Foto lettore 20 Minuten / Google Maps
BERNA
03.06.20 - 23:300
Aggiornamento : 04.06.20 - 06:49

Non ci sono i distributori, lui viene multato ugualmente

La denuncia di una mamma: «Era impossibile acquistare il biglietto, il controllore è in cattiva fede».

AutoPostale: «Se pensa di avere subito un'ingiustizia, può fare reclamo»

KRAUCHTHAL - «Che cosa devo fare se non posso comprare un biglietto perché non ci sono distributori automatici?». In casi eccezionali come questo, puoi acquistare il biglietto a posteriori presso un distributore automatico di biglietti o mediante un’app di Mobile Ticketing». È questo uno dei tanti messaggi trasmessi da AutoPostale, soprattutto sui canali social, durante il periodo “caldo” dell’emergenza Covid-19. Messaggio che ieri mattina non sarebbe stato onorato da un dipendente di AutoPostale a Krauchthal, almeno secondo la testimonianza di una mamma.

Suo figlio, 15 anni, ha preso il bus per recarsi a scuola. Solitamente utilizza il motorino, che però al momento è rotto. La donna gli ha quindi dato i soldi per l’acquisto di un biglietto multicorse. Il problema è che sull’intero percorso da casa a scuola non sono presenti distributori automatici e attualmente, per le misure di protezione contro il contagio da coronavirus, non è possibile acquistarli dal conducente. Il 15enne aveva quindi intenzione di andare a comprarlo durante la pausa pranzo a Hindelbank.

Risultato? Durante il viaggio verso la scuola il ragazzo è stato multato. Cento franchi in quanto non in possesso del biglietto. «Come avremmo potuto acquistarlo se non ci sono le macchinette? - si sfoga con 20 Minuten la madre -. Inoltre non tutti posseggono una carta per l’acquisto online».

La portavoce di AutoPostale, Katharina Merkle, ha spiegato a 20 Minuten che «l’azienda dimostra tolleranza, almeno fino a quando non sarà di nuovo possibile acquistare i biglietti sul bus». Tuttavia, «l’obbligo di essere in possesso di un biglietto valido resta in vigore. Se non è riuscito in nessun modo ad averlo prima di salire sul mezzo di trasporto, deve poterlo dimostrare».

Il 15enne, però, afferma di avere provato a spiegarlo in tutti in tutti i modi al controllore, che non gli ha voluto credere.

Sul caso specifico, AutoPostale non fornisce dichiarazioni. Ma assicura che «se un cliente ritiene di essere stato penalizzato ingiustamente, ha il diritto di contattare il servizio clienti».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
tazmaniac 3 mesi fa su tio
beh è successo a Krucktal...non bisogna stupirsi... ;o)
Mattiatr 3 mesi fa su tio
Se non trovi il distributore, semplicemente sali sul bus e chiedi informazioni all'autista, almeno lasci traccia della volontà di pagare il biglietto. Così facendo il conducente avrebbe potuto proteggerlo evitando tutti sti problemi. Invece, nel caso in cui volesse fare il biglietto, lui è salito sul bus ignorando tutto e tutti per poi probabilmente non pagare. Per evitare il problema sarebbe stato sufficiente parlare, però dal vivo, non la sera su Facebook.
sedelin 3 mesi fa su tio
@Mattiatr dall'articolo sembra che l'autista fosse inavvicinabile per via del covid. fare il processo alle intenzioni é sempre scorretto.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@sedelin Io baso molto la mia opinione su certi temi sulla mia esperienza, avendo pochi anni in più del ragazzo coinvolto. Io a 15 anni per esempio facevo almeno 3 ore di bus al giorno, non 15, malgrado ciò non ho mai avuto problemi. Quando invece delle 5, mi svegliavo alle 5:15 i miei mi dicevano felicemente di arrangiarmi, malgrado l'ora e mezza di ritardo che avrei avuto a lezione (belle le coincidenze). Questo per tutti i campi, dalla cassa malati, alle multe in auto ecc. Non sarà stato il metodo più sottile, eppure ne sono felice perché ho imparato ad arrangiarmi. Fosse successo a me i miei mi avrebbero detto di arrangiarmi e le lamentele sarebbero rimaste in casa. Difatti i distributori non c'erano già prima del fatto, le informazioni erano disponibili, quindi è colpa della posta costretta a cambiare sistema per la situazione eccezionale oppure della famiglia o del ragazzo che non si è nemmeno informato? La foto della multa sembra fatta sul bus con un natel, usarlo per informarsi? Lamentandosi su Facebook la madre gli ha solo mostrato che il mondo è ingiusto, che non è mai colpa sua e che gli altri devono scusarsi per i tuoi errori. Questo secondo me è il problema, non tanto l'errore, perché servono a imparare e a migliorare.
Norvegianviking 3 mesi fa su tio
@Mattiatr Magari ingenuità del ragazzo ? Tutto possibile. Speriamo che dovesse succedere a te di essere sanzionato per una banalità (2 minuti oltre il tempo massimo del posteggio per esempio) tu non ti lamenti. Anzi immagino ne saresti felice e ti metteresti a cantare "Quando bionda aurora...". Nella vita ci vuole anche un po' di tolleranza e buonsenso altrimenti finiamo tutti per odiarci, per non accettare nulla dell'altro ed essere rigidi per ogni piccolezza.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@Norvegianviking Tranquillo, ho preso multe per il tempo e per aver posteggiato con la gomma sulla riga del parcheggio. Io non ho detto che sia giusto, bello o felice, malgrado ciò la gente deve imparare ad assumersi le proprie responsabilità. Sono il primo a cui rode prendere multe o fare errori, però non oserei mai scaricare ad altri la colpa quando ho fatto tutto da solo. Non ho detto che sia giusto o bello, ma che non deve scaricare tutto agli altri, d'altronde su Facebook, se hai qualcosa da dire lo dici al tuo interlocutore, non al mondo tanto per farsi vedere. In ultimo dico che sono il primo a dire che le multe per cose ridicole sono esagerate, malgrado ciò non mi troverai a lamentarmi sui social.
lo spiaggiato 3 mesi fa su tio
@Mattiatr Hanno fatto benissimo a multarti...!
GI 3 mesi fa su tio
Wow che fasctidi grass.....
Mah916 3 mesi fa su tio
Fatto molto grave, sono e' un episodio che puo' lasciare un segno nella mente dell'adolescente, valuterei con un legale gli estremi per procedere contro Auto postale.
Numeri primi 3 mesi fa su tio
Ottimo! La correttezza paga! Purtroppo i controllori sono confrontati con molti furbetti, da qui la loro intransigenza.
comp61 3 mesi fa su tio
contatti il servizio clienti: caso chiuso.
Norvegianviking 3 mesi fa su tio
@comp61 Io però prima farei una considerazione: la rigidità e l'ottusità del popolo svizzero a volte travalica la fantascienza
sedelin 3 mesi fa su tio
@Norvegianviking una banale generalizzazione
Norvegianviking 3 mesi fa su tio
@sedelin Assolutamente tutto fuorché generalizzazione. La viviamo tutti i giorni, se poi sei oltr'alpe è perfino intrinseco nella gente. Se tu non la noti, vuol dire che ti sei adattato bene.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
1 ora
Litiga con alcuni giovani e spara con un fucile da caccia
L'uomo di 78 anni, che ha esploso un unico colpo per terra, è stato arrestato dalla polizia. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
1 ora
Giovedì 12 marzo? «Il giorno in cui le cose sono davvero cambiate»
Un libro mostra i retroscena della pandemia, e del lockdown, nel nostro paese
GRIGIONI
2 ore
Contro il guardrail in moto, 30enne in ospedale
Il centauro stava viaggiando sul passo dello Julier con un gruppo di altri motociclisti.
SVIZZERA
3 ore
«Ora stiamo usando un bisturi, a marzo ci voleva un'ascia»
Il capo della Task force Covid-19 della Confederazione sostiene la strategia finora adottata da Berna.
SVIZZERA
4 ore
Un salario minimo di 23 franchi all'ora? Si vota a Ginevra
Non solo nazionali: anche a livello cantonale sono previste settimana prossima delle votazioni rilevanti
GIURA
16 ore
Pedone investito da una bici: muore sul posto
L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio a Glovelier
FOTO
GRIGIONI
18 ore
Il masso sulla Tesla interrompe la vacanza
Brutta disavventura per una coppia diretta in Engadina
GINEVRA
18 ore
Gli infermieri chiedono una negoziazione degli orari
Al centro delle loro rivendicazioni vi è una modifica del piano orario che impone una pausa di un'ora a metà giornata
LUCERNA
19 ore
Le opere del lockdown raccolgono 36'300 franchi
Il ricavato degli "schizzi" di solidarietà finirà a una Fondazione che sostiene gli artisti figurativi
SVIZZERA
23 ore
A Zurigo si manifesta contro «la bugia del coronavirus»
Sono circa 500 le persone che si sono riunite per protestare contro il Covid-19 e le misure che ne sono conseguite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile