Ti Press
SVIZZERA
02.06.20 - 09:110
Aggiornamento : 10:05

Mezzi privati e telelavoro tolgono benzina al trasporto pubblico

In futuro bisognerà trovare il modo di coniugare i nuovi bisogni di mobilità con la protezione del clima.

Per questo motivo dovrebbero essere trovate delle soluzioni alternative

BERNA - La pandemia di Covid-19 potrebbe lasciare un segno indelebile sulla mobilità nella Confederazione. Gli svizzeri in futuro vorrebbero utilizzare meno i trasporti pubblici a favore di mezzi privati e telelavoro. È quanto emerge da un sondaggio condotto dalla società di consulenza Deloitte Suisse, secondo cui le aziende di trasporto e le autorità dovranno elaborare soluzioni per coniugare i nuovi bisogni di mobilità e la protezione del clima.

Per evitare il rischio di contrarre il coronavirus sui mezzi pubblici, numerosi cittadini elvetici preferiscono utilizzare l'auto, la moto, oppure continuare a lavorare da casa, rileva l'inchiesta - effettuata a metà aprile su oltre 1500 lavoratori residenti nella Confederazione - pubblicata oggi.

I giovani scelgono auto e moto - Un terzo degli intervistati indica che in futuro, per gli spostamenti, utilizzeranno maggiormente la bicicletta, lo scooter elettrico oppure sceglieranno di andare a piedi. Un quarto afferma di voler usufruire meno spesso di treni, bus, tram o taxi, mentre il traffico individuale motorizzato segnerà un aumento generale.

Oltre un quarto degli intervistati (26%) al di sotto dei 30 anni intende utilizzare più spesso l'auto, mentre il 29% la moto. Per la politica climatica della Svizzera, l'epidemia di coronavirus - e il conseguente aumento degli spostamenti con trasporti individuali a scapito dei mezzi pubblici - rischia di essere un vero e proprio schiaffo in faccia.

Il sondaggio mostra tuttavia che ci sarà un incremento degli spostamenti a piedi o in bicicletta soprattutto nei centri urbani. Da ciò emergeranno dunque nuove rivendicazioni legate a infrastrutture più adeguate, ad esempio nuovi passaggi pedonali, piste ciclabili oppure una regolamentazione del traffico motorizzato nelle città.

Ripensare la mobilità - A influire sulla mobilità dei cittadini in Svizzera, attualmente, è anche l'opportunità - o l'imposizione - del telelavoro. L'home office ha infatti l'occasione di farsi strada e le autorità dovranno prevedere e tenere conto di questa situazione anche in futuro, poiché ci sarà una tendenza sempre maggiore a lavorare da casa e ciò si rifletterà anche sulla pianificazione dei trasporti. Secondo Deloitte, alcuni progetti di infrastrutture dovrebbero essere ripensati o adattati alle nuove circostanze.

Per tener conto di queste mutevoli esigenze in materia di spostamenti, le autorità e gli attori economici sono invitati a sviluppare concetti di mobilità flessibili e incoraggiare forme alternative, sostiene Deloitte, citando ad esempio il noleggio di biciclette elettriche o il car sharing.

La tendenza a un maggior utilizzo dei mezzi privati a scapito dei trasporti pubblici «non dovrebbe tuttavia impedire alla Svizzera di raggiungere gli obiettivi di riduzione di CO2 previsti e di introdurre un'efficace tassa d'incentivazione», sostiene Reto Savoia, CEO di Deloitte Suisse, citato in un comunicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile