keystone
VAUD
31.05.20 - 20:270

Dipendenti comunali licenziati per essere riassunti

Accade a Losanna. Il nuovo contratto riduce di 10 minuti la giornata lavorativa. E ridotto è pure il salario

A tutti gli interessati è stato garantito sino al 15 giugno per accettare

LOSANNA - Dipendenti comunali licenziati con offerta automatica di un nuovo contratto, che riduce di 10 minuti il lavoro quotidiano e, in misura analoga, il salario: succede a Losanna, città con un esecutivo a larga maggioranza rosso-verde, come sottolinea chi critica un approccio che non fa l'unanimità.

Con lettera raccomandata datata 20 maggio i 150 accompagnatori e responsabili dei compiti scolastici del capoluogo vodese si sono visti notificare il loro licenziamento per il 31 agosto, riferisce il quotidiano locale 24 heures nella sua edizioni di sabato. A tutti gli interessati è stato però garantito un lasso di tempo sino al 15 giugno per accettare, se lo desiderano, un nuovo contratto.

Scopo della manovra è ridurre di 10 minuti il lavoro quotidiano, perché dal prossimo anno scolastico i compiti dei ragazzi dureranno 110 minuti invece di 120, e avranno fine non più alle 17.30, bensì alle 17.20. Il tasso di attività del personale sarà adeguato di conseguenza, così come gli stipendi.

Tutto era passato quasi inosservato sino a venerdì, quando la sezione locale del PLR ha pubblicato un comunicato in cui parla di un approccio «meschino». «In piena incertezza legata al Covid-19, il municipio agisce in modo duro e senza ritegno», afferma il presidente liberale-radicale Philippe Miauton, sottolineando quelle che considera le contraddizioni di una città in mano alla sinistra (sei dei sette seggi) e che ancora di recente si è compiaciuta di essere «un datore di lavoro esemplare».

«Formalmente non c'era altro modo di procedere, ma il tutto avrebbe meritato una migliore comunicazione», ammette in dichiarazioni riportate da 24heures David Payot, il municipale POP (Parti Ouvrier Populaire, partito operaio popolare) competente per il dicastero gioventù.

«Il fatto è che, a causa del coronavirus, non abbiamo potuto tenere una seduta informativa collettiva». Seduta che avrebbe dovuto spiegare il motivo della riorganizzazione: «Vediamo che l'attività dei compiti accompagnati dura più a lungo di quanto non abbia senso per i bambini», afferma Payot. «L'ultimo quarto d'ora non ha un grande valore, perché gli alunni in realtà hanno già finito i compiti».

Visto il periodo di tempo in questione, l'impatto sullo stipendio sarà limitato, aggiunge l'uomo politico, che si dice pronto a offrire un compensazione a chi vorrà. «Stiamo cercando personale per altre attività, in particolare durante le vacanze». L'obiettivo dei licenziamenti non è solo contabile. «Due terzi di queste persone hanno un contratto di diritto privato, gli altri sono dipendenti comunali. Ne approfitteremo per stabilizzare gli impegni fissi».

«Se sarà così tanto meglio, lo vedremo», reagisce Maria Pedrosa, segretaria della sezione vodese del Sindacato dei servizi pubblici (VPOD/SSP). «Siamo sorpresi, perché non siamo stati consultati», ha indicato alla testata romanda.

Il modo di procedere dell'esecutivo comunale è assai poco apprezzato dalla cittadinanza, a giudicare dai commenti che ha suscitato la notizia sugli stessi portali che l'hanno pubblicata. C'è chi giudica irritante che il metodo licenziamento-cambiamento di contratto, in uso nell'economia privata, sia applicato da un municipio di sinistra. Altri sostengono che le misure di risparmio andranno a colpire persone, spesso donne, per cui anche pochi franchi fanno la differenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
16 min
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
SVIZZERA / BIELORUSSIA
1 ora
Sangallese a Minsk scrive all'amica: «Sono stata arrestata!»
La donna è riuscita anche ad inviare un video in cui si sentono i lamenti delle altre prigioniere
SVIZZERA / ITALIA
5 ore
Liguria contro la quarantena svizzera, ma Berna non molla
La Regione chiedeva una limitazione solo per le aree maggiormente colpite dal contagio
SVIZZERA / BIELORUSSIA
5 ore
Anche una svizzera tra le donne arrestate a Minsk
Sarebbe tra le 300 donne fermate durante l'azione di protesta contro Lukashenko sabato scorso
GRIGIONI
6 ore
Esce di strada per la neve, in auto anche il neonato
La 28enne stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbandato sulla carreggiata innevata.
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Record di neve in Vallese, diversi incidenti nei Grigioni
A Montana sono stati misurati 25 centimetri di manto fresco, a Davos quasi 30
FRIBURGO
18 ore
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
19 ore
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
Berna in cerca di vaccini (che non ci sono)
Anche l'influenza normale dà da pensare all'Ufficio federale di sanità. Le case farmaceutiche hanno il fiato corto
SVIZZERA
22 ore
Il presidente del PS si mette in quarantena
Christian Levrat ha precauzionalmente annullato tutti i suoi impegni in attesa del risultato del test.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile