Prevenzione Svizzera della Criminalità
SVIZZERA
02.06.20 - 10:390
Aggiornamento : 15:09

Quando prelevi al bancomat non lasciarti distrarre

La nuova campagna "Card Security" di Prevenzione Svizzera della Criminalità

ZURIGO - Approfittare della disattenzione o approfittare della fiducia altrui. Sono questi i maggiori trucchi usati dai truffatori nei reati connessi alle carte di pagamento. Ed è proprio su essi che fa leva la campagna Card Security della polizia. Perché il punto più debole nei reati connessi alle carte di pagamento è l’essere umano. E una maggiore attenzione può ridurre al minimo le frodi.

La categoria più a rischio: gli anziani - Le frodi con le carte avvengono ovunque e per lo più inaspettatamente. Basta che un malintenzionato spii il codice PIN o che qualcuno distragga chi sta prelevando al bancomat, e in un attimo spariscono soldi e carta. I malfattori, poi, prelevano grosse somme di denaro da vari bancomat nel giro di pochi minuti, di solito ancora prima che le vittime si accorgano di essere state derubate. «La maggior parte delle vittime ha più di 65 anni, spesso anche più di 80 anni - spiega Rolf Nägeli, capo del Commissariato Prevenzione della Polizia municipale di Zurigo -. I malfattori approfittano della buona fede di queste persone». Ma anche i giovani ne possono essere vittime. «La cosa peggiore è la disattenzione!».

Minori truffe durante l’emergenza coronavirus - Non sorprende che durante il lockdown per via del coronavirus i danni causati dalle frodi con le carte di pagamento siano stati molto inferiori. «Ciò è riconducibile, da un lato, al fatto che le persone di età superiore ai 65 sono rimaste più in casa», spiega Nägeli. «D’altra parte abbiamo anche notato che molte più persone hanno pagato senza contatto». Era quindi impossibile spiare il codice PIN.

Sensibilizzare la popolazione - Proprio per questo motivo è importante sensibilizzare di nuovo la popolazione dopo l’allentamento delle misure restrittive anti coronavirus. Le misure per proteggersi includono in particolare l’accortezza di coprire con una mano la digitazione del codice PIN, di non scriverlo da nessuna parte, di non farsi mai distrarre o aiutare da estranei mentre si stanno facendo operazioni al bancomat e di conservare la carta in un luogo sicuro.

La nuova campagna Card Security, lanciata dalla polizia in tutta la Svizzera, è concepita per sensibilizzare la popolazione sul corretto utilizzo delle carte di debito e di credito. A tale scopo sono stati creati manifesti, video per i social media e un opuscolo con consigli utili. I titolari di carta possono ottenere informazioni complete sull’argomento anche consultando il sito www.card-security.ch.

 

Prevenzione Svizzera della Criminalità
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
SVIZZERA / BIELORUSSIA
2 ore
Sangallese a Minsk scrive all'amica: «Sono stata arrestata!»
La donna è riuscita anche ad inviare un video in cui si sentono i lamenti delle altre prigioniere
SVIZZERA / ITALIA
6 ore
Liguria contro la quarantena svizzera, ma Berna non molla
La Regione chiedeva una limitazione solo per le aree maggiormente colpite dal contagio
SVIZZERA / BIELORUSSIA
6 ore
Anche una svizzera tra le donne arrestate a Minsk
Sarebbe tra le 300 donne fermate durante l'azione di protesta contro Lukashenko sabato scorso
GRIGIONI
7 ore
Esce di strada per la neve, in auto anche il neonato
La 28enne stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbandato sulla carreggiata innevata.
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Record di neve in Vallese, diversi incidenti nei Grigioni
A Montana sono stati misurati 25 centimetri di manto fresco, a Davos quasi 30
FRIBURGO
18 ore
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
20 ore
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
SONDAGGIO
SVIZZERA
22 ore
Berna in cerca di vaccini (che non ci sono)
Anche l'influenza normale dà da pensare all'Ufficio federale di sanità. Le case farmaceutiche hanno il fiato corto
SVIZZERA
23 ore
Il presidente del PS si mette in quarantena
Christian Levrat ha precauzionalmente annullato tutti i suoi impegni in attesa del risultato del test.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile