20M
SVIZZERA
04.06.20 - 23:000
Aggiornamento : 05.06.20 - 17:06

Senza lavoro a causa della sua statura

È la storia di una 26enne discriminata dall'Ospedale della Svizzera orientale, dal quale ha ricevuto una mail offensiva

Inclusione Andicap: «In Svizzera non si può fare nulla contro i datori di lavoro privati autori di discriminazioni»

SAN GALLO - È ormai da cinque anni che Rosanna Dede di San Gallo, una giovane di statura particolarmente bassa, è in cerca di un posto di lavoro. Nonostante abbia inviato centinaia di candidature, per ora ha ricevuto soltanto risposte negative. «Nessuno ha esplicitamente parlato della mia statura, ma più volte ho pensato che c'entrasse qualcosa» racconta a 20 Minuten.

Di recente ne ha avuto la conferma, seppure involontariamente. Si tratta di una mail che l'Ospedale della Svizzera orientale le ha inviato in risposta a una sua candidatura per una posizione come segretaria medica: nel titolo si leggeva tra l'altro, «manca curriculum (candidata già più volte - è fisicamente disabile)». La 26enne è rimasta senza parole.

Il giorno successivo Dede ha risposto alla mail dell'ospedale, dicendosi sconvolta per quanto si è ritrovata a leggere. Ecco quindi che dalla struttura sanitaria si è fatta viva una collaboratrice per porgerle le sue scuse. Scuse che però per la giovane valgono poco: «L'indicazione che c'era nella mail mi ha ferita».

La responsabile del team ospedaliero afferma: «Di certo quel testo non andava inviato alla candidata». È stata lei stessa a spedire la mail. E parla di una distrazione. La struttura ha ricevuto molte candidature e quella della signora Dede, comunque, non era completa, sottolinea.

L'associazione Inclusione Andicap, che difende i diritti delle persone con disabilità, critica il fatto che in Svizzera non esista nessuno strumento per procedere contro i datori di lavoro privati autori di discriminazione nelle assunzioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
46 min
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
56 min
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
1 ora
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
2 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
3 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
5 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
5 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
6 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
ZURIGO
12 ore
«Non ho intenzione di mettere la mia bambina in quarantena»
Il maestro di scuola elementare della figlia è risultato positivo al Covid-19. Ma per il genitore è una regola «assurda»
FOTO
NIDVALDO
14 ore
Quella "fortezza" nidvaldese che vuole prendersi il WEF
Sulla via che conduce il WEF a Lugano incombe un moderna "fortezza medievale".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile