Archivio Depositphotos
Attualita
02.06.20 - 15:210

Le apnee nel sonno potrebbero causare demenza e altri disturbi

Sono oltre 150'000 le persone che in Svizzera soffrono di sintomi legati alle apnee notturne

LOSANNA - Il mancato afflusso di ossigeno derivato dalle apnee nel sonno causa la perdita di materia grigia in alcune aree del cervello. Ciò, secondo uno studio dell'Ospedale universitario di Losanna (CHUV), potrebbe favorire l'apparizione di demenza o disturbi cognitivi.

Oltre 150'000 persone in Svizzera soffrono di sintomi legati alle apnee notturne, come russare, sonnolenze diurne o calo della concentrazione. Questa disfunzione, caratterizzata dalla ripetuta chiusura della gola, è all'origine di momentanei arresti della respirazione e di un deficit di ossigeno nel corpo.

Il tasso di saturazione, che di solito fluttua fra il 94% e il 98%, può scendere sotto l'85% nelle persone affette dalla sindrome, ricorda in un comunicato odierno il CHUV. Ora, una ricerca a cura proprio della struttura vodese e pubblicata sulla rivista Annals of Neurology, illustra una serie di conseguenze a livello cerebrale.

Secondo lo studio infatti, una scarsa ossigenazione notturna provoca una diminuzione del volume di determinate zone del cervello. Fra queste, sono colpite l'ippocampo, l'amigdala, i gangli della base e alcune aree della corteccia fronto-parietale.

Stando ai calcoli dei ricercatori, una diminuzione dell'1% del tasso di saturazione di ossigeno mentre si dorme causa in media una perdita dello 0,63% del volume della materia grigia presente nelle zone sopraccitate. Questa sostanza non è altro che l'insieme dei corpi dei neuroni ed è responsabile di funzioni mentali come la memoria. Le apnee notturne potrebbero quindi aiutare lo sviluppo di disturbi cognitivi o l'apparizione di condizioni come la demenza.

Lo studio del CHUV è il più vasto a livello mondiale che scandaglia i legami fra apnee nel sonno e anatomia del cervello. Ha coinvolto i 775 partecipanti al progetto di ricerca CoLaus/PsyCoLaus, registrati mentre dormivano e sottoposti a una risonanza magnetica cerebrale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
53 min
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
1 ora
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
2 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
2 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
2 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
3 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
4 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
6 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
6 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
7 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile