenze.

Rimangono tuttavia vietate le competizioni di discipline sportive che comportano un contatto fisico stretto e costante, come la lotta svizzera, il judo, il pugilato o la danza sportiva di coppia. Aveva invece fatto discutere negli scorsi giorni la decisione di consentire - sempre a partire da sabato - le attività nei locali erotici e le offerte della prostituzione.

Sospiro di sollievo per i ristoratori - Inoltre, sempre a partire dal 6 giugno, potranno tirare il fiato anche gli esercenti: sarà infatti abrogato il divieto di accogliere gruppi di più di quattro persone e saranno di nuovo permesse attività come il biliardo o la musica dal vivo. Anche in questo caso il limite è di 300 ingressi per sera e tutti i locali dovranno chiudere entro la mezzanotte.

Bar e ristoranti dovranno tuttavia garantire la ricostruzione dei contatti: nei gruppi superiori a quattro persone, un consumatore dovrà lasciare le sue informazioni personali (nome, cognome e numero di telefono). Le ordinazioni dovranno essere consumate ancora esclusivamente stando seduti.

Al via la stagione turistica - Il 6 giugno è una data marcata in rosso sul calendario anche da tutti gli operatori attivi nel settore del turismo: riapriranno gli impianti di risalita, i campeggi e le strutture turistiche come le piste da slittino estive o i parchi di divertimento.

Da sabato tutte le principali attrazioni escursionistiche del paese dovrebbero riaprire i battenti per dare ufficialmente il via alla stagione estiva di questo controverso 2020. Sulla Jungfrau, ad esempio, la ferrovia che porta alla celebre vetta dell'Oberland bernese tornerà in funzione «il più normalmente possibile», ha assicurato la portavoce del gruppo Jungfraubahnen Katrin Naegel. La compagnia non ha previsto di limitare il numero di passeggeri.

In effetti, per gli impianti di risalita e le ferrovie di montagna si applicano le stesse regole in vigore sui trasporti pubblici. Non ci saranno limitazioni di posto, ma è raccomandato l'uso della mascherina igienica se non può essere mantenuta una distanza minima di due metri.

Non tutti gli operatori applicheranno le stesse disposizioni: la teleferica del Säntis, che si trova tra i cantoni di Appenzello Interno, Appenzello Esterno e San Gallo, limiterà il numero di occupanti - da 85 a meno di una cinquantina - per lasciare più spazio tra i passeggeri. Al Pilatus (LU) gli scompartimenti del trenino a cremagliera accoglieranno solo 6 persone invece delle 8 previste, mentre all'interno della teleferica che raggiunge la vetta saliranno solo 30 persone invece di 55.

Distanza e percorsi a sensi unici - Sono molteplici anche i piani di protezione che regoleranno l'accesso negli zoo, nei parchi divertimenti o nelle piscine.

Per le piscine pubbliche, i piani di protezione prevedono di evitare la concentrazione di persone ed è necessario mantenere una distanza di due metri tra ogni nuotatore. Gli spogliatoi e le docce devono rimanere chiusi, ad eccezione di due-tre cabine maschili e femminili. C'è dunque da attendersi una limitazione degli ingressi a seconda della superficie a disposizione.

A Zurigo, lo zoo introdurrà un percorso a senso unico - così come la Swissminiatur a Melide e lo Swiss Vapeur Parc di Le Bouveret (VS) - per evitare l'affollamento in determinate aree.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
40 min
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
2 ore
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
SVIZZERA
4 ore
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
6 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
7 ore
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
SVIZZERA
10 ore
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
18 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
19 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
20 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
1 gior
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile