Ti Press
SVIZZERA
04.06.20 - 10:410

Richiedenti asilo, il controllo dei cellulari per l'identificazione divide

Per alcuni si tratta di una grave violazione della sfera privata, per altri è una misura giustificata.

BERNA - L'accesso a cellulari e computer dei richiedenti asilo per accertarne l'identità divide il mondo politico. La sinistra e l'Organizzazione svizzera aiuto ai rifugiati (OSAR) denunciano una grave violazione della sfera privata, mentre secondo i partiti più conservatori si tratta di una misura giustificata e proporzionata.

Il progetto di legge, posto in consultazione fino a oggi, era stato trattato lo scorso febbraio dalla Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-N). Si tratta di un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Gregor Rutz (UDC/ZH), che mira a permettere alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) di verificare l'identità dei richiedenti l'asilo tramite i loro apparecchi elettronici.

Il disegno di legge si basa sulle esperienza raccolte da novembre 2017 a maggio 2018 dalla SEM in due progetti pilota nei centri federali d'asilo di Chiasso e Vallorbe (VD). In tale occasione sono stati utilizzati per l'identificazione, su base volontaria, i supporti mobili di dati dei richiedenti l'asilo. È così stato possibile raccogliere informazioni sull'identità, l'origine e l'itinerario di viaggio e trasmettere dati importanti anche alla polizia e alle autorità di sicurezza.

Sia la commissione del Nazionale, sia quella degli Stati avevano approvato la proposta di Rutz, sostenendo che l'estensione dell'obbligo di collaborare per i richiedenti asilo rappresenta un metodo sussidiario ed efficace ai fini dell'accertamento dell'identità. Esso contribuisce anche ad accrescere la credibilità della procedura d'asilo e a lottare contro i passatori.

Visione diverse dai partiti - Secondo il deputato democentrista, circa 8 richiedenti su 10 entrano in Svizzera senza documenti, ma con telefoni cellulari, tablet o computer portatili. La SEM attualmente non ha la possibilità di controllarli, benché in altri Paesi, come ad esempio la Germania e la Norvegia, questa prassi costituisca già una misura di routine.

Secondo il PLR, tale prassi permette una facilitazione e una maggior credibilità dell'asilo nel suo insieme. Per quanto riguarda la protezione dei dati, i liberali radicali - come anche il PPD - ritiene la misura «accettabile e proporzionata».

PS e Verdi rimangono invece sulle barricate, sostenendo che il progetto violi la privacy dei richiedenti e prolunghi la procedura d'asilo. Gli ecologisti lamentano invece l'assenza di un via libera da parte dell'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza.

Divisi anche i Cantoni - Il progetto divide anche i singoli Cantoni: Berna ritiene che la verifica degli apparecchi sia un metodo efficace per ottenere informazioni sull'identità ed è anche positivo che le misure possano essere utilizzate durante tutta la procedura d'asilo fino all'eventuale esecuzione dell'espulsione. Dello stesso parere anche Basilea Città e Basilea Campagna, nonché Friburgo, che accoglie favorevolmente l'introduzione di tale prassi, poiché i dati vengono cancellati al più tardi entro un anno.

Secondo Ginevra l'utilizzo delle informazioni raccolte deve essere strettamente limitato all'identificazione e deve avvenire con il consenso del richiedente e dopo che quest'ultimo abbia dimostrato di rifiutarsi di collaborare. Anche Neuchâtel si è detto contrario, sostenendo che il progetto rappresenta un'eccessiva intrusione nella privacy delle persone interessate.

La Conferenza dei direttori cantonali di giustizia e polizia (CDCGP) si è astenuta dal presentare una dichiarazione. Per prendere una posizione è necessario che almeno 18 Cantoni condividano la stessa opinione.

Lacune nella protezione dei dati - Per la OSAR, che difende i diritti dei richiedenti asilo, il progetto mostra gravi lacune sia dal punto di vista dello Stato di diritto, sia da quello della protezione dei dati.

Secondo l'organizzazione, i richiedenti asilo possono già mettere a disposizione volontariamente i loro dati o i loro apparecchi per provare la loro identità e la loro origine, ma obbligarli sarebbe «sproporzionato». Tale disposizione - aggiunge l'OSAR - lascia supporre che i richiedenti asilo siano potenziali criminali. Inoltre, i controlli da parte delle autorità che consultano i dati privati di queste persone non sarebbero soggetti ad alcun controllo giudiziario.

L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNCR), in una nota odierna, critica il progetto di legge bollandola come una grave violazione della privacy, protetta dai diritti umani.

In Germania è stata creata una base giuridica e i dati possono persino essere valutati sistematicamente. Tuttavia, secondo la piattaforma "asile.ch" l'esperienza tedesca si è rivelata poco efficace. Inoltre, il progetto pilota condotto a Chiasso e Vallorbe ha comportato un notevole carico di lavoro supplementare. Se dovesse essere esteso a livello nazionale, servirebbero maggiori risorse che «la SEM al momento non è in grado di quantificare con precisione».

Al momento non è stato tuttavia pubblicato un rapporto esaustivo dell'esperienza nei due centri.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
4 ore
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
10 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
13 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
15 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
16 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
19 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
1 gior
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
1 gior
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile